Gennaio 17, 2022

AFV

Libera la tua mente

Il partito comunista ha vinto le elezioni nella seconda città dell’Austria

Ha fatto scalpore il risultato elettorale delle elezioni comunali di Graz, la seconda città austriaca per grandezza e capoluogo della Stiria, dove il piccolo Partito comunista austriaco (Kpo) ha sconfitto il partito popolare che governava la città da 18 anni.

I comunisti hanno raggiunto uno spettacolare 29%, incrementando ulteriormente quel 20% raccolto nel 2017 che già fece gridare al miracolo e scalzando dal primo posto il partito popolare che è calato al 25,7%.

In calo l’estrema destra del Fpo al 10,9%, mentre crescono i Verdi che raggiungono il 17,3%. Lo storico partito socialdemocratico (Spo) aveva registrato un violento tracollo dei consensi già nel 2017 quando proprio i comunisti, ritenuti evidentemente più credibili, avevano prosciugato gran parte del bacino elettorale di centro-sinistra grazie anche alla carismatica figura di Elke Kahr, la 59enne capolista comunista che in questi anni ha portato avanti una determinata opposizione ai progetti di cementificazione e devastazione ambientali promossi dalla giunta di centro-destra.

Per la Kahr, futura sindaca comunista della seconda città austriaca, si tratta adesso di annunciare la coalizione di governo e molti pensano che le trattative andranno verso la costituzione di una giunta rosso-rosso-verde, che veda come alleati i comunisti, i ridimensionati socialdemocratici ed i verdi, che proprio insieme al partito comunista hanno portato avanti importanti campagne a favore di un’idea di sviluppo ecosostenibile.

http://www.sinistraineuropa.it/europa/il-partito-comunista-ha-vinto-le-elezioni-nella-seconda-citta-dellaustria/