• Pasquale Cicalese

Dal Blog Piano Contro Mercato la traduzione di “I problemi economici dell’Europa porteranno grandi cambiamenti”

di Tian Dewen
| China Daily Global | Aggiornato: 30-08-2022 09:09

Secondo il rapporto mensile pubblicato dalla Deutsche Bundesbank, la banca centrale tedesca, il 22 agosto, l’economia tedesca potrebbe scivolare in recessione questo inverno, poiché il suo tasso di inflazione dovrebbe superare il 10% in autunno.

Ciò avviene dopo che la Germania a maggio ha registrato il suo primo deficit del commercio estero in più di tre decenni, indicando sfide strutturali e prospettive cupe per la sua economia. La Germania è il motore dello sviluppo economico europeo e il suo indebolimento della crescita è destinato a trascinare al ribasso l’intera economia europea. Dopo aver vissuto l’estate più calda e secca degli ultimi decenni, l’Europa sta ora passando all’autunno e poi all’inverno. I forti aumenti dei prezzi dell’energia dovuti all’influenza del conflitto Russia-Ucraina potrebbero rendere questo inverno particolarmente difficile per l’Europa, ma i problemi economici potrebbero essere più difficili e durare più a lungo.

La causa prossima dei problemi economici dell’Europa è la “trasformazione energetica”. Poiché i paesi europei stanno tagliando i loro sistemi di approvvigionamento energetico dalla Russia e si stanno rivolgendo agli Stati Uniti e al Medio Oriente per petrolio e gas a prezzi più elevati, lo sviluppo delle industrie europee sarà limitato per molto tempo da scarse forniture di energia e costi elevati.

La Germania è il centro dell’industria europea e il suo deficit nel commercio estero mostra che la competitività internazionale dell’industria europea è in forte calo. La prospettiva della recessione economica europea porterà grandi cambiamenti nel continente. In primo luogo, per gli europei che sono stati abituati a mantenere la temperatura interna sopra i 25°C in inverno, è già una sfida mantenere la temperatura al di sotto dei 17°C raccomandati dal governo, e questo è particolarmente vero per le famiglie a basso reddito, che devono affrontare l’aumento i prezzi dell’elettricità e la pressione dell’inflazione. In secondo luogo, è probabile che un numero crescente di paesi in Europa sperimenterà disordini politici a causa dei cambiamenti psicosociali della popolazione. Il primo ministro britannico Johnson Boris si è dimesso, il primo ministro italiano Mario Draghi si è dimesso, il punteggio di supporto del cancelliere tedesco Olaf Scholz è sceso solo al 25% di recente e anche il punteggio di supporto del presidente francese Macron non è ottimista al momento. In Europa, il cambio dei leader di governo potrebbe non essere un grosso problema. Il problema è che coloro che subentrano potrebbero non essere in grado di invertire la tendenza della crescita economica fiacca e dell’aggravarsi delle tensioni sociali. Terzo, sotto le pressioni economiche e sociali, i paesi europei saranno inevitabilmente più deboli nella loro volontà di perseguire obiettivi ambiziosi come promuovere l’integrazione europea, affrontare il cambiamento climatico e guidare la governance globale. Il motivo fondamentale per cui l’Europa è oggi in declino è che non ha costruito un sistema di difesa europeo indipendente dopo la seconda guerra mondiale e la sua libertà di scelta politica è fortemente limitata.

Nel 2002, il dialogo energetico tra Unione europea e Russia è stato istituito nella dichiarazione congiunta del vertice UE-Russia, stabilendo un quadro globale di cooperazione economica basato sulla cooperazione energetica. Nel 2013 l’UE e la Russia hanno raggiunto un consenso di principio sulla creazione di un “mercato integrato”. Tuttavia, questa forma di convivenza pacifica e di sviluppo comune delle relazioni UE-Russia Crimea è stata interrotta dai leader di Germania e Francia in quel momento ha attivamente facilitato la firma dell’accordo di pace di Minsk del 2015 tra Ucraina e Russia, che ha continuato la stabilità generale del regione europea per altri otto anni, fino allo scoppio di quest’anno del conflitto Russia-Ucraina. Guardando indietro a questo processo, potrebbe non essere difficile giudicare se gli Stati Uniti abbiano svolto un ruolo distruttivo o costruttivo in Europa. L’Europa, per uscire da questo declino, deve rafforzare la sua reale autonomia strategica e abbandonare la “mentalità da guerra fredda” caratterizzata dall’esclusività e dal confronto. Sarà difficile uscire dalla situazione senza cambiare idea.

L’autore è vicedirettore dell’Istituto di studi russi, dell’Europa orientale e dell’Asia centrale presso l’Accademia cinese delle scienze sociali.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-china_daily_da_pechino_prevedono_disordini_in_autunno_in_europa/29785_47201/



Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy