Che un di­pen­den­te sia te­nu­to al ri­spet­to dei prin­ci­pi di cor­ret­tez­za e buona fede è un fatto ri­sa­pu­to così come l’ob­bli­go di non dif­fon­de­re do­cu­men­ti azien­da­li, va­li­do nel pub­bli­co e nel pri­va­to, ma negli ul­ti­mi anni i do­ve­ri im­po­sti hanno avuto il so­prav­ven­to sul di­rit­to non solo di cri­ti­ca, ma anche di opi­nio­ne. Poco im­por­ta che la dif­fu­sio­ne di do­cu­men­ti azien­da­li sia ma­ga­ri a tu­te­la del­l’in­te­res­se pub­bli­co, conta l’ob­bli­go di fe­del­tà anche da­van­ti a de­ci­sio­ni che la­sce­reb­be­ro ba­si­ti in­cre­du­li cit­ta­di­ni e sin­ce­ri de­mo­cra­ti­ci.

Nelle azien­de pri­va­te e negli Enti pub­bli­ci esi­sto­no co­di­ci Etici e di com­por­ta­men­to che di fatto im­pe­di­sco­no la li­ber­tà di pa­ro­la al di fuori del posto di la­vo­ro, cri­ti­che espres­se pub­bli­ca­men­te in as­sem­blee o sui so­cial, pos­so­no es­se­re mo­ti­vo di prov­ve­di­men­ti di­sci­pli­na­ri e di li­cen­zia­men­ti.

Col­pi­sce il si­len­zio as­sen­so dei sin­da­ca­ti ri­spet­to a que­ste norme azien­da­li e per­fi­no la su­pi­na ac­cet­ta­zio­ne del le­gi­sla­to­re a re­go­le che in­fi­cia­no la li­ber­tà di espres­sio­ne che do­vreb­be, in teo­ria, es­se­re ga­ran­ti­ta dalla stes­sa Co­sti­tu­zio­ne.

Anni fa scri­ve­va­no che la de­mo­cra­zia do­vreb­be ol­tre­pas­sa­re il can­cel­lo delle azien­de, de­mo­cra­zia nei luo­ghi di la­vo­ro non si­gni­fi­ca solo po­te­re di con­trat­ta­zio­ne ma pre­ve­ni­re com­por­ta­men­ti ves­sa­to­ri e re­pres­si­vi dei da­to­ri.

Ci siamo im­bat­tu­ti in nu­me­ro­si casi di or­di­na­ria re­pres­sio­ne, in di­pen­den­ti che per un sem­pli­ce like a post sui so­cial privi di ogni ca­rat­te­re of­fen­si­vo e de­ni­gra­to­rio, sono stati li­cen­zia­ti o sog­get­ti a pro­ce­di­men­ti di­sci­pli­na­ri con­clu­si­si con pe­san­ti san­zio­ni eco­no­mi­che, ab­bia­mo in­con­tra­to di­pen­den­ti “mo­del­lo” che hanno pa­ga­to la par­te­ci­pa­zio­ne a ini­zia­ti­ve di piaz­za e al­cu­ne de­nun­ce con la per­di­ta del posto di la­vo­ro.

Il prin­ci­pio del danno di im­ma­gi­ne per la Pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne è il vero ca­val­lo di Troia per la stes­sa azio­ne sin­da­ca­le, se cri­ti­chi la cat­ti­va ge­stio­ne di ser­vi­zi al cit­ta­di­no devi es­se­re con­sa­pe­vo­le che il tuo Ente potrà apri­re un pro­ce­di­men­to di­sci­pli­na­re a tuo ca­ri­co e fa­cil­men­te di­ven­te­rai il capro espia­to­rio.

La­vo­ra­to­ri che hanno de­nun­cia­to dis­ser­vi­zi, as­sen­za di per­so­na­le sono stati so­spe­si per set­ti­ma­ne senza re­tri­bu­zio­ne no­no­stan­te la fi­na­li­tà della loro azio­ne non fosse quel­la di de­ni­gra­re l’En­te o il da­to­re di la­vo­ro, ma di cri­ti­ca­re de­ci­sio­ni po­li­ti­che e ge­stio­na­li che por­ta­no al de­po­ten­zia­men­to dei ser­vi­zi pub­bli­ci.

Non man­ca­no casi di la­vo­ra­to­ri, o la­vo­ra­tri­ci, che hanno pa­ga­to con la per­di­ta del posto er­ro­ri che avreb­be­ro do­vu­to es­se­re cor­ret­ti da su­pe­rio­ri, nel frat­tem­po ri­ma­sti im­pu­ni­ti, l’a­nel­lo de­bo­le della ca­te­na pro­dut­ti­va sono sem­pre i li­vel­li più bassi, in­di­fe­si e fa­cil­men­te at­tac­ca­bi­li. E nel caso dei di­pen­den­ti della Pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne c’è sem­pre la man­na­ia del ri­sar­ci­men­to del danno da parte della Ma­gi­stra­tu­ra con­ta­bi­le assai più te­ne­ra in­ve­ce con le re­spon­sa­bi­li­tà po­li­ti­che.

Ci sem­bra evi­den­te che la pre­sen­za dei co­di­ci di­sci­pli­na­ri non sia fi­na­liz­za­ta a det­ta­re un si­ste­ma di re­go­le fi­na­liz­za­to al mi­glio­ra­men­to delle pre­sta­zio­ni o a san­zio­na­re il­le­ga­li­tà e il­le­ci­ti, è piut­to­sto un in­sie­me di re­go­le mi­ran­ti a tap­pa­re la bocca dei la­vo­ra­to­ri e delle la­vo­ra­tri­ci tra­sfor­man­do so­ven­te il di­rit­to di cri­ti­ca in azio­ne de­ni­gra­to­ria.

È ar­ri­va­to il mo­men­to che lo stes­so “di­rit­to bor­ghe­se” inizi a ri­flet­te­re sulla na­tu­ra re­gres­si­va e re­pres­si­va dei co­di­ci di com­por­ta­men­to azien­da­li e non solo a tu­te­la della de­mo­cra­zia ma anche della li­ber­tà di espres­sio­ne e di pa­ro­la.

Re­da­zio­ne pi­sa­na Lotta Con­ti­nua. Da: https://​delegati-​lavoratori-​ind​ipen​dent​i-​pisa.​blogspot.​com

https://www.lotta-continua.it/index.php?option=com_easyblog&view=entry&id=777&Itemid=319

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy