Negando la responsabilità di un micidiale attacco di droni nel Mar Arabico, il ministero degli Esteri iraniano ha avvertito che “qualsiasi avventurismo anti-Iran riceverà una risposta immediata e decisiva”.

di Jake Johnson – Common Dreams

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha dichiarato mercoledì che il suo paese è pronto a intraprendere un’azione militare contro l’Iran sulla scia di un attacco con l’ausilio di droni effettuato su una petroliera nel Mar Arabico la scorsa settimana, un attacco mortale che Israele, Stati Uniti e Regno Unito hanno attribuito dell’Iran senza offrire un briciolo di prove o informazioni a sostegno.

“Siamo a un punto in cui dobbiamo intraprendere un’azione militare contro l’Iran”, ha detto Gantz ai giornalisti locali. “Il mondo ha bisogno di agire contro l’Iran ora”.

L’Iran ha negato di essere dietro l’attacco dei droni. Saeed Khatibzadeh, un portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha dichiarato martedì che “gli “incidenti” segnalati nel Golfo Persico e nella regione sembrano assolutamente sospetti”.

“Riaffermando il nostro forte impegno per la stabilità regionale e la sicurezza marittima, l’Iran è pronto a offrire assistenza in caso di incidenti marittimi”, ha detto Khatibzadeh mentre gli Stati Uniti hanno anche accusato l’Iran di aver dirottato una petroliera separata al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti.

Mercoledì, Khatibzadeh ha pubblicato un tweet in cui condannava le dichiarazioni “provocatorie e strumentali” del 1° agosto del Segretario di Stato americano Antony Blinken e del ministro degli Esteri britannico Dominic Raab , i quali hanno accusato l’Iran dell’attacco con i droni alla Mercer Street, una petroliera gestita dalla Società londinese Zodiac Maritime. L’azienda fa parte del gruppo Zodiac del miliardario israeliano Eyal Ofer.

“Avendo taciuto sui ripetuti attacchi terroristici alle navi iraniane, ora accusano infondatamente l’Iran”, ha scritto Khatibzadeh. “Qualsiasi avventurismo anti-Iran riceverà una risposta immediata e decisiva”.

Mercoledì, in una lettera al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Zahra Ershadi, vice ambasciatore dell’Iran presso le Nazioni Unite, ha scritto che Israele “ha una lunga storia oscura nell’attaccare la navigazione commerciale e le navi civili”.

“In meno di due anni”, ha proseguito Ershadi, “questo regime ha attaccato oltre 10 navi commerciali che trasportavano petrolio e beni umanitari destinati alla Siria”.

Ad aprile, l’Iran ha accusato Israele di aver attaccato uno dei suoi impianti di energia nucleare e una nave iraniana di stanza nel Mar Rosso.

Come il Washington Post ha riferito durante il fine settimana, “Le ostilità negli ultimi due anni tra Israele e l’Iran hanno spesso avuto luogo in mare, in un susseguirsi di attacchi da parte di entrambi i paesi di petroliere, navi commerciali private o navi da guerra, un conflitto spesso indicato come parte di una “guerra ombra” che sembra sempre più aperta”.

Giovedì scorso un cittadino britannico e un cittadino rumeno sono stati uccisi nell’attacco di droni sulla nave di Mercer Street . La Romania si è unita a Israele, Stati Uniti e Regno Unito nell’incolpare l’Iran per l’accaduto.

Nella sua dichiarazione di domenica, Blinken ha promesso che una “risposta adeguata” all’attacco dei droni “sarà imminente”, ma non ha approfondito la natura dell’azione in sospeso.

Alla domanda durante un’intervista di mercoledì se l’attacco dei droni meriti una risposta militare, Gantz ha detto : “Sì, sì, e Israele deve fare la sua parte”.

I minacciosi commenti di Gantz sono arrivati ​​lo stesso giorno dell’insediamento del nuovo presidente iraniano Ebrahim Raisi, eletto tra intensi sforzi diplomatici per rilanciare l’accordo nucleare iraniano. Come ha osservato mercoledì l’Associated Press, i recenti attacchi alle navi nel Golfo Persico “sono iniziati un anno dopo che l’allora presidente Donald Trump si è ritirato unilateralmente dall’accordo nucleare iraniano con le potenze mondiali” nel maggio del 2018.

Nel giugno del 2019, l’amministrazione Trump ha accusato l’Iran di un attacco alla petroliera nel Golfo di Oman.

Sina Toossi, un analista di ricerca senior del National Iranian American Council, ha affermato in una dichiarazione in occasione dell’inaugurazione di Raisi che i governi degli Stati Uniti e dell’Iran devono “evitare lo scontro a favore del dialogo, tornare all’accordo nucleare su una conformità di base e lavorare per ridurre le tensioni nella regione”.

“La diplomazia è l’unica forza che può rimuovere l’ombra della guerra dalle teste sia degli americani che degli iraniani, porre fine alle sanzioni draconiane che hanno impoverito i cittadini iraniani di tutti i ceti sociali e coltivare le connessioni tra gli iraniani e il mondo esterno”, ha aggiunto Toossi . “Gli Stati Uniti dovrebbero, parallelamente alla via diplomatica, impegnarsi anche in azioni umanitarie in buona fede e assolutamente necessarie, compresa la revoca delle sanzioni che negano agli iraniani l’accesso a strumenti e servizi di comunicazione personali e facilitare l’assistenza medica all’Iran durante la pandemia”.

http://www.sinistraineuropa.it/mondo/il-ministro-della-difesa-israeliano-minaccia-la-guerra-con-liran/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy