Non accenna a diminuire l’ondata di purghe interne al regime di Kiev: la Procura generale ucraina ha autorizzato l’arresto del ministro della Giustizia Oleksandr Lavrynovych, accusato di alto tradimento. Stessa sorte è toccata a l’ex ministro degli Esteri Konstantin Grishchenko.

Grishenko e Lavrynovich sono considerati traditori per aver ratificato, nel 2010, i cosiddetti Accordi di Kharkiv, che estendevano di 25 anni il diritto della flotta russa a servirsi del porto ucraino di Sebastopoli. Questo, secondo la Procura, Avrebbe consentito alla Russia di rafforzare la propria presenza in Crimea, contribuendo così alla riannessione del 2014.

Dopo questa decisione verranno avviate le procedure di richiesta dell’estrazione dei due ex ministri, che vivono all’estero.

Già a luglio il presidente Volodymyr Zelensky aveva rimosso dai propri incarichi diversi personaggi di spicco della nomenclatura di Kiev, tra i quali spiccavano il capo del servizio di sicurezza, Ivan Bakanov, e il procuratore generale Iryna Venediktova, colei che doveva raccogliere prove anche per i presunti crimini di guerra commessi dalle forze russe nelle diverse fasi dell’invasione.

Ucraina, al voto nei territori occupati

23 settembre, la Russia apre i seggi elettorali per i referendum nei territori occupati in Ucraina. Mosca chiama al voto le repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lugansk e gli Oblast di Cherson e Zaporizhzhia, per un totale del 15% del territorio ucraino. Nelle immagini un seggio affollato già dall’apertura a Cherson.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy