Settembre 20, 2021

AFV

Libera la tua mente

Uiguri, la risposta della Cina all’occidente

Pechino: “Gli autori dei massacri in Libia e Siria non dovrebbero essere sanzionati?”

Dopo che l’Australia e la Nuova Zelanda, in una dichiarazione congiunta, hanno accolto con favore la decisione di Stati Uniti, UE, Canada e Gran Bretagna di imporre sanzioni agli alti funzionari cinesi sulla base della fake news delle fake news del “genocidio degli uiguri” nello Xinjang, è arrivata forte la risposta della Cina.

Il ministero degli Esteri cinese ha invitato le nazioni dell’alleanza “Five Eyes” – Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti – ad entrare nel XXI secolo e a smettere di vedere Pechino come se fossimo ancora all’epoca della dinastia Qing.

Oggi, durante una conferenza stampa, la portavoce del ministero degli esteri Hua Chunying ha esortato in modo molto chiaro le nazioni dell’alleanza Five Eyes – che ricorda sinistramente l’alleanza delle Otto Nazioni che ha invaso e saccheggiato la Cina settentrionale nel 1900 – a smettere di interferire negli affari interni della Cina.

“La Cina ora non è la Cina di 120 anni fa. I cinesi non sono irritabili, ma se sono irritati, saranno difficili da gestire”, ha precisato Hua.

Mettendo in dubbio la legittimità di queste nazioni ad attaccare la Cina per presunte violazioni dei diritti umani, la portavoce ha ribadito che “le Nazioni Unite hanno più di 190 Stati membri. Diversi alleati come la “Five Eyes Alliance” non possono rappresentare la comunità internazionale “, dove c’è stato sempre “scarso” sostegno per le loro critiche alla Cina.

“Basta guardare la mappa del mondo e saprate che la Cina ha amici in tutto il mondo. Di cosa dovremmo preoccuparci? ” ha aggiunto.

Un passaggio del portavoce del ministero cinese merita di essere riportato per intero perché smaschera in modo impeccabile la vergognosa ipocrisia occidentale sui diritti umani, in particolare di quel mostro noto come Parlamento europeo e il suo grottesco presidente Sassoli.

“Negli ultimi 40 anni, la popolazione del gruppo etnico uigura nello Xinjiang è aumentata da 5,5 milioni a 12,8 milioni e l’aspettativa di vita media è aumentata da 30 a 72 anni. Persone di tutti i gruppi etnici nello Xinjiang, compresi gli uiguri, godono di ogni diritto costituzionale e legale. Il fatto che i residenti dello Xinjiang di vari gruppi etnici godano di stabilità, sicurezza, sviluppo e progresso, ne fa una delle storie sui diritti umani di maggior successo.

Tuttavia, alcuni politici negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e nell’UE chiaramente non vogliono riconoscere questo fatto. Hanno afferrato le cosiddette “prove” maliziosamente fabbricate da alcuni politici e studiosi anti-cinesi, anche se i cosiddetti “fatti” non sono altro che un mosaico basato su falsi “documenti interni”, “dichiarazioni di vittime” e informazioni da fonti sconosciute . Hanno persino estrapolato documenti e dati ufficiali cinesi distorti. Tutto ciò dimostra che non si preoccupano mai dei diritti umani e della verità. Semplicemente non vogliono vedere il successo, lo sviluppo e una vita migliore della Cina. Ecco perché hanno utilizzato le questioni dei diritti umani come pretesto per interferire negli affari interni della Cina e frustrare lo sviluppo della Cina. Ciò che hanno fatto è stata una totale denigrazione e offesa alla reputazione e alla dignità del popolo cinese, palese ingerenza negli affari interni della Cina e grave violazione della sovranità e degli interessi di sicurezza della Cina.

Va sottolineato che questi paesi, che si proclamano “giudici” dei diritti umani e sono sempre pronti a fare la morale agli altri, hanno un record ignobile sui diritti umani. Non sono nella posizione di criticare la Cina, tanto meno di attribuire la colpa alla Cina per ciò che hanno commesso.

Come sapete, durante i 400 anni di tratta degli schiavi transatlantica, i coloni di Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno trasportato nelle Americhe 12 milioni di africani ridotti in schiavitù, oltre ad altri 10 milioni morti durante il trasporto. Negli Stati Uniti, persone come George Floyd non riescono ancora a respirare. Come sottolineato molto tempo fa dal Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale, i discendenti africani negli Stati Uniti e nel Regno Unito affrontano il razzismo sistemico in materia di salute, occupazione, istruzione, processo equo e altri diritti.

Già all’inizio del XX secolo, i coloni tedeschi massacrarono le tribù indigene della Namibia. Tra il 1904 e il 1908, i militari tedeschi uccisero oltre 100.000 indigeni, inclusi 3/4 del popolo Herero e oltre 1/2 del popolo Nama. La Commissione per i diritti umani del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite ha affermato in un rapporto che questo è il primo genocidio del XX secolo. Durante la seconda guerra mondiale, la Germania nazista massacrò quasi sei milioni di ebrei, compreso un milione di bambini. È stato riferito che alcuni negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nei loro alleati hanno violato le Convenzioni di Ginevra e ucciso brutalmente civili innocenti in Afghanistan, il che costituisce crimini di guerra.

L’esercito francese ha massacrato 5,5 milioni di persone in Algeria durante il periodo coloniale, crimini contro l’umanità. Il presidente algerino ha detto che l’Algeria non sacrificherà mai la storia o la memoria.

Negli anni 1870, il governo canadese incluse l’assimilazione delle popolazioni indigene nella sua agenda ufficiale e sostenne apertamente l’uccisione della linea di sangue indiana. A partire dai bambini indigeni, sono state istituite scuole residenziali per attuare politiche di genocidio culturale. Statistiche incomplete mostrano che oltre 150.000 bambini indigeni sono stati mandati in tali scuole, di cui più di 50.000 sono morti per abusi.

Ricordiamo tutti che gli Stati Uniti e il Regno Unito, tra gli altri, hanno utilizzato alcune provette di detersivo e un video messo in scena come prova per lanciare guerre contro paesi sovrani come Iraq e Siria, che hanno causato indicibili vittime di civili innocenti, fatto a pezzi e sfollati numerosi famiglie. Quest’anno ricorre il decimo anniversario della crisi siriana. Nella sola Siria, 350.000 persone sono state uccise nella guerra, le loro famiglie sono state distrutte e le loro vite sono state fortemente colpite. Gli autori non dovrebbero essere sanzionati?

Quest’anno segna anche il decimo anniversario della guerra civile libica. La Francia, il Regno Unito e l’UE, tra gli altri, hanno lanciato la guerra in Libia, creando un disastro umanitario su vasta scala, che è la causa principale degli attuali problemi di migranti e rifugiati e un fattore importante che porta alle turbolenze regionali. Più di 400.000 persone rimangono sfollate all’interno della Libia e più di un milione hanno urgente bisogno di assistenza. Gli autori non dovrebbero essere ritenuti responsabili?”

https://lantidiplomatico.it/dettnews-pechino_gli_autori_dei_massacri_in_libia_e_siria_non_dovrebbero_essere_sanzionati/82_40385/