Jeremy Corbin é stato sospeso dal partito laburista inglese per sospetto antisemitismo. La colpa di Corbin é di aver criticato la politica del governo di #Israele. Nell’esprimere la solidarietà a Corbin e nell’invitarvi a mettere un mi piace sulla sua pagina e sul post, nel denunciare l’ennesimo atto di arroganza del governo israeliano, reazionario e razzista, voglio segnalare un problema più grave. L’olocausto, il tentativo di sterminio del popolo ebraico da parte dei nazisti, é stato l’atto di maggiore barbarie compiuto dall’uomo nella sua storia millenaria. Per questo deve diventare un tabù e servire da monito, nella sua enormità disumana ai nostri figli e ai nostri nipoti. Che l’olocausto, questa tragedia impensabile nella sua inumanità, venga utilizzata dal governo israeliano e dai suoi alleati per coprire le schifezze che fa – dal razzismo contro i palestinesi, alla politica di apartheid, all’appoggio di tutti i regimi reazionari in giro per il mondo – é il segno di una nuova barbarie e costituisce una vera banalizzazione dell’olocausto. L’antisemitismo é un pericolo contro cui lottare ogni giorno e proprio per questo voglio denunciare che i peggiori antisemiti sono quei governi israeliani che agitano l’antisemitismo per coprire le loro politiche schifose. L’olocausto non deve essere ripetuto, da nessuno, non può diventare la scusa per trattare in modo inumano altri popoli e non può essere la scusa per denigrare chi, come il compagno Corbin nulla ha a che vedere con l’antisemitismo e molto ha a che vedere con la lotta ai reazionari e ai fascisti. Tutti i reazionari e i fascisti

Paolo Ferrero PRC

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy