Dicembre 1, 2021

AFV

Libera la tua mente

Giornata della resistenza indigena (12 ottobre) Resistenza più visibile, più internazionale e più forte che mai

Il 12 ottobre è la “Giornata della Resistenza Indigena” – poiché con l’arrivo di Cristoforo Colombo sulle coste delle Americhe in questo giorno del 1492, iniziò l’oppressione dei popoli indigeni delle Americhe, la colonizzazione e lo sfruttamento sistematico del loro mondo. Oggi, gli effetti dell’imperialismo europeo si fanno ancora sentire. I popoli indigeni devono continuare a resistere alle corporazioni e ai governi che non rispettano i loro diritti, invadono i loro territori e addirittura li uccidono. Il razzismo è un problema quotidiano. Allo stesso tempo, la resistenza indigena sta crescendo. A gran voce e a livello internazionale, le organizzazioni indigene e i loro delegati stanno portando avanti la lotta contro il cambiamento climatico e lo sfruttamento capitalista – e per uno sviluppo più giusto.

I popoli indigeni di tutto il mondo sono uniti dall’esperienza di privazione di diritti, oppressione e discriminazione. Questo è aggravato dalla crescente criminalizzazione dei movimenti indigeni che lottano per preservare il loro habitat e i loro mezzi di sussistenza. Il Columbus Day è ancora celebrato nelle Americhe. Con la crescente consapevolezza della colonizzazione violenta e delle grandi sofferenze, la giornata ha cambiato finalità in sempre più stati a partire dagli anni ’90. La Bolivia celebra il “Giorno della decolonizzazione”, il Cile il “Giorno dell’incontro dei due mondi” e l’Argentina il “Giorno del rispetto della diversità culturale”. Negli Stati Uniti si sta tentando di contrapporre al Columbus Day un “Indigenous Peoples’s Day” l’11 ottobre. Questa non deve rimanere una politica di sola facciata.

La resistenza indigena è in rete a livello internazionale, come dimostra l’attuale “Gira Zapatista”. Questa delegazione dell’esercito di liberazione zapatista del sud del Messico è attualmente in giro per l’Europa. I delegati, tra le altre cose, in Germania hanno sostenuto lo sciopero del clima e hanno protestato contro le forniture di armi di Heckler & Koch. Per loro, è il 25° anniversario della resistenza.

In Bolivia, più di 500 indigeni hanno marciato per 37 giorni per affermare i loro diritti fondamentali. Le marce sono una delle più importanti espressioni di resistenza dei popoli indigeni della Bolivia. Esigono dallo stato e dalla società boliviana il riconoscimento dei loro territori, il diritto all’autodeterminazione, all’autogoverno, alla partecipazione politica e all’identità culturale. Le marce non hanno sempre portato alla meta. Ma hanno reso più visibile la popolazione indigena del paese.

Una settimana fa, 200 indigeni Awajún hanno occupato la stazione cinque dell’oleodotto peruviano (ONP) nell’Amazzonia peruviana a nord del paese. Protestano contro la distruzione ambientale causata dall’oleodotto e dalle sue perdite, così come per una maggiore educazione e partecipazione sociale. Nell’est del paese, gli indigeni stanno lottando contro la costruzione di una strada illegale costruita dai taglialegna in mezzo alla foresta pluviale, che colpirà oltre duemila indigeni di cinque diverse tribù.

http://www.gfbv.it/2c-stampa/2021/211011it.html