• Angelo Brunetti

Se ancora avete dubbi sulla natura guerrafondaia dell’Amministrazione guidata dal Joe Biden, il Democratico, basta guardare a quali modelli si ispira

Da ultimo, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha scelto ed elogiato un suo illustre predecessore come modello:  Madeleine Albright.

Chi sarebbe? Per farvi capire chi sia il modello, basta citare la sua giustificazione delle sanzioni USA contro l’Iraq.

Blinken, su Twitter, venerdì scorso, ha salutato Albright, ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite e segretario di stato durante la Presidenza di Bill Clinton, definendola una “donna coraggiosa”.

One of my #WomenOfCourage is @Madeleine Albright. During her diplomatic career as U.S. Ambassador to the UN & the first female Secretary of State, her tenacity & effectiveness left the U.S. stronger & more respected globally. She’s a role model for me & so many of our diplomats.

“Durante la sua carriera diplomatica come ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite e prima donna Segretario di Stato, la sua tenacia ed efficacia hanno reso gli Stati Uniti più forti e più rispettati a livello globale”, ha twittato Blinken, aggiungendo che Albright è un modello per lui e “molti dei nostri diplomatici.”

Blinken, insomma, si è scelto come modello come la Albright chi in un’intervista di 60 minuti con Lesley Stahl, sostenne che la morte di mezzo milione di bambini iracheni presumibilmente a causa delle sanzioni “ne valeva la pena”.

Se questo è il modello, c’è da stare poco allegri.

Albright in seguito ha criticato l’intervista di Stahl, sostenendo che è caduta inconsapevolmente in una trappola tesa dal giornalista e non intendeva sostenere che i bambini iracheni siano superflui. 

Tuttavia, nonostante le polemiche per questa intervista, non ha cambiato idea sulle sanzioni .

Alla domanda in un evento a Charlottesville nel 2012 sulle sanzioni statunitensi all’Iran, Albright ha respinto apertamente il parallelo con l’Iraq, dicendo che “non erano assolutamente la stessa cosa”.

Albright è stata anche uno delle più esplicite sostenitrici del bombardamento NATO della Jugoslavia guidato dagli Stati Uniti nel 1999.

È stata anche criticata per aver impedito ai caschi blu delle Nazioni Unite di intervenire nel genocidio in Ruanda,  come denuncia questo rapporto.

Più recentemente, l’ex diplomatica ha provocato altre polemiche per aver affermato che esiste “un posto speciale all’inferno per le donne” che non avessero sostenuto l’allora candidata presidenziale Hillary Clinton

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-se_avevate_ancora_qualche_dubbio_sulla_natura_dellamministrazione_biden/82_40447/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy