Settembre 21, 2020

AFV

Libera la tua mente

L’ INDIA DI NARENDRA MODI STA PERDENDO IL KASHMIR

Sharing is caring!

Articolo 370. Jammu & Kashmir.


Francesco Cecchini


Articolo di Nayeema Ahmad Mahjoor pubblicato su Countercurrents.org del 10 agosto e tradotto da Francesco Cecchini per Ancora Fischia il Vento,
Il link con l’ articolo originale è il seguente:
https://countercurrents.org/2020/08/modis-india-has-lost-kashmir/


Ponendo fine lo scorso anno allo status speciale di Jammu e Kashmir, il primo ministro indiano Narendra Modi aveva assicurato agli indiani che era giunto il momento in cui l’oro sarebbe cresciuto al posto dell’erba, canali di latte sarebbero fluiti nei fiumi al posto dell’acqua, avrebbero visto nelle sorgenti e nei cieli il volo del Kashmir non degli uccelli.
L’articolo 370 della Costituzione dell’India, che aveva garantito la semi autonomia a Jammu e Kashmir dopo la sua adesione, è stato dichiarato un grande ostacolo per toccare i cieli dello sviluppo e la promessa di costruire “Naya Kashmir” (New kashmir). Se ne parla in tutta l’ India . Tuttavia, l’ indice di crescita ha mostrato che J&K è uno degli stati più sviluppati e generatore di entrate rispetto alle metropoli indiane commercialmente dinamiche.
La maggior parte delle democrazie del mondo si è fidata di Modi, è rimasta in silenzio e ha sostenuto tacitamente la mossa. Stanno ancora aspettando il momento in cui metteranno le mani sui flussi di latte che scorrono nel Kashmir. Purtroppo nei torrenti sembrano scorrere acqua fangosa con il sangue e il sudore della popolazione locale.
I Kashmiri ( abitanti del Kashmir) come avrebbero potuto condividere il sentimento di fiducia di molti leader mondiali ? Conoscevano il Modi del Gujarat, quando l’ uccisione di quasi 2.000 musulmani nel 2002 fece venire loro i brividi e dovettero accettare il messaggio dell’ India indù emergente. Molti maledissero i loro antenati per aver scelto al momento della spartizione l’ India “laic” invece del Pakistan mussulmano. Da allora, sono diventati “sospetti” o considerati “termiti e formiche” contro le quali è iniziato un programma sistematico di depotenziamento e linciaggio con il patrocinio politico induista.
I Kashmiri non credono a una sola parola di quelle pronunciate da Modi , perché l’ immagine che hanno di Modi è quella del 1992 quando venne a Lal Chowk per issare il tricolore in mezzo all’ apice di un movimento armato, è ancora impressa in ogni mente e cuore e ha messo in guardia le persone che nella la lotta per i loro diritti politici non saranno solo schiacciati, ma saranno derubati della loro terra, costituzione, cultura e identità. Non è lontano il giorno in cui Modi divorò l’ India in un boccone e creò terrore costante a tal punto che le persone hanno iniziato a odiare la propria esistenza.
In precedenza, alcune persone pensavano a Modi come a Vajpayee, che anche lui aveva la RSS, ( un’organizzazione di volontariato paramilitare di destra indiana, nazionalista indù) nel petto, eppure ha ribadito in vari forum che i Kashmir hanno sofferto molto e ora i loro desideri devono essere soddisfatti. È giunto il momento di lavorare con il Pakistan per risolvere questo problema e ripristinare i diritti politici del Kashmir . Ma sono rimasti delusi quando hanno scoperto che Modi era in realtà un seguace di quel culto dell’RSS che ha promesso di strappare il Kashmir ai suoi abitanti, perseguitare le minoranze e creare paura della vita e del sostentamento tra la popolazione musulmana. Episodi di attacchi sistematici a Delhi, Muzaffarnagar e Gujarat li hanno costretti a fuggire dalle loro case ea diventare senza radici nel loro stesso paese.
Ironia della sorte, l’ambiente in tutta l’India è diventato così zafferano che i cosiddetti partiti politici laici hanno dovuto seguire la linea dell’Hindutva esprimendo la volontà di unirsi alla cerimonia di fondazione del Ram Mandir sul sito della demolita Babri Masjid di recente.
Le moschee furono vandalizzate nel 1992 da attivisti del BJP guidati da L K Advani. È stata la cortesia del Corona virus che li ha incollati agli schermi televisivi per guardare la copertura in diretta di questo epocale trionfalismo.
E poi, come Modi avrebbe potuto condividere l’ immensa felicità di questo momento storico con altri che avrebbero potuto spaccare la sua banca dei voti indù.
Mohammad Yasin, un commerciante, afferma che ciò che non abbiamo potuto ottenere in sette decenni, Modi ci ha reso le cose facili e l’India ha perso il Kashmir a causa della sua belligeranza. L’anno scorso, Modi ha imposto una punizione collettiva al Kashmir, trasformando uno stato di 12 milioni di persone in una prigione nel buio della notte, privando 1,5 milioni di bambini dell’istruzione, arrestando 13.000 bambini e mandandoli in prigioni fuori dal Kashmir. Il blocco e il blocco delle comunicazioni di un anno hanno privato 500.000 persone di posti di lavoro, hanno rovinato l’economia del Kashmir con una perdita commerciale altissima, hanno deliberatamente paralizzato l’industria del turismo e ridotto più di 200.000 famiglie legate al turismo a mendicanti .
Modi aveva promesso che le armi sarebbero state spazzata via dalla popolazione del Kashmir, che sarebbe diventata una società pacifica. Uno degli agenti di polizia che vuole rimanere anonimo mi ha detto: “Finora non esiste un elenco dettagliato del sequestro delle armi, ma duecentoquattordici giovani erano stati uccisi in operazioni di scontro e quattrocento feriti si stanno riprendendo in molte condizioni di salute. centri della valle. Centinaia di case sono state fatte saltare in aria e milioni di proprietà ridotte in cenere .
Più di un 100,000 studenti del Kashmir in diversi stati dell’India sono dovuti tornare in Kashmir per paura degli attacchi dell’Hindutva e i commercianti sono stati costretti a lasciare le loro attività per salvare le loro vite.
Il governo Modi ha recentemente descritto la sua “performance in Kashmir” in un giornale di 35 pagine, che ricorda il generale Goebbels, che ha diffuso così tante bugie a sostegno del fascismo di Hitler che persino Hitler ha dovuto chiedersi, “se l’avessi detto davvero”. Più di un miliardo di persone avrebbero potuto credere al rapporto sui progressi di Modi, eccetto i Kashmir che non hanno trovato alcun accenno a quelle misure che sono state avviate per annientare la razza del Kashmir.
In questo anno, Modi ha promulgato una serie di leggi che hanno lo scopo di cambiare la demografia nella regione dando lo status di domicilio ai non musulmani. Questa legge ha reso obbligatorio il rilascio dello status di cittadinanza ai rifugiati del Pakistan orientale, Ghurkhas, rifugiati Valmiki, funzionari dell’amministrazione, polizia e studenti di altri stati. Più di un milione di soldati sono stati dispiegati nella valle per decenni. Secondo una fonte non confermata, il primo piano per rilasciare certificati di cittadinanza a quattro lakh non musulmani è già stato attuato.
Un’altra legge introdotta consentirebbe all’esercito di acquisire terreni in qualsiasi luogo e stabilire una base quando milioni di chilometri sono già sotto l’occupazione militare. Una “formula israeliana” è stata presa in prestito per costruire insediamenti in paradisi sicuri per esperti del Kashmir e cittadini non kashmiri, per i quali l’identificazione e la costruzione del terreno è stata avviata in diversi distretti secondo fonti governative. Come si può trascurare il fatto che se il Kashmir non sarà sicuro per i Kashmir, lo sarà per i non kashmir? Se le nazioni venissero spazzate via sotto la minaccia delle armi, l’India e il Pakistan non sarebbero come due paesi indipendenti oggi, il Sudafrica non sarebbe libero dall’apartheid, il Kosovo non sarebbe libero dalla barbarie militare … In effetti, il piano di Modi per il Kashmir non solo ha fallito, ma ha diventa anche il piano più pericoloso per l’intera India, i cui contorni stanno diventando così loschi che presto il popolo indiano dovrà avviare una campagna per l’indipendenza dal Kashmir, come ha affermato anche la famosa scrittrice Arundhati Roy nel suo ultimo libro ( Il Ministero della Suprema Felicità). Credetemi, dovrà accadere un giorno …
L’ autore Nayeema Ahmad Mahjoor, è uno scrittore, è un ex editor di BBC Urdu e un Penguin autore.

Kashmiri contro un mezzo della polizia indiana