Ottobre 23, 2021

AFV

Libera la tua mente

La sinistra avanzerà con una vittoria socialdemocratica in Germania?

Alle prossime elezioni in Germania – che si terranno come sempre di domenica – basta presentare la scheda di iscrizione spedita ad ogni cittadino, poi fare delle croci su una scheda cartacea. Nessun problema con il capo, nessuna assenza dal lavoro, niente lunghe file o litigi per frodi o discriminazioni. Sembrerebbe tutto facile.

Ma quei voti possono essere molto, molto pesanti e fare la scelta giusta su dove mettere le croci potrebbe sollevare problemi. 47 partiti sono in corsa per i seggi nel Bundestag; potrebbe essere saggio rispolverare l’aritmetica, forse anche il calcolo. Quest’anno anche Berlino ha le sue elezioni statali, con 34 partiti in competizione per la sua Camera dei Rappresentanti e anche per tutti i sedici consigli comunali. Potrebbe essere utile un buon temperamatite (o una penna a sfera). Per lo più sono partiti piccoli, anche minuscoli, come l’Animal Rights Party, il Liberal-Konservativ Reformer, o un partito guidato dalla vedova tedesca di Lyndon LaRouche, o il piccolo partito comunista tedesco. Pochi di questi raggiungono l’1%.

Solo sei sono stati i principali rivali negli ultimi anni, tre dei quali a destra. L’Unione cristiana (CDU-CSU), un doppio partito con la sua gemella speciale bavarese, manca ora dell’attrazione di Angela Merkel. Il suo principale candidato, il conservatore Armin Laschet, vuole in generale “seguire lo stesso percorso”, ma ha un carisma vicino allo zero.

Fino a poco tempo fa era in testa ma poi, in parte a causa della confusione della CDU nella crisi della corona e della catastrofe delle inondazioni, è sceso a un malconcio 20%. Laschet, catturato in TV con una risata privata, mentre il presidente mostrava empatia per le vittime dell’alluvione, non lo ha aiutato. I suoi sforzi frenetici per invertire la tendenza consistono principalmente nel mettere in allerta i cittadini sui “pericoli della sinistra” che secondo lui arriveranno se i socialdemocratici vincessero.

Il giovane alleato dei cristiani, il Partito Liberale Democratico (FDP), è esplicitamente favorevole ai soli ceti benestanti: “Non tassate i ricchi!” Ma il suo leader unico, disinvolto come sempre, è riuscito a far salire il partito nei sondaggi all’11%.

Poi c’è l’Alternativa neofascista per la Germania (AfD). Una delle sue due facce cerca la rispettabilità, ed è in qualche modo consapevole di dover tenere a bada la lingua dell’altra faccia, almeno per il momento, cercando al contempo di fargli tenere in tasca il santino di Hitler e a bada il braccio teso. Le coalizioni con l’AfD sono ancora tabù per tutti gli altri partiti, anche se alcuni elementi di destra nella CDU-CSU flirtano costantemente con l’idea.

Ma mentre l’AfD è stagnante al 10-11%, è stato creato da poco un nuovo partito chiamato The Basis (cioè “radici di base”). Il suo unico programma sembra consistere nel rifiutare le maschere per il viso e il distanziamento sociale e i poliziotti che cercano di farli rispettare. Attrae persone sia di sinistra che di estrema destra, alcuni anti-vaccinisti pazzi, ma per lo più persone semplicemente stanche delle restrizioni sui virus e del governo maldestro, maldestro e profittatore della pandemia, con denaro e censura. Svanirà  o diventerà una minaccia, mentre i suoi sostenitori finanziari rimangono opachi e misteriosi. Vedremo.

E i tre “partiti di sinistra e di centro”? I socialdemocratici (SPD) sembravano destinati alla caduta totale; a giugno stavano strisciando al 14%, incredibilmente basso per il secondo partito della Germania. Ma all’improvviso si sono slanciati verso il cielo; ora al 25% nei sondaggi, a pochi giorni dalla fine, sembra molto probabile che usciranno dalla prova delle urne rafforzati.

Il loro principale candidato, Olaf Scholz, ora vicecancelliere e ministro delle finanze, ha modi sicuri di sé, disinvolti ma schietti che in qualche modo hanno conquistato molti elettori, nonostante uno scandalo dopo l’altro, come quello di consigliare segretamente una banca di Amburgo in una gigantesca evasione fiscale, specialmente mentre era sindaco di quella città, o “trascurando” la truffa di una società finanziaria fasulla, che guadagna miliardi, che il suo dipartimento avrebbe dovuto monitorare. Ma del resto, le mani di molti politici “cristiani” non sono affatto più pulite. In qualche modo l’SPD ha affinato modi d’arte per promettere ai lavoratori ottimi miglioramenti – prima delle elezioni – per poi, quando e se vince, annacquare, dimenticare o addirittura contraddire tali promesse, riuscendo tuttavia in qualche modo a riacquistare la fiducia in tempo per le elezioni successive.

Anche il partito dei Verdi ha fatto un giro sulle montagne russe dei sondaggi, conquistando un primo posto senza precedenti lo scorso aprile (al 28%). Per due mesi sembrava che la sua energica giovane leader, Annalena Baerbock, potesse persino diventare Cancelliere. Ma, ahimè, a giugno è ricaduta al secondo o addirittura terzo posto; il sostegno pubblico per il suo allegro entusiasmo è diminuito rapidamente così come era cresciuto, mentre il suo partito affronta la difficoltà delle prime spaccature interne; mantenendo la sua lunga reputazione di partito di sinistra in modo da trattenere gli ambientalisti più giovani, ma non perdendo la sua vecchia guardia più anziana, un tempo di sinistra, ora per lo più molto benestante.

E poi c’è Die Linke, La Sinistra, con i resti del Partito Socialista dell’Unità che ha governato la DDR della Germania dell’Est per quarant’anni e poi, ridotta, riformata, ringiovanita, si è unita ai militanti di sinistra della Germania Ovest in uno sforzo comune per spostare lo scenario politico. Nonostante innumerevoli handicap (come i mass media) ha raggiunto dei veri successi. 

Un successo in Turingia

Un successo è stato raccolto dalla Die Linke nello stato della Turingia, dove detiene il primo posto, ben davanti a Spd e Verdi, con cui condivide il governo. Sempre un trio di “sinistra e centrosinistra” guidato dalla SPD, insieme a Die Linke e Verdi, ha governato Berlino negli ultimi quattro anni; se possiamo fidarci dei sondaggi continuerà per altri quattro.

Ma mentre i socialdemocratici, la sinistra ei verdi condividono il governo nella capitale e nella più grande metropoli della Germania, non sempre condividono i programmi. Ciò è più evidente nel dibattito sugli alloggi a Berlino, dove la maggior parte delle persone vive in appartamenti in affitto. Hanno concordato una legge che limita i livelli degli affitti e vieta gli aumenti, ma la Corte suprema tedesca ha stabilito che tali decisioni non possono essere prese se non a livello nazionale. Poi un gruppo militante apartitico ha lanciato una nuova campagna referendaria; costringere tutte le società immobiliari che possiedono più di 3.000 appartamenti a consegnarli alla proprietà pubblica, il che significherebbe “confiscare” 240.000 appartamenti che permetterebbe ad un pezzo di cittadinanza più svantaggiata di ritrovarsi con regolari canoni di locazione, ma senza i costanti aumenti generati dai processi di gentrificazione dei magnati immobiliari.

Un quarto di milione di berlinesi hanno firmato petizioni, molto più di quanto richiesto, portando così il piano al voto a Berlino domenica prossima: una votazione in più! Se approvata, tale confisca dovrà essere discussa dai neo-eletti delegati comunali. La sinistra a Berlino è in pieno fermento. I Verdi sostengono il referendum a malincuore, e a differenza di The Left hanno raccolto infatti poche firme. Per quanto riguarda la SPD, compresa la sua principale candidata, che potrebbe diventare la prima donna sindaco di Berlino, è fermamente contraria. I suoi legami con le grandi proprietà immobiliari sembrano più forti di qualsiasi principio. Quindi i periodi caldi a Berlino potrebbero non essere solo di natura climatica!

Il dibattito sulla scena nazionale ruota intorno a una domanda chiave; chi va con chi? Se la SPD con Olaf Scholz raggiunge il primo posto, avrà ancora bisogno di partner per formare un governo. Uno sarà sicuramente il suo vicino più prossimo, i Verdi. Ma quei due difficilmente raggiungeranno la metà dei seggi e dei voti necessari. Chi fornirà la terza gamba di uno sgabello molto traballante? FDP? O La Sinistra? Anche SPD e Verdi hanno le correnti; e le loro correnti destre insistono: “Mai con quei rossi infetti dalla DDR!” Le loro correnti sinistre non sono d’accordo: “Forse con The Left dopotutto si può governare, ma solo se mette fine alla sua opposizione all’invio di soldati tedeschi all’estero nelle missioni NATO”.

Alcune componenti della Linke possono anche sbattere in direzioni opposte. Alcuni dicono: “Dobbiamo essere disposti a scendere a compromessi. Basti pensare a cosa significherebbe avere ministri nel governo federale”!

Altri controbattono: “Significherebbe rinunciare alla nostra opposizione all’espansionismo tedesco e al potenziamento militare, cuore della ragion d’essere del nostro partito! Indipendentemente da eventuali tentativi da parte nostra, i più piccoli e i più deboli del trio, di ottenere miglioramenti per i lavoratori, gli anziani o i bambini, non saremmo più antimperialisti, ma piuttosto sostenitori di un’establishment a cui i veri partiti di sinistra si sono opposti sin dalla prima guerra mondiale. Non saremmo più l’unico “Partito della pace” – e quindi diventeremmo inutili!”

Ma la Linke affronta una minaccia molto più grande; le sue cifre nei sondaggi, dopo essere scivolate da un massimo una tantum dell’11%, si sono attestate al 7, addirittura al 6% – pericolosamente vicino al 5%. Se il partito non riesce a raggiungere quella linea di demarcazione magica, perderebbe il suo status di forza parlamentare, quasi tutti i delegati, i suoi diritti sui media, il sostegno finanziario ufficiale – e si avvierebbe alla perdita di molta della sua efficacia e di qualsiasi voce udibile per i progressisti!

In qualche modo non è stato in grado di convincere poco più dei suoi “vecchi fedeli” in diminuzione che ha una reale possibilità di migliorare le loro vite. Nella Germania dell’Est è troppo spesso visto come parte dell’”Establishment”; nella Germania Ovest è ancora gravato da pregiudizi anticomunisti e anti-RDT. Fatta eccezione per la questione dell’affitto, non si è guadagnata la reputazione di combattente energico e provocatorio. Nonostante molti sforzi coraggiosi, è quindi in grave pericolo.

Se vince questa sfida vitale, rimane la questione dell’adesione a una coalizione di governo, sempre se invitata. Dei due principali candidati di sinistra di domenica, Dietmar Bartsch, un tedesco dell’Est, tende a una coalizione “Rosso-Verde-Rosso” (SPD e The Left rivendicano entrambi il rosso come colore del partito). L’altra principale candidata, Janine Wissler dell’Assia della Germania occidentale, sembra scontenta all’idea di un tale compromesso, anche se potrebbe farle ottenere un seggio nel governo federale. Nei dibattiti televisivi Wissler è stata una combattente dura, chiara, sempre (o quasi sempre) con un sorriso amichevole mentre attaccava i programmi limitati degli altri partiti e la loro belligeranza spesso allarmante nei confronti della Russia e della Cina. 

Questi mesi del virus sono tempi complicati. Di positivo c’è che alcuni lavoratori stanno resistendo. Gli ingegneri delle locomotive hanno appena vinto una battaglia dopo tre scioperi dei treni, il personale degli ospedali di Berlino si sta battendo in modo altrettanto militante per condizioni migliori. Una crescente rivincita della sinistra, con la Linke in testa, potrebbe essere più necessaria che mai!

Per il voto cruciale di domenica potremmo davvero aver bisogno di mille calcoli, oppure di una sfera di cristallo!

http://www.sinistraineuropa.it/approfondimenti/la-sinistra-avanzera-con-una-vittoria-dei-socialdemocratici-in-germania/