Il libro bianco intitolato Lo sviluppo verde della Cina nella nuova era, mostra la strada intrapresa dal Paese asiatico per affrontare l’emergenza climatica in contrasto con l’ipocrisia dell’Occidente. Di seguito la traduzione dell’articolo del Global Times a firma di Lin Xuanmin e Fan Anqi.

Giovedì (19 gennaio, ndt) la Cina ha pubblicato un libro bianco sul suo sviluppo verde nella nuova era, elaborando il modo in cui il Paese è rimasto fermamente impegnato nello sviluppo verde, ha partecipato in modo proattivo alla governance globale del clima e ha guidato la cooperazione internazionale.

Il libro bianco viene pubblicato in un momento in cui le prospettive globali per la cooperazione climatica rimangono oscure in mezzo a una crisi energetica persistente, con Paesi sviluppati tra cui gli Stati Uniti e le principali nazioni europee – tra i maggiori emettitori di gas serra nella storia – che deragliano o cambiano versione sulle loro promesse sul carbonio, mentre la pressante agenda ambientale globale viene sempre più boicottata da alcune potenze egemoniche occidentali e trasformata nel loro strumento politicizzato per colpire l’influenza globale in ascesa della Cina.

Nonostante il lato negativo, la Cina non solo si sta avviando verso i suoi due obiettivi sul carbonio rispettivamente nel 2030 e nel 2060, ma sta anche aiutando attivamente i Paesi in via di sviluppo ad affrontare le questioni climatiche attraverso la cooperazione sud-sud, come mostrato dal libro bianco.

La sfilza di mosse concrete è un’incarnazione degli impegni della Cina nei confronti del mondo come grande potenza responsabile. Ancora più importante, questo invia un messaggio sia clamoroso che incoraggiante al mondo, nel mezzo di schemi globali caotici e divisioni dilaganti, che secondo gli osservatori è destinato a dare nuovo slancio alla lotta globale per il clima.

Il libro bianco, intitolato Lo sviluppo verde della Cina nella nuova era, contiene sette capitoli, tra cui l’impegno della Cina per il percorso di sviluppo verde, la configurazione territoriale verde, l’ulteriore ottimizzazione della struttura industriale, il meccanismo per lo sviluppo verde e la cooperazione internazionale. Secondo il libro bianco, la Cina, in quanto nazione in via di sviluppo più grande del mondo, ha compiuto notevoli progressi nello sviluppo verde e ha dato un grande contributo nell’arena globale.

Alla fine del 2021, erano state istituite quasi 10.000 aree protette di vario tipo e livello, che coprivano oltre il 17% della superficie terrestre della Cina, mettendo sotto protezione effettiva il 90% dei suoi tipi di ecosistemi naturali terrestri e il 74% delle principali specie selvatiche protette dallo Stato, dice il libro bianco.

Dal 2012 al 2021 sono stati piantati 64 milioni di ettari di alberi. Dal 2000, la Cina ha guidato il mondo nel rendere più verde il pianeta, contribuendo a circa un quarto delle nuove aree verdi aggiunte nel mondo, afferma.

La Cina sta anche compiendo i progressi più rapidi nel miglioramento della qualità dell’aria. La densità media di PM2,5 delle città cinesi a livello di prefettura e oltre è scesa da 46 microgrammi per metro cubo nel 2015 a 30 microgrammi per metro cubo nel 2021. Un totale dell’87,5% dei giorni nel 2021 sono stati giorni di buona qualità dell’aria, secondo il documento.

La percentuale di fonti di energia pulita nel consumo energetico totale della Cina è aumentata dal 14,5% nel 2012 al 25,5% entro la fine del 2021, mentre la percentuale di carbone è diminuita dal 68,5% al 56% nello stesso periodo, afferma il documento.

Entro la fine del 2021, la capacità installata di energia rinnovabile era di oltre 1 miliardo di kilowatt, pari al 44,8% della capacità installata complessiva della Cina. La capacità installata di energia idroelettrica, eolica e fotovoltaica ha superato ciascuna i 300 milioni di kilowatt, la più alta al mondo.

La Cina “dimostra pienamente il suo forte senso di responsabilità come grande potenza […] e aiuta a costruire un sistema globale di governance del clima equo, razionale e reciprocamente vantaggioso“, ha dichiarato Zhao Chenxin, vicedirettore della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma, il principale pianificatore economico della Cina, in una conferenza stampa tenuta giovedì.

La Cina si è impegnata solennemente a raggiungere il picco delle emissioni di carbonio entro il 2030 e la neutralità carbonica entro il 2060. Tale obiettivo, se raggiunto nei tempi previsti, segnerà la riduzione più drastica al mondo dell’intensità delle emissioni di carbonio e il tempo più breve per raggiungere l’obiettivo di passare dal picco alla neutralità carbonica nella storia globale, secondo Zhao.

La ferma determinazione della Cina

Il libro bianco sottolinea l’incrollabile determinazione della Cina a onorare il suo impegno. Date le triplici pressioni globali di crisi energetica, crisi alimentare e tracollo economico, è un’affermazione che la Cina non si ritirerà dalla sua responsabilità globale nell’affrontare le sfide climatiche, anzi sta rafforzando il ruolo“, ha dichiarato giovedì al Global Times Lin Boqiang, direttore del China Center for Energy Economics Research presso l’Università di Xiamen.

Il documento viene anche rilasciato in un momento in cui la Cina sta gradualmente uscendo dalle nuvole dell’epidemia e ha bisogno di uno slancio per realizzare una crescita di alta qualità e lo sviluppo verde è uno dei potenziali motori, Pan Jiahua, direttore dell’istituto di ecostudi sulla civiltà dell’Università di tecnologia di Pechino, ha riferito giovedì al Global Times.

Gli osservatori hanno affermato che gli input intensificati dalla Cina svolgeranno un ruolo esemplare a livello globale sia per i mondi in via di sviluppo che per quelli sviluppati. Da un lato, i Paesi in via di sviluppo potrebbero evitare deviazioni e avere una scorciatoia prontamente disponibile. Dall’altra parte, serve come promemoria tempestivo per alcune nazioni sviluppate a non rinunciare ai loro impegni.

I Paesi sviluppati con capitali, fonti e aspirazioni potrebbero essere incoraggiati a tornare sulla retta via dello sviluppo“, ha detto giovedì al Global Times Li Haidong, professore presso l’Istituto di relazioni internazionali della China Foreign Affairs University.

A differenza dell’approccio energetico titubante di alcuni Paesi occidentali, la Cina ha mostrato coerenza nella sua politica mentre persegue un percorso di sviluppo verde, come confermato nel libro bianco. E tale priorità di crescita è ulteriormente stabilita dal rapporto del 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese di ottobre, che ha esposto l’obiettivo generale della modernizzazione della Cina e ha identificato la via cinese alla modernizzazione come un nuovo percorso di “coesistenza armoniosa tra l’uomo e la natura“. Il libro bianco non rivela la quantità di riduzione delle emissioni di carbonio dello scorso anno. Ma gli analisti si aspettavano che l’importo tagliato nel 2022 sia andato in parallelo con gli obiettivi specifici fissati in precedenza per ciascun settore ad alta intensità energetica, come acciaio, metalli non ferrosi e cemento.

Nello specifico, anche molti degli indici ambientali dettagliati della Cina hanno sostenuto il mondo.

La Cina ha anche sostenuto una crescita economica annuale media del 6,6% con un consumo energetico annuo del 3%, secondo il libro bianco. Rispetto al 2012, il consumo di energia della Cina per unità di PIL è diminuito del 26,4% nel 2021, rendendola uno dei Paesi più veloci nel ridurre l’intensità energetica, secondo il libro bianco.

L’incapacità dell’Occidente di essere all’altezza degli obblighi

Nella cooperazione globale, la Cina ha anche dato un contributo storico alla conclusione e all’attuazione dell’accordo di Parigi, ha partecipato attivamente alla cooperazione sud-sud sui cambiamenti climatici e ha promosso la cooperazione internazionale sul risparmio delle risorse e sulla protezione dell’ecoambiente. E sta anche lavorando con altri Paesi per promuovere lo sviluppo verde nell’ambito della Belt and Road Initiative, ha affermato Zhao.

Pan ha affermato che la Cina ha svolto un ruolo molto attivo nel promuovere e guidare la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Che si tratti dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite o della COP15 in cui i leader mondiali hanno adottato lo storico Kunming-Montreal Global Biodiversity Framework, la Cina ha dato un contributo innegabile.

Il contributo pragmatico della Cina nel contenere il riscaldamento globale è in netto contrasto con alcuni Paesi occidentali, che secondo gli analisti non affrontano pienamente la loro responsabilità storica, e sempre “strombazzano ad alta voce ma mancano di passi sostanziali“.

Li ha affermato che è particolarmente ironico che gli Stati Uniti, dominatori di lunga data degli affari globali, passino in secondo piano nella governance climatica. “Gli Stati Uniti sono la potenza più forte del mondo sia in termini di economia che di capitale e tecnologia, ma sono sempre stati un disertore nell’affrontare il cambiamento climatico globale“, ha osservato.

Ad oggi, l’impegno di 100 miliardi di dollari all’anno dei Paesi sviluppati nei confronti dei Paesi in via di sviluppo rimane insoddisfatto e non esiste un chiaro accordo di finanziamento per il fondo “perdite e danni” istituito durante il vertice COP27.

Durante il vertice COP27 che si è concluso a novembre, è stato riferito che i Paesi occidentali, i principali contributori storici ai gas serra globali, stavano utilizzando la piattaforma globale per fare pressione sulla Cina e su altre economie emergenti affinché pagassero il fondo per i danni.

L’Occidente ha sempre giocato un doppio standard quando si tratta di affrontare il cambiamento climatico e ridurre le emissioni, essendo indulgente con i propri requisiti ma particolarmente severo con quelli dei Paesi in via di sviluppo, in particolare la Cina“, ha affermato Li.

Questo doppio standard ha fatto capire alla comunità internazionale l’ipocrisia e la lentezza nello sviluppo dell’economia verde da parte dell’Occidente, che piuttosto cerca di utilizzare gli obiettivi di emissione come strumento politico per ricattare o rallentare il rapido sviluppo della Cina, ha osservato Li, sollecitando l’Occidente a rinunciare ai suoi pregiudizi nei confronti della Cina e a facilitare una cooperazione pragmatica.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Giulio Chinappi – World Politics Blog

Di Giulio Chinappi - World Politics Blog

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, “Educazione e socializzzione dei bambini in Vietnam”, Paese nel quale risiede tuttora. Nel suo blog World Politics Blog si occupa di notizie, informazioni e approfondimenti di politica internazionale e geopolitica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy