COLOMBIA Paramilitari in abiti civili e coperti dalla polizia sparano ai manifestanti.È una delle tecniche illegali usate dal governo di destra filostatunitense di Duque per fermare la protesta sociale che è dilagata in tutto il paese da oltre un mese provocando oltre 50 morti e alcune centinaia di scomparsi, diversi dei quali, ritrovati cadaveri nelle acque del fiume Cauca con segni di tortura e colpi di arma da fuoco (nel video https://twitter.com/Chaleco…/status/1397712364569513985…)Ancora ieri due persone che hanno partecipato a un sit-in pacifico nel nord di Cali, nella Colombia occidentale, sono state uccise a colpi di arma da fuoco da sicari, nell’ambito delle mobilitazioni, sit-in e blocchi contro le politiche neoliberiste del governo di Ivan Duque. Una delle vittime è un esponente della cosiddetta “prima linea” del movimento sociale in atto nel dipartimento del capoluogo del Valle del Cauca, ma la polizia locale non ammette le responsabilità ed ha attribuito la sparatoria a “uno scontro tra strutture criminali…”. In un altro video si vedono persone gettando corpi nel rio Cauca, che ha già restituito diversi cadaveri di persone scomparse durante i disordini. https://twitter.com/Chaleco…/status/1397310553316630528…https://www.telesurtv.net/…/colombia-protestas-cali-dos…

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy