La Russia accusa anche l’Ucraina. Nell’attentato sono morte almeno 130 persone

Autore: Vincenzo Giardina

ROMA – L’attentato alle porte di Mosca è stato “preparato” da “fondamentalisti islamici” ma è stato “permesso da servizi segreti occidentali”, oltre che da quelli ucraini, “collegati direttamente” all’episodio: lo ha detto Aleksandr Bortnikov, direttore dell’agenzia di intelligence russa Federalnaja Sluzhba Bezopasnosti (Fsb). Le sue dichiarazioni sono state rese in un’intervista rilanciata da Novosti e da altre testate moscovite. Venerdì sera, nell’attentato alla sala concerti Crocus City Hall hanno perso la vita più di 130 persone.

Ieri il presidente russo Vladimir Putin ha detto che, sulla base delle informazioni disponibili, l’azione sarebbe stata condotta per “mano” di “fondamentalisti islamici” ma ha anche sottolineato che i sospettati sono stati fermati mentre cercavano di raggiungere l’Ucraina. Il capo di Stato ha infine ribadito di voler scoprire chi siano i “mandanti”.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy