Settembre 22, 2020

AFV

Libera la tua mente

IN RICORDO DI EDUARDO GALEANO

Sharing is caring!

Francesco Cecchini

Eduardo Galeano

Il mondo si divide, soprattutto, in indegni ed indignati e ognuno di voi sa da che parte vuole stare.                                                                     

Edorardo Galeano

Eduardo  Galeano nacque a  Montevideo il, 3 settembre 1940 e morì, sempre a Montevideo, il 13 aprile 2015. Avrebbe oggi 80 anni.

“Le vene aperte dell’America Latina” lo scrisse a 31 anni. Una denuncia appassionata e documentata contro tutti quelli che avevano sfruttato le ricchezze le ricchezza di latinoamerica lasciandola sempre più in miseria. Scrisse molto altro e per il suo impegno nel 1973 quando i militari presero il potere in Uruguay fu messo imprigionato. Poi andò in Argentina dove trovò i militari di Videla. Il suo nome figurò nelle liste degli “squadroni della morte”. Altro esilio, in Spagna, e di nuovo in Uruguay nel 1985, con il ritorno della democrazia.

 Edoardo Galeano può essere ricordato con un brano da “Días y noches de amor y de guerra”, ” Giorni e notti di amore e di Guerra”.

DIECI ANNI FA HO PARTECIPATO ALLA PROVA GENERALE DI QUESTO LAVORO.

1.

Quanti uomini saranno strappati dalle loro case, stanotte, e gettati in terre desolate con alcuni buchi nella schiena? Quanti saranno mutilati, fatti saltare in aria, bruciati?

Il terrore esce dall’ombra, agisce e ritorna nell’oscurità. Occhi rossi sul viso di una donna, una sedia vuota, una porta scheggiata, qualcuno che non tornerà: Guatemala 1967, Argentina 1977.

In Guatemala era stato ufficialmente dichiarato “l’anno della pace”. Ma nessuno più pescava nella zona di Gualán, perché le reti intrappolavano corpi umani. Oggi la marea riporta pezzi di uomini sulle rive del Río de la Plata. Dieci anni fa, i cadaveri apparivano nelle acque del fiume Motagua o venivano scoperti, all’alba, nei burroni o ai bordi delle strade: quei volti anonimi non sarebbero mai stati identificati. Le minacce furono seguite da rapimenti, attacchi, torture e omicidi. La NOA (Nuova Organizzazione Anticomunista), che affermava di operare “a fianco del glorioso esercito del Guatemala”, strappava la lingua e  tagliava la mano sinistra dei suoi nemici. Il MANO (Movimento Nazionalista Anti-Comunista Organizzato), che operava nell’orbita della polizia,  segnava le porte dei condannati con croci nere.

In fondo al lago San Roque, a Córdoba, ora i corpi appaiono  sommersi dalle pietre, poiché i contadini guatemaltechi trovarono, nelle vicinanze del vulcano Pacaya, un cimitero clandestino pieno di ossa e corpi in decomposizione.

2.

Nelle camere di tortura, i torturatori pranzano davanti alle loro vittime. Ai bambini viene chiesto dove si trovino i loro genitori; i genitori, appesi e spronati a dire dove sono i loro figli. Cronaca di ogni giorno: “Individui in abiti civili con la faccia coperta da cappucci neri … Sono arrivati ​​in quattro Ford Falcon … Tutti erano pesantemente armati, con pistole, mitra e Itakas … I primi agenti di polizia sono arrivati ​​un’ora dopo il massacro. ” I prigionieri, strappati dalle carceri, muoiono con la legge di fuga o in battaglie dove non ci sono feriti o vittime da parte dell’esercito. Umorismo nero da Buenos Aires: “Gli argentini, dicono, ci dividiamo in: terrorizzati, rinchiusi, sepolti ed esiliati”. La pena di morte è stata incorporata nel codice penale a metà degli anni 76; ma in campagna la gente viene uccisa ogni giorno senza processo né sentenza. Per la maggior parte sono morti senza cadaveri.

La dittatura cilena non ha tardato a imitare il procedimento di successo. Un solo fucilato può scatenare uno scandalo mondiale, per migliaia di scomparsi c’ è sempre il beneficio del dubbio. In Guatemala, parenti e amici compiono il pericoloso e inutile pellegrinaggio, di prigione in prigione, di caserma in caserma, mentre i corpi marciscono tra le montagne e nelle discariche. Tecnica delle sparizioni: non ci sono prigionieri da rivendicare o martiri da guardare. Gli uomini vengono inghiottiti dalla terra e il governo si lava le mani: non ci sono crimini da denunciare o spiegazioni da dare.

Ogni persona morta muore più volte e alla fine, nella tua anima, resta solo una nebbia di orrore e incertezza.

3.

Il Guatemala è stato il primo laboratorio latinoamericano per l’applicazione della guerra sporca su larga scala. Uomini addestrati, orientati e armati dagli Stati Uniti hanno attuato un piano di sterminio. Il 1967 è stata una lunga notte di San Bartolomeo.

La violenza era iniziata, in Guatemala, anni prima, quando una sera del giugno 1954, gli aerei P-47 di Carlos Castillo Armas coprirono il cielo. Le terre furono poi restituite alla United Fruit e fu approvato un nuovo Codice del Petrolio tradotto dall’inglese.

In Argentina le Tre A (Alianza Anticomunista Argentina) fecero la loro apparizione pubblica nell’ ottobre 1973. Se in Guatemala si scatenò la guerra sporca per schiacciare la riforma agraria con sangue e fuoco e poi si moltiplicò per cancellarla dalla memoria dei contadini Senza Terra, in Argentina l’orrore  iniziato quando Juan Domingo Perón ha deluse dal potere le speranze che aveva risvegliato, durante il suo lungo esilio. Umorismo nero da Buenos Aires: “Il potere”, dicono, “è come un violino. Si prende con la sinistra e si suona con la destra”. Dopo; Alla fine dell’estate del ’76 i militari tornarono a Casa Rosada. Adesso lo stipendio vale la metà. I disoccupati si moltiplicano. Gli scioperi sono vietati. Le università ritornano al Medioevo. Le grandi multinazionali hanno recuperato la distribuzione di carburante, i depositi bancari, il commercio di carne e cereali. Il nuovo codice di procedura consente il trasferimento di azioni legali tra società e nazione a tribunali di altri paesi. La legge sugli investimenti esteri è abrogata: ora possono prendere quello che vogliono. Cerimonie azteche vengono celebrate in Argentina.

A quale dio cieco viene offerto tanto sangue? Può questo programma essere imposto al miglior movimento operaio organizzato dell’ America Latina senza pagare il prezzo di cinque cadaveri al giorno?

Copertina del libro Giorni e notti di amore e di guerra

Giorni e Notti di amore e di guerra, pubblicato da Sperling & Kupfer nel 1998, meriterebbe di essere ripubblicato.