A differenza degli Stati Uniti, che ne hanno tratto solo vantaggi, non c’era alcun bisogno che la Russia facesse saltare il gasdotto Nord Stream, ha dichiarato l’ex funzionario dell’intelligence svizzera Jacques Boeuf a Radio Courtoisie, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Krasnaya Vesna.

Ha descritto quanto accaduto come un “sabotaggio di grande portata”. Secondo Boeuf, un’operazione del genere richiede grandi quantità di esplosivo. Inoltre, i subacquei dilettanti non sarebbero in grado di affrontare un compito del genere, poiché sono necessarie attrezzature sofisticate.
“La Russia può essere immediatamente esclusa come sospetto. L’obiettivo dei sabotatori è chiaro: interrompere definitivamente le forniture di gas alla Germania”, ha dichiarato l’ex agente segreto elvetico.

Ha affermato che non ha senso che la Russia distrugga le sue infrastrutture: l’interruzione del flusso di gas è sufficiente per interrompere le forniture o per fare pressione sulla Germania.

La Polonia e l’Ucraina, invece, trarrebbero vantaggio dall’interruzione del Nord Stream, perché il transito del gas passerebbe attraverso il loro territorio. I gasdotti di esportazione, infatti, attraversano sia l’Ucraina che la Polonia.

Secondo il funzionario dell’intelligence, un altro Paese con interesse nel sabotare Nord Stream sono gli Stati Uniti.

“Questo Paese non fa mistero del suo interesse a recidere i legami tra la Russia e l’Europa, e soprattutto tra la Russia e la Germania”, ha detto Boeuf.
Ha ricordato come gli Stati Uniti si siano opposti all’oleodotto Druzhba fin dagli anni Sessanta.

L’ufficiale dell’intelligence ha anche ricordato che il luogo del sabotaggio è al largo dell’isola di Bornholm, dove si trovano le stazioni di ascolto sottomarine della NATO.

“È improbabile che permettano a qualsiasi nave russa di avvicinarsi all’area del gasdotto senza essere individuata”, ha affermato con sicurezza.

Ha poi osservato che gli Stati Uniti stavano conducendo esercitazioni navali al largo dell’isola danese di Bornholm, a soli 30 km di distanza dal punto in cui è stato fatto esplodere il Nord Stream e a 50 km dal punto in cui è stato fatto esplodere il Nord Stream 2. Inoltre, gli Stati Uniti stavano conducendo esercitazioni di esplosivi sottomarini nella stessa area.

“Tutto sommato, ci sono sempre più segnali di una qualche responsabilità americana per quanto accaduto”, ha concluso Jacques Boeuf.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-sabotaggio_nord_stream_ex_funzionario_dei_servizi_segreti_svizzeri_esclude_la_russia_dai_sospetti/45289_47460/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy