• Bruno Guigue

Joe Biden, Emmanuel Macron e Company, grandi difensori del diritto internazionale!

Questo è pazzesco. Ascoltando questi quaquaraquaraqua, prima o poi si dimenticherebbe che:

– Gli Stati Uniti hanno distrutto l’Iraq, causando una serie di disastri che hanno ucciso un milione di persone.

– Vent’anni di occupazione militare in Afghanistan hanno provocato decine di migliaia di vittime, divise e rovinate quel paese, oggi riportate al potere talebano.

– Sessant’anni di blocchi illegali contro Cuba hanno tentato di distruggere questo piccolo paese socialista privandolo delle forniture, compresa l’abiezione della Corte Suprema, durante una crisi sanitaria.

– I criminali della NATO hanno devastato la Serbia per ottenere la secessione illegale del Kosovo.

– Le consegne di armi e il sostegno occidentale all’aggressione saudita contro lo Yemen hanno provocato un disastro umanitario senza precedenti.

– L’embargo occidentale sul Venezuela ha ucciso migliaia di bambini privi di medicine

– Gli Stati Uniti hanno preparato e finanziato il colpo di stato di estrema destra contro Evo Morales in Bolivia.

– Il Timber Sycamore guidato dalla CIA ha aiutato a devastare la Siria fornendo miliardi di dollari ai terroristi.

– Sanzioni e occupazione del territorio siriano prolungano le sofferenze di un intero popolo.

– “L’unica democrazia in Medio Oriente”, questo modello di virtù, tortura migliaia di prigionieri politici e abbatte centinaia di manifestanti disarmati.

– I bombardamenti NATO, coordinati con l’offensiva delle milizie estremiste, hanno devastato la Libia, promuovendo la spartizione del paese e il ripristino della schiavitù.

– Il neocolonialismo francese ha fatto di tutto per mantenere i paesi del Sahel in miseria, dipendenza e corruzione.

– USA e UE hanno sostenuto il conflitto in Ucraina sponsorizzando il neonazismo.

Certamente questa lista non è esaustiva!

Sulla scala Richter del massacro di massa, la democrazia occidentale ha battuto da tempo tutti i record, e deve davvero essere invertita.

È ora di rompere l’idolo, prima di disperdere i pezzi per non vedere mai più la sua faccia orrenda.

Combattere l’imperialismo significa nominarlo, mostrando i responsabili.

Per l’imperialismo non è un polpo anonimo, un mostro tentacolo senza fuoco né luogo, o qualche misteriosa entità che si nasconde nell’ombra che cospira per dominare il mondo.

L’imperialismo agisce apertamente, davanti ai nostri occhi: è la politica egemonica della triade USA-UE-Giappone, guidata da un’oligarchia finanziaria che controlla i centri di potere.

Questa è l’impresa di dominio globale di un mondo occidentale vassallizzato da Washington e cannibalizzato da un deep state dove le multinazionali del complesso militare-industriale hanno l’ultima parola.

Come ha mostrato Lenin, il capitalismo occidentale ha raggiunto la sua “fase suprema” all’inizio del Novecento.

Dopo aver vanamente tentato di dominare il mondo nel secolo scorso, ha raggiunto il suo culmine con il crollo dell’URSS.

Da allora, cerca di dare il cambiamento, oscillando tra crisi narcisistica e accesso alla depressione. Ma il divorzio sta crescendo tra le sue ambizioni e i suoi risultati.

Crescita in stallo, perdita di supremazia tecnologica, recessione delle quote di mercato e decomposizione sociale sono tutti sintomi della sua regressione.

Per aggirare il suo destino, l’Occidente vassallizzato da Washington continua a lampeggiare la fiaccola della sua presunta superiorità morale, come se questa arroganza potesse farci dimenticare l’essenza: non solo il mondo non gli obbedisce più, ma ha cessato di prenderlo come un modello.

I meravigliosi “valori” di cui sarebbe il depositario, l’universalità della “democrazia” che vanta, l’esempio indispensabile di “società aperta” di cui solo gli europei avrebbero lo scettro: chi crede ancora a tale scempio?

Visto che il gusto della sconfitta non piace a nessuno, questo mondo in declino prende i suoi desideri come realtà. Non potendo controllare il corso delle cose, sfugge nell’immaginario. Non può permettersi di imporre il suo dettato al resto del mondo, quindi sta usando la sua propaganda.

Oggi chi parla di più dei diritti umani è chi li viola quotidianamente. Quelli che parlano di diritto internazionale sono quelli che lo calpestano.

Dicono di rappresentare la comunità internazionale; eppure, rappresentano l’oligarchia corrotta di un mondo occidentale alla deriva.

Il loro habitat naturale sono le insidie della criminalità organizzata e della menzogna dello stato

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-combattere_limperialismo_significa_nominarlo_e_smascherarlo/38601_47412/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy