“Conto su di voi per salvarmi la vita”: Assange, dal carcere, chiede una mobilitazione a coloro che condividono la sua battaglia

Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, ha dichiarato in una lettera che non è in grado di esercitare la sua difesa in carcere di fronte ai tentativi degli Stati Uniti di ottenere la sua estradizione e forse la sua morte.

Nel testo, scritto a mano il 13 maggio scorso e inviato al giornalista indipendente britannico Gordon Dimmack, l’attivista australiano ha chiesto a tutti coloro che condividono i suoi ideali di combattere “fino al giorno in cui non sarà libero”.

“Sono impotente e conto su di voi e su altre persone di buon senso per salvarmi la vita”, ha scritto Assange, lamentandosi del fatto che coloro i quali avrebbero potuto organizzare la sua difesa si sono tirati indietro. “Tutti gli altri devono prendere il mio posto”, ha aggiunto.

BernThe270 Bernie2020@BernThe270

PDF of the original letter from Assange insude Belmarsh person:https://www.thecanary.co/wp-content/uploads/2019/05/pdf-dimmack-assange.pdf …Gordon Dimmack@GordonDimmackThanks to @jmcevoy_2 for the excellent article. #FreeAssange #ProtectJulian #Unity4J https://www.thecanary.co/feature/2019/05/24/as-us-seeks-to-crush-media-freedom-we-all-need-to-read-assanges-letter-from-prison/amp/?utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter&__twitter_impression=true …3720:48 – 24 mag 2019Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter28 utenti ne stanno parlando

Nella sua prigionia all’interno della carcere britannica di Belmarsh, la Guantanamo inglese, il fondatore di WikiLeaks ha dichiarato di non avere alcun tipo di accesso a un computer, a Internet o qualsiasi altro tipo di fonte di lettura, e che se pure ci fosse riuscito “sarebbe solo per mezz’ora una volta alla settimana.”

L’altro lato? Una superpotenza che si sta preparando da nove anni, con centinaia di persone e milioni di dollari nascosti che sono stati spesi per il caso”, aveva spiegato Assange giorni prima che la giustizia degli Stati Uniti annunciasse 17 nuove accuse penali che portano a circa 175 anni la potenziale condanna contro di lui.

“Il governo degli Stati Uniti o, piuttosto, gli elementi deplorevoli che in esso odiano la verità, la libertà e la giustizia, vogliono aprire la strada alla mia estradizione e morte”, ha affermato l’attivista prima di ricordare che il suo lavoro giornalistico è stato nominato sette volte per il Nobel per la pace. “Nel lungo periodo, la verità è tutto ciò che abbiamo”, ha concluso

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-conto_su_di_voi_per_salvarmi_la_vita_assange_dal_carcere_chiede_una_mobilitazione_a_coloro_che_condividono_la_sua_battaglia/82_28568/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy