I funzionari statunitensi non hanno condiviso con le loro controparti russe tutti i dati sull’attacco terroristico pianificato al Crocus City Hall, sala concerti nella periferia di Mosca, per paura che Mosca apprendesse fonti e metodi dell’intelligence statunitense. Lo scrive il quotidiano New York Times.

Secondo le informazioni pubblicate dall’organo di stampa USA, “il rapporto contraddittorio tra Washington e Mosca ha impedito ai funzionari statunitensi di condividere qualsiasi informazione sull’attentato oltre quanto necessario, per paura che le autorità russe potessero apprendere le loro fonti o metodi di intelligence”.

Alti funzionari statunitensi hanno affermato che Washington ha monitorato da vicino le attività del gruppo estremista Stato Islamico (Isis) negli ultimi mesi. Le fonti del giornale affermano che durante la sorveglianza, che comprendeva intercettazioni elettroniche, informatori e altri mezzi, gli agenti statunitensi hanno ricevuto informazioni molto specifiche sui piani per un attacco terroristico in preparazione in Russia.

Quando gli è stato chiesto di commentare queste informazioni, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto di non essere a conoscenza di queste circostanze e ha invitato ad affrontare con attenzione l’articolo del giornale.

“Le informazioni del New York Times, che cita fonti, sono informazioni che dovrebbero essere trattate con grande cautela”, ha sottolineato il portavoce presidenziale.

La sera del 22 marzo, un attacco terroristico ha preso di mira il locale musicale Crocus City Hall a Krasnogorsk, nella regione di Mosca, appena fuori dai confini della città di Mosca. Almeno 143 persone furono uccise. Secondo gli ultimi dati, circa 360 persone sono rimaste ferite, 205 delle quali hanno ricevuto assistenza medica.

Undici persone sospettate di coinvolgimento nell’attacco terroristico sono state arrestate, compresi i quattro uomini armati, arrestati nella regione di Bryansk, a sud-ovest di Mosca, mentre tentavano di fuggire in Ucraina attraverso il vicino confine.

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato in un discorso televisivo che, secondo le prime informazioni, la parte ucraina aveva preparato “una finestra” al confine appositamente per consentire ai terroristi di passare inosservati. Quindi, il leader russo ha promesso di identificare e punire tutti coloro che sono dietro l’attacco al municipio di Crocus. Dopo aver assicurato alla giustizia gli esecutori materiali, la dirigenza russa ha affermato di cercare adesso i mandanti dell’attentato.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-nyt_gli_usa_non_hanno_fornito_alla_russia_tutti_i_dati_sullattacco_terroristico/45289_53849/#google_vignette

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy