Gennaio 17, 2022

AFV

Libera la tua mente

Pfizer, BioNTech e Moderna stanno guadagnando 3,9 milioni di dollari di profitti all’ora

Poche aziende stanno guadagnando milioni di dollari ogni ora, mentre solo il due percento delle persone nei paesi a basso reddito è stato completamente vaccinato contro il coronavirus”.

Moderna, Pfizer e BioNTech, i produttori dei vaccini contro il coronavirus di maggior successo, stanno guadagnando insieme $ 65.000 di profitti ogni minuto poiché si rifiutano di condividere le loro ricette di produzione con i paesi in via di sviluppo , dove miliardi di persone non hanno ancora accesso ai vaccini salvavita.

Secondo una nuova analisi della People’s Vaccine Alliance sui recenti rapporti sugli utili, i tre colossi farmaceutici hanno realizzato un totale di 34 miliardi di dollari di profitti quest’anno, che ammontano a circa 1.083 dollari al secondo, 64.961 dollari al minuto o 3,9 milioni di dollari all’ora.

“Pfizer, BioNTech e Moderna hanno usato i loro monopoli per dare la priorità ai contratti più redditizi con i governi più ricchi”.

“È osceno che solo poche aziende stiano guadagnando milioni di dollari ogni ora, mentre solo il 2% delle persone nei paesi a basso reddito è stato completamente vaccinato contro il coronavirus”, ha affermato Maaza Seyoum della People’s Vaccine Alliance Africa. “Pfizer, BioNTech e Moderna hanno usato i loro monopoli per dare la priorità ai contratti più redditizi con i governi più ricchi, lasciando fuori i paesi a basso reddito”.

Moderna, una società con sede nel Massachusetts che ha sviluppato il suo vaccino con l’aiuto della ricerca governativa e circa 10 miliardi di dollari di finanziamenti dei contribuenti, ha fornito solo lo 0,2% della sua fornitura totale di vaccini ai paesi a basso reddito, secondo le stime della People’s Vaccine Alliance. Il vaccino contro il coronavirus è l’unico prodotto di Moderna sul mercato.

Pfizer e il suo partner con sede in Germania BioNTech, il cui vaccino è stato sviluppato anche grazie ai soldi dei contribuenti, non hanno fatto molto meglio del loro concorrente, inviando meno dell’1% della loro fornitura alle nazioni povere mentre traggono enormi profitti dalle vendite ai paesi ricchi.

“Prevalentemente, in questo momento, abbiamo già firmato ordini, e quelli sono con paesi ad alto reddito”, ha recentemente affermato il CEO di Pfizer Albert Bourla riguardo le vendite di vaccini contro il coronavirus per il prossimo anno, incolpando i paesi poveri di non aver ordinato i vaccini abbastanza rapidamente.

“Stiamo negoziando in questo momento con pochi paesi a reddito medio e con ancora meno paesi a basso reddito”, ha detto Bourla.

Ma gli attivisti per la salute pubblica sostengono che gli accordi bilaterali e le donazioni di vaccini non sono sufficienti per allineare la produzione e la distribuzione alle esigenze globali. Invece, dicono, i giganti farmaceutici devono rinunciare alle loro ricette di vaccini e consentire ai produttori qualificati di tutto il mondo di produrre versioni generiche a basso costo per le loro popolazioni.

Finora Moderna e Pfizer-BioNTech si sono rifiutati di farlo e hanno esercitato pressioni aggressive contro una proposta dell’Organizzazione mondiale del commercio di sospendere temporaneamente i brevetti sui vaccini. Bourla, da parte sua, ha liquidato le proposte di trasferimento di tecnologia come “pericolose assurdità”.

“Contrariamente a quanto afferma l’amministratore delegato di Pfizer, la vera assurdità è affermare che l’esperienza e la competenza per sviluppare e produrre farmaci e vaccini salvavita non esistano nei paesi in via di sviluppo”, ha dichiarato in una nota Anna Marriott, responsabile delle politiche sanitarie di Oxfam International . “Questa è solo una falsa scusa dietro la quale le aziende farmaceutiche si nascondono per proteggere i loro profitti astronomici”.

“È anche un completo fallimento del governo consentire a queste aziende di mantenere il controllo del monopolio e limitare artificialmente l’offerta nel mezzo di una pandemia mentre così tante persone nel mondo devono ancora essere vaccinate”, ha aggiunto.

Di fronte all’accusa di aver alimentato enormi disuguaglianze nella distribuzione dei vaccini, Moderna ha annunciato martedì un accordo che consentirà all’Unione europea e ai paesi dello Spazio economico europeo di donare le dosi di vaccino contro il coronavirus che hanno acquistato dall’azienda a COVAX, l’iniziativa di vaccinazione sostenuta dall’Organizzazione mondiale della sanità.

L’accordo è stato accolto con derisione da parte degli attivisti per l’equità dei vaccini. “Santo cielo, che generosità”, ha risposto Nick Dearden, direttore del gruppo di difesa con sede nel Regno Unito Global Justice Now.  “Perché, invece, non condividi la tua ricetta del vaccino finanziata con fondi pubblici con l’OMS?” Ha aggiunto. “Questo potrebbe davvero aiutare.”

In una lettera al CEO miliardario di Moderna, Stéphane Bancel, martedì, una coalizione di quasi 90 organizzazioni della società civile ha scritto che “non abbiamo dubbi che la maggior parte dei decessi per Covid-19 nei paesi a basso reddito sono ora morti evitabili: le vite che potrebbero essere salvate da vaccini efficaci, se solo questi fossero disponibili per le loro popolazioni”.

I gruppi hanno invitato Moderna a trasferire la sua tecnologia vaccinale a produttori qualificati attraverso l’OMS per aumentare la produzione globale di vaccini e impegnarsi a vendere il suo vaccino ai paesi a basso reddito a un prezzo senza scopo di lucro.

“Finora, solo circa un milione di dosi di mRNA-1273 sono state inviate ai paesi a basso reddito e Moderna ha spedito una quota maggiore di dosi ai paesi ricchi rispetto a qualsiasi altro produttore di vaccini Covid-19”, hanno osservato i gruppi. “La nostra analisi suggerisce che su larga scala, un prezzo senza scopo di lucro per l’mRNA-1273 non sarebbe superiore a $ 3 per dose”.

“Moderna, con il National Institutes of Health, ha sviluppato la tecnologia vaccinale più efficace al mondo, che è anche il vaccino più esclusivo al mondo, fuori dalla portata di miliardi di persone”, hanno aggiunto. “Questo può e deve cambiare”.

Peter Maybarduk, direttore del programma Access to Medicines di Public Citizen, ha affermato martedì che Moderna “è in ritardo persino rispetto alle sue controparti recalcitranti di Big Pharma quando si tratta di offrire una dose di compassione al mondo in questo momento del bisogno.”

“L’amministrazione Biden e l’OMS hanno chiesto l’aiuto di Moderna, e finora Moderna li ha ampiamente respinti, nonostante il ruolo essenziale del governo degli Stati Uniti nello sviluppo del vaccino NIH-Moderna e i contributi significativi per rendere miliardari i dirigenti di Moderna”, ha affermato Maybarduk. “È passato il momento di condividere il vaccino NIH-Moderna con il mondo”.

Pfizer, BioNTech e Moderna stanno guadagnando 3,9 milioni di dollari di profitti all’ora