La Bolivia del presidente socialista Arce, dopo la cacciata dei golpisti della autoproclamata Áñez, riprende la strada tracciata dai governi di Evo Morales e diventa il secondo paese dell’America Latina che investe di più nell’istruzione pubblica, seconda solo a Cuba.
Lo ha evidenziato ieri il ministro del settore della nazione sudamericana, il professore socialista Adrián Quelca.

Il funzionario ha riferito che lo Stato boliviano ha ulteriormente incrementato la percentuale del PIL investita per la popolazione in questo importante settore ed ora destinerà il 10% del suo budget all’area dell’istruzione e ad azioni e investimenti monetari per avanzare verso l’ottimizzazione della qualità dell’istruzione, ha riferito il quotidiano Ahora el Pueblo.

Quelca ha anche respinto le affermazioni degli esponenti della opposizione di destra, reduci dall’aver appoggiato il colpo di Stato della Áñez: “Loro affermano che non abbiamo alcun piano e che l’istruzione non viene supportata finanziariamente, niente di più falso”, ha dichiarato il ministro.

A sostegno delle sue dichiarazioni, il ministro ha anche menzionato la consegna gratuita di oltre 250.000 computer Kuaa che saranno destinati agli studenti a basso reddito, sul modello di quanto già avviene in Venezuela con i computer Canaima e Canaimita donati agli studenti dai governi Chávez e Maduro.

Quelca ha inoltre anticipato l’assegnazione di 1.700 articoli di nuova creazione che saranno efficaci a partire da luglio per coprire l’acefalia nelle unità del settore.

Questa la classifica della Banca Mondiale del 2017 che prende in esame dati di anni diversi tra loro secondo gli studi eseguiti nei vari Paesi.

Cuba 12,8%, Bolivia 10%, Costa Rica 7,4%, Venezuela 6,9%, Brasil 6,2%, Argentina 5,5%, Chile 5,4%, Ecuador 5,0 Messico e Uruguay 4,9%, Colombia 4,5%, Nicaragua 4,3%, Perú 3,9%, El Salvador 3,8%, Paraguay 3,4%, Guatemala 2,8%, Haití 2,4%.
Gli Stati Uniti in quel periodo, secondo la stessa classifica, hanno investito il 5%.

Rete Solidarietà rivoluzione bolivariana

https://www.dw.com/es/cu%C3%A1nto-invierte-am%C3%A9rica-latina-en-educaci%C3%B3n/a-51940410

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy