La lettera di Seid sul disagio provocato dal clima di odio e razzismo che percepiva per il colore della sua pelle è drammatica, sconvolgente, e mi provoca una rabbia enorme.

Rabbia per chi alimenta la guerra tra poveri per difendere i ricchi. Rabbia per chi lucra consenso soffiando ogni giorno sul fuoco del razzismo. Rabbia per chi a parole parla di integrazione ma nei fatti non fa nulla per cambiare le cose.

Poco importa che il suicidio di Seid non dipenda da fatti di razzismo, quella lettera ci sbatte in faccia i sentimenti che provano migliaia di ragazzi e ragazze che si trovano a vivere in un paese che non fa i conti con il razzismo.

Provo disgusto per politici come Matteo Salvini e Giorgia Meloni che utilizzano anche questa dolorissima storia per continuare la loro politica di odio verso gli stranieri.

P.S.
Al mio paesello di Finale Emilia oggi Fratelli d’Italia raccoglieva le firme contro lo Ius Soli, giusto per dire come si alimenta la paura del diverso quando si parla di riconoscere cittadinanza e diritti a bambini e ragazzi nati in Italia e che frequentano le nostre scuole.

Stefano Lugli PRC (pagina facebook)

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy