Il presidente socialista della Bolivia, Luis Arce, ha annunciato l’invio di un aereo con siringhe e cibo per il popolo cubano, che, ha precisato, è in difficoltà a causa del criminale blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti a Cuba.

“Abbiamo imparato da Cuba che la solidarietà è condividere quel poco che si ha con chi ne ha più bisogno”, ha detto Arce nel suo messaggio pubblicato sul social network Twitter martedì sera.

“Oggi #Cuba sta attraversando difficoltà a causa del blocco criminale. Domani approveremo un decreto per inviare un aereo con siringhe e cibo per il popolo cubano. Abbiamo imparato da Cuba che la solidarietà è condividere quel poco che si ha con chi ne ha bisogno la maggior parte. Viva il 26 luglio! “, ha twittato.

In un’altra comunicazione, Arce ha sottolineato che la loro nazione sudamericana ha beneficiato della solidarietà cubana con le brigate mediche che hanno raggiunto le case boliviane con cure professionali.

Inoltre, ha ringraziato Cuba per la sua solidarietà e internazionalismo e ha aggiunto che i professionisti cubani hanno eseguito centinaia di migliaia di interventi chirurgici agli occhi in Bolivia attraverso l’Operazione Miracolo e hanno sradicato l’analfabetismo in Bolivia con il metodo Sì io posso.

Arce ha sottolineato che la Bolivia si unisce al coro dell’umanità che chiede la cessazione del criminale blocco statunitense e chiede il rispetto per la libera autodeterminazione dei popoli.

La nazione boliviana si unisce ai Paesi che hanno recentemente inviato i loro aiuti di solidarietà alla più grande isooa delle Antille, con donazioni di cibo e forniture mediche.

Il gesto della Bolivia si somma a quello di Russia e Messico, che già hanno inviato aiuti e a quello di Nicaragua e Regione Piemonte (Italia), che hanno approvato l’invio.

Rete Solidarietà rivoluzione bolivariana

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy