La vicenda di Autostrade grida vendetta. Dopo il danno arriva la beffa. Dopo una strage con 43 morti invece di riprendersi la concessione lo Stato si compra le azioni del concessionario che saluta mettendosi in tasca 2,4 miliardi.
Prima sono state cedute le autostrade a prezzo stracciato ai Benetton come a altri concessionari che hanno fatto utili pazzeschi con i pedaggi. Poi quando una serie di tragedie fanno emergere che questi privati non hanno nemmeno fatto le manutenzioni e garantito la sicurezza lo Stato ricompra le azioni a prezzo di mercato. Il conto come i pedaggi lo pagano i cittadini.
Questa porcheria – e il complesso degli affari legati alle privatizzazioni – fanno impallidire le tangenti della prima repubblica. Qui siamo di fronte a un furto legalizzato che vede complice tutta la politica che ha svenduto le Autostrade, ha scritto regole tutte a favore dei concessionari, e ha tutelato gli azionisti di Atlantia invece dei cittadini.
Al centrosinistra al centrodestra sono tutti corresponsabili. Draghi conclude un’operazione vergognosa cominciata con i governi Conte.

Maurizio Acerbo segretario nazionale Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy