COME AVEVAMO DETTO: DRAGHI LICENZIA
La multinazionale GKN ha annunciato con una semplice email, come è diventata prassi dei padroni, la chiusura dello stabilimento di Firenze e il licenziamento di 422 operai. Era ovvio che andasse così e lo avevamo detto.
Lo avevo anche ribadito a La7, di fronte alle supercazzole di un parlamentare leghista dopo i licenziamenti alla GIANNETTI RUOTE. La verità è semplice e brutale: la fine del blocco dei licenziamenti è stata una scelta feroce presa nella piena consapevolezza della sua conseguenza, cioè il VIA LIBERA AI LICENZIAMENTI DI MASSA.
A questo punto è bene ricordare e denunciare i principali colpevoli e complici di un massacro sociale che comporterà, nella stima più bassa, 70000 famiglie buttate in mezzo alla strada.
SONO COLPEVOLI: Confindustria, Draghi, Di Maio, Letta, Salvini, Meloni e tutta la classe politica serva di padroni e multinazionali.
SONO COMPLICI: i gruppi dirigenti di CgilCislUil che han fatto un accordo finto, in realtà un comunicato propagandistico che ha avuto la sola funzione di togliere i riflettori dalla realtà e di permettere al palazzo di parlare d’altro.
Conosco Matteo Moretti Dario Salvetti e tante e tanti compagni della GKN, una fabbrica di operai tanto capaci e intelligenti quanti generosi e solidali. Provo rabbia e dolore per quanto ora subiscono, ma so che non molleranno. Agli amici, ai compagni, ai lavoratori in lotta va tutto l’affetto e la solidarietà possibili, forza compagni, loro fanno schifo ma voi ce la potete fare.

Giorgio Cremaschi PaP

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy