La tempesta di acqua e vento in Sicilia e in particolare su Catania è stata chiamata “ciclone mediterraneo”. Una definizione che non esisteva anni fa e che da sola chiarisce la direzione dalla catastrofe climatica. Si va sempre più velocemente verso uno sconvolgimento non solo della natura e dell’ambiente, ma delle nostre vite.
Di fronte all’accelerazione del disastro il bla bla bla dei politici si ripeterà al prossimo G20 a Roma e alla conferenza Cop 26 di Glasgow. Perché fino a che il profitto dominerà le nostre vite e l’economia sarà sottoposta alla dittatura della crescita degli affari, potremo solo aspettare e subire i colpi della progressiva ribellione della natura. La questione ecologica e quella sociale sono due facce della stesso fallimento di quel capitalismo liberista che invece Draghi , la UE ed il potere finanziario vorrebbero rilanciare. Ci vogliono scelte radicalmente diverse su salute e ambiente, ci vuole una vera pianificazione pubblica del risanamento ambientale, ci vogliono piccole opere per risanare il territorio e le città, al posto delle grandi opere mangiasoldi. Rappresentate in Sicilia dalla follia del Ponte sulle Stretto, che tutti noi dovremmo immaginare mentre si scatena un ciclone mediterraneo.
La solidarietà alle popolazioni colpite è vera solo se si accompagna all’impegno e alla lotta per cambiare la società. E non domani o dopo, ma ora. Altrimenti sono solo insopportabili lacrime di coccodrillo che si aggiungono alla pioggia.

Giorgio Cremaschi PaP

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy