Giugno 23, 2021

AFV

Libera la tua mente

Melzer (ONU): “Assange? Uno dei più grandi scandali giudiziari della storia”

Gli sforzi per liberare il fondatore di WikiLeaks Julian Assange dalla prigione di Belmarsh nel Regno Unito si sono intensificati questa settimana in vista del vertice del G7 e in particolare con un’azione a Ginevra, una petizione e un intervento del relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura.

La compagna di Assange, Stella Moris, il sindaco di Ginevra Frederique Perler e il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Nils Melzer hanno chiesto la liberazione del giornalista e la fine dei procedimenti di estradizione statunitensi contro di lui.

Melzer, che è anche il presidente svizzero dell’associazione dei diritti umani presso l’Accademia di Ginevra, ha definito l’incarcerazione di Assange “uno dei più grandi scandali giudiziari della storia” e ha fatto riferimento al fondatore di WikiLeaks, così come agli informatori Edward Snowden e Chelsea Manning, come gli “scheletri negli armadi dei paesi occidentali”.

“È la storia di un uomo perseguitato nella nostra parte del mondo per aver detto la verità”, ha ribadito Melzer. “Ha denunciato crimini di guerra, ha denunciato la tortura, ha denunciato la corruzione. È una verità scomoda.”

“State insegnando ai vostri figli che è una cosa buona o cattiva dire la verità?” ha proseguito, concludendo che non può lasciare ai suoi figli un mondo “dove è diventato un crimine dire la verità perché, una volta avvenuta, si vive nella tirannia”.

Venerdì scorso a Ginevra è stato inaugurato un monumento ad Assange, Snowden e Manning. Un’installazione artistica mobile, realizzata dall’artista italiano Davide Dormino nel 2015 e denominata ‘Anything to Say?’ mostra le tre figure in piedi su sedie con accanto una quarta sedia vuota. Anche una petizione organizzata dal Club della stampa di Ginevra è stata pubblicata, chiedendo l’immediato rilascio di Assange.

“In nome del rispetto dei diritti umani inalienabili e dei valori promossi dalle organizzazioni per i diritti umani con sede a Ginevra”, il Club della stampa di Ginevra ha invitato le autorità britanniche “a rifiutare l’estradizione di Julian Assange e a ripristinare la sua libertà” e al governo degli Stati Uniti “di far decadere il processo contro Julian Assange”.

Il Club della stampa di Ginevra ha anche invitato gli stati democratici come la Svizzera “a garantire a Julian Assange un territorio di rifugio dove possa proteggersi da nuove azioni penali”.

Sebbene non sia stato riconosciuto colpevole di alcun crimine, Assange ha trascorso più di due anni nella prigione di Sua Maestà a Belmarsh, un carcere di massima sicurezza che ha ospitato alcuni dei criminali più famigerati e pericolosi del Regno Unito, tra cui diversi terroristi di alto profilo, serial killer  e stupratori. 

Assange rimane a Belmarsh nonostante una sentenza del giudice a gennaio che non poteva essere estradato negli Stati Uniti a causa di problemi di salute mentale.

La fidanzata di Assange ha ricordato che il giornalista “regge a malapena” la prigione ed è stato in “uno stato terribile, incapace anche di mettere insieme una sentenza” poiché è confinato in una piccola cella per 22 ore al giorno.

“Julian non è violento, non è un pericolo per la società. È un editore e questo caso riguarda la libertà di informazione. Questa situazione fa vergognare il sistema giudiziario del Regno Unito. È un flagello per la reputazione globale del Regno Unito” , ha dichiarato Morris, citata dal Daily Mail .

Ha definito “inaccettabile” che una “potenza straniera” come gli Stati Uniti sia in grado di “dire alla Gran Bretagna cosa fare”.

“È ora che il presidente Joe Biden ritiri le accuse contro Julian e Boris Johnson dovrebbe chiedergli di farlo alla riunione del G7 in Cornovaglia questa settimana. Si spera che allora prevarrà la giustizia”, ??ha concluso Morris.

Il Mail ha riferito che Assange “ha una bacheca di sughero” nella sua cella di prigione “su cui ha appuntato le foto dei suoi due figli più piccoli – Gabriel, quattro anni, e Max, due”, e inoltre “nutre una coppia di germani reali che nidificano sotto la sua finestra della cella.”

Il 47° vertice del G7 si terrà nel Regno Unito tra l’11 e il 13 giugno. Parteciperanno Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Unione Europea e Giappone.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-melzer_onu_assange_uno_dei_pi_grandi_scandali_giudiziari_della_storia/82_41707/

shares