Luglio 31, 2021

AFV

Libera la tua mente

Così Facebook vuole censurare chi critica Israele

La lotta contro l’apartheid israeliana non ha nulla a che fare con l’antisemitismo, ma con la liberazione dei palestinesi colonizzati [Sumaya Awad e Daphna Thier]

Facebook sta per decidere se classificare le critiche a Israele e al sionismo come “hate speech”. Questo arriva un anno dopo che Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo che approva l’uso della definizione di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Association (IHRA). L’ordine esecutivo, come l’Anti-Semitism Awareness Act, fa parte di un tentativo di sancire la definizione dell’IHRA nella legge statunitense, che cita undici esempi di antisemitismo, sette dei quali si riferiscono esplicitamente alla critica di Israele.
Come hanno sottolineato figure di spicco del movimento palestinese, questa confusione di antisemitismo e antisionismo è un palese tentativo di intimidire, perseguitare e infine mettere a tacere il movimento per i diritti dei palestinesi in tutto il mondo. Si basa sul falso presupposto che il sionismo sia sinonimo di ebraismo, e che l’occupazione settantatreenne della Palestina da parte di Israele sia un movimento religioso e non un progetto coloniale guidato da interessi geopolitici e alleanze imperialiste.
Una breve storia del sionismo
Il sionismo è nato dall’imperialismo europeo del XIX secolo. Invece di affrontare le idee reazionarie e razziste che stavano guadagnando influenza all’epoca, Theodore Herzl e Max Nordau, i fondatori del sionismo, reagirono al crescente antisemitismo in Europa sostenendo uno stato etno-ebraico indipendente. La loro proposta si basava su due presupposti: che l’antisemitismo fosse una caratteristica permanente della società e che l’unico modo per ottenere rispetto e autonomia fosse convincere le potenze imperiali dell’utilità di un’enclave coloniale ebraica in Medio Oriente.
Herzl, Nordau e, più tardi, l’Organizzazione Sionista Mondiale, non si facevano illusioni sulla brutalità che sarebbe stata necessaria per sostituire la popolazione indigena. Infatti, gli scritti di Herzl rivelano che fin dall’inizio il piano era quello di colonizzare una terra già popolata con l’aiuto delle potenze imperialiste. Herzl mirava ad allearsi con la Gran Bretagna, sebbene corteggiasse anche il Kaiser tedesco, lo zar russo e persino il sultano ottomano (al quale Herzl offrì di aiutare a coprire il genocidio armeno in cambio dell’autorità sulla Palestina). Vladamir Jabotinsky, uno dei fondatori del movimento sionista, scrisse nel 1923:
Il sionismo è un’impresa colonizzatrice e quindi vive o cade sulla questione della forza armata. È importante costruire cose, è importante parlare l’ebraico, ma, purtroppo, è ancora più importante saper sparare, altrimenti il gioco coloniale è finito.
Il sionismo, quindi, deve essere compreso alla luce della realtà che ha difeso nel corso della sua storia: il colonialismo e la pulizia etnica della popolazione indigena palestinese nel 1948.
Ancora oggi, Israele favorisce i cittadini ebrei e nega alla maggior parte dei palestinesi il diritto di votare, di comprare terra, di costruire case e di godere di pari opportunità di lavoro, di libertà di movimento o di accesso all’assistenza sanitaria. Decine di statuti sanciscono queste disuguaglianze nella legge. Il risultato non è solo una società antidemocratica: è uno stato di apartheid.
Sionismo e socialismo?
Anche se Herzl immaginava una monarchia in stile europeo in Palestina, ampi settori del movimento sionista cercarono di integrare sionismo e socialismo. Crearono istituzioni apparentemente egualitarie come i kibbutz (collettivi ebraici) e promossero l’idea che il sionismo fosse un movimento di sinistra.
Ma questa è sempre stata un’impresa contraddittoria, perché il sionismo ha bisogno dell’esclusività ebraica. In Russia, i Lavoratori di Sion si organizzarono attivamente contro l’inclusione dei lavoratori non ebrei nelle azioni sindacali. In Palestina, l’Histadrut, fondato nel 1920 come sindacato esclusivamente ebraico, lottò per sostituire i lavoratori arabi con quelli ebrei nelle fabbriche e nelle fattorie. Le organizzazioni operaie sioniste adottarono apertamente una politica reazionaria.
I kibbutzim erano complici del piano di ebraicizzazione della terra. Hanno costruito insediamenti per soli ebrei sulla terra palestinese, usando la forza per respingere qualsiasi tentativo palestinese di reclamarla. I kibbutzim giocarono anche un ruolo chiave nell’Haganah e nell’Irgun, le milizie ebraiche che effettuarono massacri e campagne di pulizia etnica in Palestina negli anni ’40. Sono i predecessori della crescente rete di insediamenti illegali che oggi si estendono nella Cisgiordania occupata. Nel 1969, David Hacohen, membro del partito laburista israeliano, descrisse cosa significava in pratica il socialismo sionista:
Ho dovuto lottare con i miei amici sulla questione del socialismo ebraico, difendere il fatto di non accettare arabi nel mio sindacato, l’Histadrut; difendere la predica alle casalinghe di non fare acquisti nei negozi arabi; difendere lo stare di guardia nei frutteti per evitare che i lavoratori arabi vi trovassero lavoro…. Versare kerosene sui pomodori arabi, attaccare le casalinghe ebree nei mercati e rompere le uova arabe che avevano comprato.
Molte organizzazioni e individui ebrei si sono opposti al sionismo come ideologia politica, così come alla sua pretesa di parlare per tutto il popolo ebraico. Già nel 1910, Karl Kautsky, un importante teorico marxista ebreo, scrisse ampiamente sulla realtà della colonizzazione sionista in Palestina:
Secondo le basi del diritto del lavoro e dell’autodeterminazione democratica, la Palestina appartiene oggi non agli ebrei di Vienna, Londra o New York, che la rivendicano per il giudaismo, ma agli arabi dello stesso paese, la grande maggioranza della popolazione.
Antisionismo oggi
Il carattere coloniale del sionismo aiuta a spiegare perché i suoi leader – passati e presenti – si sono allineati con figure di estrema destra e violentemente antisemite: dai nazisti negli anni ’30 a Victor Orban o Jair Bolsonaro oggi. Il primo ministro Benjamin Netanyahu non è un’anomalia. La sua agenda di estrema destra, violenta ed espansionista è esattamente ciò che Israele ha promosso fin dall’inizio.
Nel frattempo, ciniche accuse di antisemitismo sono usate per placare le forme più elementari di solidarietà. Negli Stati Uniti, 217 disegni di legge volti a frenare gli attivisti per i diritti dei palestinesi sono stati presentati a livello nazionale; il 23% è passato. Se la definizione dell’IHRA diventerà legge nazionale, e se Facebook riuscirà a censurare qualsiasi critica a Israele, una semplice affermazione come “Israele è uno stato di apartheid” sarà considerata antisemita, una violazione delle politiche sull’odio e, in alcuni casi, costituirà un crimine d’odio.
Queste misure distorcono ciò che il movimento per i diritti dei palestinesi chiede: ritenere uno stato e un movimento politico responsabili della sua pulizia etnica e dei suoi crimini di guerra. L’antisemitismo non ha nulla a che fare con questo.

Sumaya Awad è direttore della strategia e della comunicazione di Adalah Justice Project e co-editore di Palestine: A Socialist Introduction (Haymarket Books).
Daphna Thier è un’attivista socialista di Brooklyn e co-editrice di Palestine: A Socialist Introduction (Haymarket Books).