Vincenzo Costa

La questione ormai non è più l’utopistica idea dell’uscita dalla NATO o dalla UE, ma di porre ai partner dei limiti: non potete chiederci il suicidio come paese. O la guerra in Ucraina finisce subito o l’economia italiana collassa.

La guerra contro di noi: l’economia italiana a picco

La Germania ha stanziato 200 miliardi di euro. Quei soldi servono a mantenere la domanda interna e a impedire che le aziende tedesche vadano a produrre all’estero, negli usa, che cerca di attrarli con tasse basse e costi di energia bassi, o in Ungheria, in India.

Per rendersi conto della quantità di denaro basta pensare che il PNRR – sommando prestiti, fondi e una serie di altre fonti – ammonta a 248 miliardi, ma spalmato su molti anni e destinato a digitalizzazione, infrastrutture etc.

I 200 miliardi stanziati dalla Germania sono destinati invece solo a impedire che il costo dell’energia distrugga famiglie e imprese.

Noi 200 miliardi non li possiamo tirare fuori, e quindi il processo di deindustrializzazione continuerà inesorabile.

La misura tedesca non è diretta contro l’Italia: mira a proteggere la Germania, è un modo per fare fronte al tentativo USA di distruggere l’economia tedesca, di usare questi anni di guerra per recuperare fette di mercato e primato industriale e tecnologico sulla Germania.

Ma oggettivamente, quella misura colpisce il nostro paese, perché le aziende italiane saranno sempre meno competitive dati gli alti costi dell’energia. Potranno solo fallire o spostarsi verso paesi dove i costi dell’energia sono più bassi: Ungheria, India, a questo punto – se in Germania i costi dell’energia risulteranno più bassi – anche in Germania.

Non ci sono soluzioni. Gli altri paesi europei usciranno malconci da questa Guerra. Noi ne usciremo distrutti.

Ne usciremo deindustrializzati, e con un debito pubblico enorme. Debito che, essendo deindustrializzati, non potremo pagare.

Stiamo andando verso una prospettiva come quella greca. Bisognerà svendere tutto, tagliare tutto: pensioni, posti pubblici, scuola.

Poi si dirà che abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. La realtà è che un paese costretto a fare scelte contro i propri interessi esistenziali non può esistere

Non si tratta di uscire dalla NATO o dalla UE, ma di porre ai partner dei limiti: non potete chiederci il suicidio come paese.
O la guerra in Ucraina finisce subito o ci avviamo verso un inesorabile declino

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy