La Cina è pronta a contrastare il tentativo delle Filippine di legalizzare le loro occupazioni illegali nel Mar Cinese Meridionale, presentando una richiesta all’ONU, e adottando misure per salvaguardare la propria sovranità territoriale e i propri diritti marittimi. Di seguito la traduzione dell’articolo del Global Times.

La Cina è ben preparata per l’ultimo tentativo delle Filippine di legalizzare le sue occupazioni illegali nel Mar Cinese Meridionale, poiché Manila ha recentemente presentato una richiesta alle Nazioni Unite riguardante una “piattaforma continentale estesa” nella regione, hanno detto gli analisti, sottolineando che la Cina adotterà contromisure complete su tutti i fronti per salvaguardare la propria sovranità territoriale e i diritti marittimi, e che le nuove procedure della Guardia Costiera Cinese consentiranno alle forze di applicazione della legge cinesi di agire in modo più deciso per contrastare le provocazioni.

Marshall Louis Alferez, segretario assistente del Ministero degli Esteri per gli affari marittimi e oceanici, ha dichiarato in un comunicato che “oggi garantiamo il nostro futuro manifestando il nostro diritto esclusivo di esplorare e sfruttare le risorse naturali nella nostra piattaforma continentale estesa“, ha riportato Reuters sabato.

Secondo le disposizioni pertinenti della sezione della piattaforma continentale della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare, in determinate condizioni, la piattaforma continentale di uno Stato costiero può estendersi oltre le 200 miglia nautiche dalla linea di base del mare territoriale.

Le Filippine hanno principalmente basato la loro domanda alla Commissione sui Limiti della Piattaforma Continentale su questa disposizione per determinare i limiti esterni della piattaforma continentale oltre le 200 miglia nautiche, hanno detto gli esperti.

Improbabile che venga esaminata

Ding Duo, vicedirettore dell’Istituto di Diritto e Politica del Mare presso l’Istituto Nazionale per gli Studi del Mar Cinese Meridionale, ha dichiarato al Global Times domenica che, secondo le informazioni del Dipartimento degli Affari Esteri delle Filippine, la cosiddetta “piattaforma continentale estesa nel Mar Cinese Meridionale” nella regione del Palawan occidentale si sovrappone alle acque sotto la giurisdizione cinese rivendicate dalla Cina.

In caso di tali controversie, secondo le regole di procedura della Commissione sui Limiti della Piattaforma Continentale, la richiesta è improbabile che venga esaminata e potrebbe essere rinviata al mittente per una revisione, ha detto Ding.

Lo scopo principale delle Filippine nel presentare il caso dei limiti esterni della piattaforma continentale è legittimare la sentenza illegale del caso di arbitrato sul Mar Cinese Meridionale.

Inoltre, mira a provocare attacchi e diffamazioni contro le politiche e le posizioni della Cina nel Mar Cinese Meridionale nei forum internazionali multilaterali e nell’arena dell’opinione pubblica globale, hanno detto gli esperti. Considerando che le Filippine hanno occupato illegalmente diverse isole e scogliere delle Nansha Qundao (conosciute anche come Isole Nansha) [1] della Cina e hanno recentemente causato incidenti a Xianbin Jiao [2] e Tiexian Jiao [3], le Filippine stanno cercando di usare la carta della piattaforma continentale estesa per ripulire, solidificare e persino espandere i loro possedimenti illegali nel Mar Cinese Meridionale, hanno notato.

Le Filippine stanno tramando questa mossa da tempo, supportate da istituti di ricerca e team legali americani, hanno detto gli analisti.

Negli ultimi anni, hanno compiuto preparativi legali e tecnici. Tuttavia, la Cina è preparata a questo e risponderà diplomaticamente e politicamente per dimostrare la sua posizione ferma. La Cina prenderà anche contromisure corrispondenti in base alle effettive necessità per salvaguardare la propria sovranità territoriale e i propri diritti marittimi, continuando a esporre le reali intenzioni e i fini malevoli delle continue infrazioni e provocazioni delle Filippine alla comunità internazionale, ha notato Ding.

Il continuo clamore delle Filippine sulle procedure di applicazione amministrativa della Guardia Costiera Cinese riflette la loro coscienza colpevole e mostra l’intenzione di auto-promozione attraverso il clamore, ha detto Ding.

Indipendentemente da come le Filippine distorcono e diffamano i nuovi regolamenti della Guardia Costiera Cinese nell’arena dell’opinione pubblica internazionale, la Guardia Costiera Cinese continuerà a prendere misure efficaci e professionali di protezione dei diritti contro le infrazioni e le provocazioni delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale, salvaguardando fermamente la sovranità territoriale e i diritti marittimi della Cina, hanno detto gli esperti.

Pronti a contrastare le provocazioni

La Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese (EPL) ha recentemente dispiegato per la prima volta una nave d’assalto anfibia alle Nansha Qundao nel Mar Cinese Meridionale, una mossa che, secondo gli esperti, serve a prepararsi per eventuali risposte d’emergenza in mezzo alle ripetute provocazioni da parte delle Filippine.

La nave da sbarco per elicotteri di tipo 075, conosciuta anche come nave d’assalto anfibia, è stata avvistata vicino a Zhubi Jiao (conosciuta anche come Zhubi Reef) [4] venerdì, segnando il suo primo dispiegamento alle Nansha Qundao nel Mar Cinese Meridionale, ha riportato il Manila Times sabato.

La missione inaugurale della nave d’assalto anfibia di tipo 075 è avvenuta poco dopo che un’altra nave da guerra anfibia della Marina dell’EPL, una nave da sbarco anfibia di tipo 071, ha ospitato per la prima volta esercitazioni con hovercraft vicino a Xianbin Jiao (conosciuta anche come Xianbin Reef) nelle Nansha Qundao il 4 giugno, secondo un rapporto del 7 giugno del Philippine Daily Inquirer.

I media filippini hanno rapidamente collegato il dispiegamento della nave da guerra della Marina dell’EPL alle ultime procedure di applicazione della legge amministrativa della Guardia Costiera Cinese, entrate in vigore sabato.

Ma gli osservatori hanno sottolineato che sono state le Filippine a impegnarsi in provocazioni continue contro le isole e le scogliere cinesi in primo luogo, e le Filippine stanno agendo come un ladro che grida “fermate il ladro“.

In un recente incidente, la guardia costiera filippina ha inviato barche per approdare illegalmente su alcune isolette di Xianbin Jiao, incontrando le misure restrittive della Guardia Costiera Cinese; un altro incidente recente ha coinvolto personale filippino a bordo della loro nave da guerra illegalmente arenata su Ren’ai Jiao (conosciuta anche come Ren’ai Reef) [5] che puntava le armi contro le navi della Guardia Costiera Cinese.

Intorno al giorno dell’implementazione delle nuove procedure della Guardia Costiera Cinese sabato, la Guardia Costiera Filippina ha inviato navi sia a Xianbin Jiao che a Huangyan Dao (conosciuta anche come Isola Huangyan) [6], secondo dati di intelligence a fonte aperta raccolti dalla compagnia cinese di tecnologia e intelligence MizarVision venerdì e sabato.

Le Filippine potrebbero stare testando i nuovi cambiamenti della Cina a seguito dell’implementazione delle nuove procedure della Guardia Costiera Cinese, hanno detto gli analisti.

È totalmente legittimo per la Marina dell’EPL condurre esercitazioni di addestramento su e vicino alle isole e alle scogliere cinesi nel Mar Cinese Meridionale, ha detto un esperto militare cinese che ha richiesto l’anonimato al Global Times domenica.

Le esercitazioni contribuiscono alle capacità della Marina dell’EPL di salvaguardare la sovranità territoriale e i diritti marittimi della Cina, ha detto l’esperto, sottolineando che la presenza di alcune delle navi da guerra anfibie della Cina garantirà che qualsiasi emergenza potenziale non porti a scenari peggiori.

La parte cinese rimane altamente vigile e continuerà a prendere tutte le contromisure necessarie contro gli atti pericolosi e di escalation da parte delle Filippine, ha detto Zhang Xiaogang, portavoce del Ministero della Difesa Nazionale della Cina, in un comunicato stampa regolare di venerdì sui recenti incidenti nelle Nansha Qundao.

NOTE

[1] Nome cinese dell’arcipelago noto a livello internazionale con la denominazione di Isole Spratly.

[2] Nome cinese dell’atollo Sabina, parte delle Isole Spratly, attualmente occupato dalla Filippine ma rivendicato anche da Cina, Taiwan e Vietnam.

[3] Nome cinese della barriera corallina nota a livello internazionale con la denominazione di Sandy Cay, rivendicata da Filippine, Cina, Taiwan e Vietnam.

[4] Nome cinese della barriera corallina nota a livello internazionale con la denominazione di Subi Riff, attualmente amministratta dalla Cina ma rivendicata anche da Filippine, Taiwan e Vietnam.

[5] Nome cinese dell’atollo noto a livello internazionale con la denominazione di Second Thomas Shoal, attualmente occupato dalle Filippine ma rivendicato anche da Cina, Taiwan e Vietnam.

[6] Nome cinese dell’atollo noto a livello internazionale con la denominazione di atollo di Scarborough, attualmente amministrato dalla Cina ma rivendicato anche da Filippine e Taiwan.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Di Giulio Chinappi - World Politics Blog

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, “Educazione e socializzzione dei bambini in Vietnam”, Paese nel quale risiede tuttora. Nel suo blog World Politics Blog si occupa di notizie, informazioni e approfondimenti di politica internazionale e geopolitica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy