Novembre 28, 2021

AFV

Libera la tua mente

PARAGUAY. VERRA’ FINALMENTE CHIARITO L’ ASSASSINIO DELLE DUE BAMBINE LILIAN MARIANA E MARIA CARMEN?


Francesco Cecchini

Lilian Mariana e María del Carmen, le due bambine asassinate


LILIAN MARIAN E MARIA DEL CARMEN.
Dopo diverse richieste del governo argentino attraverso il suo ministero degli Esteri, il Paraguay ha finalmente accettato la formazione di una Commissione internazionale di relatori composta da scienziati forensi (La scienza forense è l’ applicazione di tecniche e metodologie scientifiche alle tradizionali investigazioni di carattere giudiziario, in relazione all’accertamento di un reato) provenienti da Portogallo, Spagna, Paraguay e dall’ équipe di antropologia forense argentina, EEAF, in modo che il caso delle due bambine argentine, Lilian Mariana Villalba e María Carmen Villalba possa essere chiarito. Entrambi sono morte il ​​2 settembre 2020 nella città di Yby Yaú in un’ operazione dell’ esercito paraguaiano contro il gruppo guerrigliero EPP, Ejército del Pueblo Paraguayo.
Nell’ incontro che Santiago Cafiero ha tenuto al Palazzo San Martín di Buenos Aires con il suo collega paraguaiano Euclides Acevedo Candia, nell’ agenda bilaterale che includeva questioni relative al Mercosur, si è concordato di lavorare sul caso delle bambine morte nel dipartimento di Concepción, in Paraguay. , Spagna, Paraguay e dal team di antropologia forense argentina,EAAF, nel rispetto della sovranità giurisdizionale del Paraguay. Hanno rivendicato la difesa dei diritti umani e etrambi i ministri degli Esteri hanno concordato sull’ importanza di avanzare su questo tema e Cafiero ha promesso una visita a breve ad Asunción, in Paraguay.
Così il conflitto che si era scatenato tra i due Paesi è stato sbloccato. L’ Argentina aveva già affermato quando si era compiuto il primo anniversario dell’ evento attraverso il suo allora ministro degli esteri, Felipe Solá. In quell’ occasione era stato richiesto l’accesso anche al Team di Antropologia Forense argentina, molto prestigioso a livello mondiale, e il governo paraguaiano era stato sollecitato a consentire l ‘accesso ai procedimenti amministrativi e giudiziari alle famiglie delle vittime e allo Stato argentino, che secondo Il ministero degli esteri era qualcosa “a cui il Paraguay ha sistematicamente rifiutato”.
Il fatto è avvenuto il 2 settembre dello scorso anno nel bel mezzo di un attacco della FTC , Fuerza de Tarea Conjunta, un comando operativo che unisce le forze di polizia e militari, contro un campo del gruppo guerrigliero EPP in una zona boschiva di Yby Yau. Durante l’operazione, le forze di sicurezza hanno ucciso le due bambine, che vivevano nella provincia di Misiones, Argentina, e si erano trasferite lì a fine 2019 per incontrare loro parenti, genitori. Vivevano con i nonni in Argentina e non avevano idea delle attività di guerriglia dei loro genitori. E a causa della pandemia di COVID-19, non sono state in grado di rientrare in Argentina.
A seguito dell’incidente, l’Associazione Argentina degli Avvocati e degli Avvocati ha sporto denuncia contro lo Stato del Paraguay per l’omicidio dei due minorenni. In una dichiarazione inviata a Infobae, il sindacato ha affermato: Questo caso delle due ragazze uccise dall’esercito paraguaiano e dalle forze congiunte riflette l’ entità dello scontro e la crudeltà del dominante. Le uniche cadute sono state due bambine argentine, entrambe di 11 anni.
” Abbiamo avuto un’operazione di successo contro il EPP nel campo che il gruppo di guerriglieri aveva in una zona della giungla nel nord del Paraguay. Dopo uno scontro, due membri di questo gruppo armato sono stati uccisi, ha riferito il presidente paraguaiano Mario Abdo Benítez sull’evento. Sia dalla famiglia Villalba che da varie organizzazioni per i diritti umani quella versione è stata screditata. La distruzione delle prove è stata denunciata e anche la violazione dei protocolli investigativi.
Due mesi dopo l’ attacco, un rapporto di Human Rights Watch (HRW) ha rivelato “gravi irregolarità” e l’ entità ha richiesto, come le Nazioni Unite, un’indagine urgente e imparziale sull’incidente.
Dai militari paraguaiani è stato segnalato che i guerriglieri dell’ EPP stavano reclutando e formndo una sorta di asilo nido per combattenti e hanno informato che le due bambine erano parenti dei fratelli Liliana e Osvaldo Villalba, i due leader dell’organizzazione. Nel settembre 2020, una donna di nome Genoveva Oviedo, zia delle due bambine, ha parlato con il quotidiano missionario El Territorio e ha informato che le due bambine erano conosciute come Lilian Mariana e María del Carmen, dichiarando: Sono state cresciute come sorelle. Sono bambinee istruite, brave studentesse, non hanno mai avuto niente a che fare con la guerriglia, non sanno camminare in montagna. Noi, tutta la famiglia, le abbiamo cresciute con molto amore data la situazione dei loro genitori. Vivevano in Argentina con la nonna .
Dal momento del doppio delitto, sono esistite tensioni tra il governo di Alberto Fernández e quello di Mario Abdo Benítez. Lo stesso presidente paraguaiano, infatti, si è offerto di recarsi in Argentina e fornire spiegazioni su quanto accaduto. La situazione è addirittura peggiorata quando la polizia paraguaiana ha divulgato informazioni ottenute grazie a compiti di intelligence svolti proprio sul suolo argentino.
Il nostro Paese ha espresso l’ intenzione di accompagnare con un Amicus Curiae ( è un termine giuridico che, tradotto letteralmente, significa “amico della corte”) la petizione presentata dai familiari delle vittime davanti al Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, al fine di richiedere un’indagine indipendente, obiettiva e imparziale che consenta di chiarire le circostanze in cui sono stati assassinati, ha affermato il ministero degli Esteri argentino nel comunicato che ha diffuso dopo un anno dall’evento. “Allo stesso modo, ciò consente di verificare la successiva procedura adottata dalle agenzie statali del Paraguay e le responsabilità che ciascuna di esse ha nell’ambito delle disposizioni della Convenzione sui diritti dell’infanzia”, ​​ha aggiunto.
LICHITA.
Un’altra situazione irregolare si è aggiunta a quella delle due bambine assassinate quel 2 settembre nel nord del Paraguay. Carmen Elizabeth Oviedo Vilalba, alias Lichita, 15 anni e cugina dei due minorenni assassinati, è scomparsa dal 30 novembre 2020. Secondo alcuni parenti, “Lichita” era stata presente anche all’ operazione della FTC il 2 settembre 2020, quando è riuscita a fuggire nonostante fosse stata colpita a una gamba. La quindicenne, che era riuscita a fuggire con la sorella gemella, una zia e altre due adolescenti, è scomparsa in mezzo alla giungla, nella zona di Cerro Guazú, mentre cercava di sfuggire all’ azione della FTC.
Anche la sparizione di Lichita richiede chiarimenti che la riportino in vita.

Santiago Cafiero e Euclídes Acevedo, ministri degli esteri di Argentina e Paraguay.