Il portavoce di Unione PopolareLuigi De Magistris, prosegue la sua campagna elettorale, illustrando le idee e i valori del progetto politico che ha riunito le varie anime politiche  e sociali “antisistema”, cercando di sfondare il muro del silenzio alzato da tutto il sistema politico mediatico sulla neonata formazione, esclusa da sondaggi e spazi informativi.

Unione Popolare spenderà soldi nella sanità, non nelle armi

Di Luigi De Magistris.

Noi di Unione Popolare faremo l’esatto contrario di quello che negli ultimi decenni ha fatto la classe politica con la sanità. Vogliamo investire nella sanità pubblica non tagliarla. E spendere i soldi per migliorare la salute delle persone, non in armi.

In Italia la sanità soffre seri problemi che pesano sulla vita delle persone. Abbiamo una popolazione sempre più anziana e questo significa che ci vorrebbe una sanità più forte, ma i partiti continuano a fare tagli su tagli. È evidente che se la popolazione invecchia aumentano pure i bisogni di cura e i malati cronici. Ma sapete come la classe politica ha affrontato tutto questo? Riducendo le risorse al sistema sanitario nazionale! Il taglio al sistema sanitario è stato stimato in 37 miliardi dal 2010 al 2019.

In 10 anni sono stati chiusi 173 ospedali e 837 strutture di assistenza specialistica ambulatoriale. Sempre più bisogni, ma sempre meno risorse pubbliche.

Di questi tagli sono responsabili sia il centrodestra che il centrosinistra che hanno tagliato la sanità governo dopo governo. Non contenti, per rendere la situazione ancora peggiore dal 2012 al 2018, pur avendo 13mila laureati l’anno, c’erano solo 6400 borse per la specializzazione. Risultato? Mancano circa 50mila medici e 60mila infermieri.

Voi vi chiederete ma perché hanno fatto tutto questo? Semplice: per ingrassare i privati. Se demolisci il pubblico, il privato ci guadagna, perché i bisogni rimangono. In alcune province italiane, in 10 anni gli ambulatori privati sono triplicati. Una vergogna

Le conseguenze inquietanti della privatizzazione sono due: la classe media, impoverita con paghe più basse del 1990 e un’inflazione all’8%, paga due volte. Paga prima le tasse e paga la prestazione privata. I poveri stanno ancora peggio: non si curano neanche più. Già il rapporto Censis del 2017 ci ricordava che 12,2 milioni di italiani avevano rinunciato a curarsi.

Questo sistema è una truffa ai danni dei cittadini. Servirebbero tra i 20 e i 30 miliardi in più all’anno per far funzionare bene la nostra sanità. I politici insistono che non si può fare nient’altro che tagliare perché “non ci sono i soldi”. Eppure, quando si tratta di comprare armi i soldi non mancano mai. In un pomeriggio hanno trovato 13 miliardi da spendere in armi.

Noi faremo il contrario di quello che hanno fatto tutti i partiti di sistema, 5S compresi, alleati in un patto consociativo.

Non spenderemo i soldi in armi, ma in sanità pubblica. Perché la salute non può essere un bene che si compra o vende nel mercato, solo se te lo puoi permettere. Ma un diritto garantito a tutte e tutti.

De Magistris: “Attenzione alle Mafie durante le crisi economiche”

https://www.facebook.com/plugins/video.php?height=476&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fdemagistrisluigi%2Fvideos%2F565730205292748%2F&show_text=false&width=476&t=0

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy