Dicembre 1, 2021

AFV

Libera la tua mente

Elezioni. La sinistra perde anche dove vince la “sinistra”

Ha vinto il governo Draghi. E’ la prima cosa che ha dichiarato Enrico Letta. E quindi il segno del voto non è certo di sinistra.
Il PD vince dentro un nuovo bipolarismo da cui sono fuori metà degli elettori. Risulta egemonico tra l’elettorato che si dichiara di sinistra e antifascista anche se non mette in discussione le politiche neoliberiste del passato e si identifica con l’uomo della troika, il riarmo, la finzione ecologica, la precarietà del lavoro e i bassi salari, le privatizzazioni e i tagli.
Nelle città i candidati del PD non rappresentavano la rottura con l’immobiliarismo e le privatizzazioni dei servizi. ma la più sicura garanzia degli interessi forti congiunta con la capacità di interloquire sul piano valoriale con l’opinione pubblica progressista e democratica.
Il pericolo della destra fascistoide e l’amplificazione dei novax hanno funzionato per cementare un elettorato moderato e progressista intorno a chi nel governo appare rappresentare il senso di responsabilità e il buonsenso.

Bisognerà leggere dentro la composizione sociale e le ragioni del voto e del non voto. Il dato certo è che l’astensionismo è alto, il M5S si sgonfia ma la sinistra anticapitalista non intercetta nulla.

La nostra area non tocca palla. Nonostante il valore delle candidature in campo. Ringrazio le compagne e i compagni che si sono spesi come candidati sindaco e consiglieri. Davvero grazie a Paolo Berdini, Angelo d’Orsi, Gabriele Mariani, Dora Palumbo e a tutti gli altri.
Per la sinistra che sta all’opposizione del governo Draghi e alternativa ai poli esistenti il risultato è pessimo, in alcuni casi disastroso. Da anni insistiamo sulla necessità che vi sia un soggetto o almeno uno spazio unitario. Ci si risponde con scelte identitarie che non accettano neanche di fare coalizione intorno a una candidatura a sindaca/o e il risultato è una delegittimazione reciproca e una marginalizzazione dallo stesso confronto pubblico.
Dall’altro lato una parte della sinistra antiliberista e ambientalista sceglie di stare nell’alleanza col PD e M5S con risultati a volte significativi come a Bologna, in altre insoddisfacenti come a Milano. La loro linea, che non condividiamo, certo non viene messa in discussione dal presentare 5 candidature a sinistra del centrosinistra.
A Napoli si elegge ma non entra la nostra compagna Elena Coccia, a Torino c’è stata un’unità più larga (ovviamente anche là Rizzo e PCL non han voluto), e si è preso un 2,40%, a Milano è deludente il risultato di un’esperienza bella e vera come Milano in Comune, a Bologna divisi si perde l’occasione di eleggere.
Unico segnale positivo forte è stato quello dell’esperimento in Calabria dove intorno alla candidatura di Luigi De Magistris si è costruito uno schieramento unitario largo che ha riunito tutta la sinistra di opposizione al governo Draghi, cittadinanza attiva, associazionismo, movimenti. Il PC e il PCL non avevano la forza di presentarsi e quindi nessuno ha potuto parlare di frammentazione e dispersione.

Non mi pare interessante la competizione nella sinistra radicale e il conto che a Roma e Bologna Pap ci supera, mentre a Milano o Torino siamo sopra noi. Neanche i magri risultati delle liste supercomuniste. Il dato è che così frammentati non si costituisce un punto riferimento, si viene facilmente resi invisibili dai media, si crea passività nell’elettorato.

Non basta ovviamente soltanto l’unità ma è il minimo indispensabile. Siamo gli unici ad averla nel dna e a riproporla continuamente e non credo sia sbagliato.

Il problema più grosso però rimane quello di costruire una proposta che parli e coinvolga a livello di massa con un profilo capace di aprirsi uno spazio nel bipolarismo.

Maurizio Acerbo PRC