Maggio 12, 2021

AFV

Libera la tua mente

Perché i confini dell’Ucraina sono tornati al centro della geopolitica

L’11 marzo, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha scritto su Twitter che il suo governo ha “approvato la Strategia di de-occupazione e reintegrazione della Crimea”. Ciò a cui si riferiva è una nuova strategia guidata dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky per riprendere la Crimea, compreso il porto di Sebastopoli sul Mar Nero.

di Vijay Prashad* – Peoples Dispatch

Il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina ha approvato il decreto n. 117/2021 il 24 marzo che ha stabilito la decisione del governo di contestare il controllo della Russia sulla Crimea. Su Twitter, il presidente Zelensky ha usato l’hashtag #CrimeaIsUkraine per inviare un chiaro segnale che è pronto a intensificare il conflitto con la Russia sulla Crimea.

Il governo ucraino ha istituito una “Crimea Platform Initiative” per coordinare la strategia insieme agli Stati Uniti e l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO) per fare pressione sulla Russia sia sulla Crimea che sul conflitto nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale.

Zelensky, un attore, è stato spinto nella politica quando ha interpretato il ruolo del presidente dell’Ucraina in un programma televisivo chiamato “Servitore del popolo”. La finzione è diventata realtà quando il suo show televisivo è diventato un partito politico, che correva su una piattaforma decisamente vaga per riportare la decenza in politica.

Ha vinto la presidenza nel 2019 con il 73% dei voti. C’era la sensazione generale che la tabula rasa di Zelensky, come la difesa degli attori russi in Ucraina, si sarebbe tradotta in un processo di pace per l’Ucraina orientale e con la Russia. Invece, Zelensky – sostenuto dai suoi alleati della NATO – è diventato molto più aggressivo contro la Russia rispetto al suo predecessore Petro Poroshenko.

Nel marzo 2014, dopo che le truppe russe sono entrate in Crimea, la popolazione ha votato per unirsi alla Russia; otto giorni dopo, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede alle truppe russe di ritirarsi. La situazione di stallo creata dal voto in Crimea e dalla risoluzione delle Nazioni Unite persiste.

La marcia della NATO verso est

Le tensioni attuali non dovrebbero mascherarsi come antiche animosità. Questo è il caso della relazione tra Ucraina e Russia. Per sette decenni, entrambi i paesi hanno fatto parte dell’URSS, e per oltre un decennio dopo il 1991, le relazioni tra i due paesi sono rimaste cordiali.

Il 9 febbraio 1990, il Segretario di Stato americano James Baker disse all’ultimo leader dell’URSS Mikhail Gorbaciov che la NATO non si sarebbe mossa “di un centimetro verso est” dalla linea Oder-Neisse che divide la Germania dalla Polonia.

L’espansione della NATO è inaccettabile“, disse Gorbaciov a Baker. Baker era d’accordo: “Non un centimetro dell’attuale giurisdizione militare della NATO si estenderà in direzione est“. In una lettera al cancelliere tedesco Helmut Kohl il giorno dopo, Baker raccontò questa conversazione, sottolineando che “l’estensione della zona della NATO sarebbe inaccettabile“. “Implicitamente“, scrisse Baker, “la NATO nella sua zona attuale potrebbe essere accettabile“.

Le potenze occidentali hanno rotto il loro impegno immediatamente. Nel 1999, la Repubblica Ceca, l’Ungheria e la Polonia sono entrate nella NATO, mentre nel 2004, l’alleanza ha attirato Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia. Una linea di Stati che comprende l’Ucraina, la Bielorussia e la Moldavia – che confinano tutti con la Russia – rimangono fuori dalla NATO.

Nel 2002, il piano d’azione NATO-Ucraina ha aperto un quadro per il possibile ingresso dell’Ucraina nella NATO. Questo processo ha sollevato seri interrogativi non solo sull’espansione a est della NATO, ma anche – più significativamente – sulla più profonda relazione culturale che l’Ucraina ha avuto con la Russia a est e con l’Europa a ovest; in quale direzione dovrebbe orientarsi l’Ucraina (un quinto della popolazione ucraina è di lingua russa, con il maggior numero nelle aree urbane dell’Ucraina e nella regione del Donbass)?

La NATO ha corteggiato aggressivamente l’Ucraina e la Bielorussia, con i vari piani della NATO profondamente incentrati sulla pressione sulla Russia. Il più recente rapporto “NATO 2030” sottolinea la sua attenzione strategica intorno alla Russia, che è vista come “destabilizzante” e “provocatoria”.

Nell’interesse di fare pressione sulla Russia al suo confine con l’Ucraina, la Commissione NATO-Ucraina si è riunita per tutto il 2020 per portare avanti il partenariato distintivo NATO-Ucraina (istituito nel 1997).

Nel giugno 2020, la NATO ha riconosciuto l’Ucraina come “Enhanced Opportunities Partner“, la forma più vicina alla piena adesione alla NATO. Le forze armate dell’Ucraina, ora sostanzialmente addestrate con la NATO, si sono unite alle forze della NATO per tre grandi esercitazioni militari lo scorso anno (Saber Junction, Sea Breeze e Combined Resolve).

In una riunione dei ministri degli Esteri della NATO il 24 marzo, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha detto: “La Russia ha aumentato il suo modello di comportamento repressivo in casa e aggressivo all’estero“. A tal fine, l’approccio della NATO alla Russia sarà, ha detto Stoltenberg, “deterrenza e difesa“, con una “apertura al dialogo“. Il dialogo sembra essere stato declassato tra l’alleanza occidentale e la Russia, con una luce verde all’Ucraina per fare dichiarazioni e azioni provocatorie.

La necessità dell’Europa per il gas russo

Sotto la tensione si nasconde l’appetito dell’Europa per l’energia. Come risultato delle azioni degli Stati Uniti negli ultimi due decenni, l’Europa ha perso tre importanti fonti di energia: Iran, Libia e Russia. Poiché l’Ucraina è diventata un punto caldo, gli investitori energetici russi – principalmente l’azienda energetica statale Gazprom – si sono mossi per costruire un gasdotto sotto il Mar Baltico per collegare i campi petroliferi russi con la Germania. I due progetti di gasdotti (Nord Stream e Nord Stream 2) sono iniziati nel 2011-12, prima dello scoppio delle ostilità nell’Ucraina orientale e prima che la Russia prendesse formalmente la Crimea (entrambi nel 2014).

La Germania ha accolto con favore i gasdotti, poiché questi avrebbero ripreso la fornitura di gas all’Europa su base regolare. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha inasprito l’attacco al Nord Stream 2; il segretario di Stato di Biden Antony Blinken ha avvertito “che qualsiasi entità coinvolta nel gasdotto Nord Stream 2 rischia sanzioni USA e dovrebbe immediatamente abbandonare i lavori sul gasdotto“. Il regolatore anti-monopolio polacco – UOKiK – ha multato i subappaltatori polacchi per circa 7,6 miliardi di dollari per la partecipazione al progetto. Lo stretto alleato del cancelliere tedesco Angela Merkel, Peter Beyer, che è il coordinatore tedesco per gli affari transatlantici, ha chiesto la sospensione del gasdotto.

Andrei Minin di Nord Stream 2 ha detto che la flotta del suo progetto è stata bersaglio di “provocazioni regolari da parte di navi straniere civili e militari“. Questo potrebbe riferirsi solo alle esercitazioni militari che la NATO e i suoi alleati, compresa l’Ucraina, hanno condotto nel Mar Baltico; Minin ha indicato direttamente gli aerei polacchi che sorvolano il progetto in acque danesi.

Nord Stream 2 è completato al 95% e si prevede che sarà pronto a partire entro settembre 2021. Il mancato ritorno degli Stati Uniti all’accordo con l’Iran e la continua crisi in Libia rendono Nord Stream 2 fondamentale per la pianificazione energetica dell’Europa. Ma Nord Stream 2 è intrappolato nel tentativo della NATO di isolare la Russia.

Il problema delle minoranze dell’Ucraina

Nessun paese è davvero culturalmente omogeneo. L’Ucraina ha popolazioni sostanziali con radici culturali negli stati vicini. Questo vale soprattutto per la popolazione di lingua russa, che ha stretti legami con la Russia sia culturalmente che politicamente. Un ucraino su cinque parla russo, mentre circa un ucraino su 10 si identifica con una gamma di mondi culturali che emergono dalla Bielorussia al Gagauz (una comunità turca di Budjak).

La pressione della NATO contro la Russia ha esacerbato e si è unita agli estremisti nazionalisti ucraini – compresi i fascisti come il Battaglione Azov – per guidare un movimento culturale e politico anti-russo nel paese.

L’ex presidente ucraino Petro Poroshenko, che ha beneficiato del sostegno occidentale, ha presentato una legge sulle lingue nel 2017 che ostacola l’insegnamento delle lingue minoritarie nelle scuole del paese. L’obiettivo della legge era quello di de-russificare la popolazione, ma ha avuto un impatto sulle minoranze più piccole del paese. Per questo motivo, Bulgaria, Grecia, Ungheria e Romania hanno sporto denuncia al Consiglio d’Europa.

Il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha detto su Facebook alla fine del 2020 che il suo governo avrebbe “difeso gli ungheresi della Transcarpazia in ogni forum internazionale“. L’Ucraina, ha ribadito, “non essendo membro della NATO, ha lanciato un attacco contro un gruppo minoritario originario di un paese membro della NATO“.

Le contraddizioni dell’agenda antirussa dell’Ucraina-NATO si scontrano con gli altri membri della NATO per ragioni che non sono state calibrate attentamente.

Gli spari attraverso il confine tra Ucraina e Russia si sono intensificati, incoraggiati dal pieno sostegno di Biden alle nuove ambizioni antirusse di Zelensky. Un alto funzionario delle Nazioni Unite al dipartimento degli affari politici e di mantenimento della pace mi dice che vogliono che le forze militari si ritirino dal confine.

Tutte le principali piattaforme di negoziato – il Formato Normandia e le riunioni della Formula Arria all’ONU – sono in una situazione di stallo. “Abbiamo bisogno che prevalga il sangue freddo“, ha detto il funzionario dell’ONU. “Qualsiasi altra cosa potrebbe portare a una guerra catastrofica“.

*Storico, editore e giornalista indiano, editore capo di LeftWord Books e direttore di Tricontinental: Institute for Social Research. Traduzione dell’articolo pubblicato su Peoples Dispatch.

shares