La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

Il governo degli Stati Uniti ha una storia ben documentata di sostegno a gruppi estremisti come parte di una panoplia di disavventure di politica estera, che inevitabilmente finiscono per esplodere in faccia al pubblico americano. Negli anni ’60, la CIA ha lavorato con i radicali cubani anti-Fidel Castro che hanno trasformato Miami in un centro di violenza terroristica. Negli anni ’80, l’agenzia ha sostenuto e incoraggiato i radicali islamici convergenti in Afghanistan, che avrebbero orchestrato l’attacco dell’11 settembre. E, negli anni 2010, Washington ha sostenuto i ribelli non proprio “moderati” della Siria, che hanno finito per tagliare una striscia di atrocità attraverso i civili e le forze curde che dovevano essere alleati degli Stati Uniti.
Sulla base di un nuovo rapporto, sembra che potremmo presto essere in grado di aggiungere un altro a quella lista di lezioni fatalmente non imparate: i neonazisti ucraini.
Secondo un recente rapporto di Yahoo! News, dal 2015, la CIA ha segretamente addestrato forze in Ucraina per servire come “leader degli insorti”, nelle parole di un ex funzionario dei servizi segreti, nel caso in cui la Russia finisca per invadere il paese. I funzionari attuali sostengono che l’addestramento è puramente per la raccolta di informazioni, ma gli ex funzionari con cui Yahoo! ha parlato hanno detto che il programma ha coinvolto l’addestramento in armi da fuoco, “copertura e movimento” e mimetizzazione, tra le altre cose.
Dati i fatti, c’è una buona possibilità che la CIA stia addestrando veri e propri nazisti letterali come parte di questo sforzo. L’anno in cui il programma è iniziato, il 2015, è stato anche lo stesso anno in cui il Congresso ha approvato una legge di spesa che prevedeva centinaia di milioni di dollari di sostegno economico e militare per l’Ucraina, che è stato espressamente modificato per consentire il flusso di tale sostegno alle milizie neonaziste del paese, il Reggimento Azov. Secondo The Nation all’epoca, il testo della legge approvata a metà di quell’anno conteneva un emendamento che vietava esplicitamente “armi, addestramento e altra assistenza” all’Azov, ma il comitato della Camera incaricato della legge fu pressato dal Pentagono mesi dopo per rimuovere il linguaggio, dicendo loro falsamente che era ridondante.
Nonostante il riconoscimento a volte aperto del suo nazismo – il suo ex comandante una volta ha detto che la “missione storica” dell’Ucraina è quella di “guidare le razze bianche del mondo in una crociata finale per la loro sopravvivenza” in “una crociata contro i semiti Untermenschen” – Azov è stato incorporato nella Guardia Nazionale del paese nel 2014, a causa della sua efficacia nel combattere i separatisti russi. Le armi statunitensi sono affluite alla milizia, ufficiali militari della NATO e degli Stati Uniti sono stati fotografati mentre si incontravano con loro, e i membri della milizia hanno parlato del loro lavoro con addestratori statunitensi e della mancanza di uno screening dei precedenti per eliminare i suprematisti bianchi.
Dato tutto questo, sarebbe più di una sorpresa che i neo-nazisti di Azov non siano stati addestrati nel programma clandestino make-an-insurgency della CIA. E stiamo già vedendo i primi segni di ritorno di fiamma.
“Un certo numero di individui di spicco tra i gruppi estremisti di estrema destra negli Stati Uniti e in Europa hanno attivamente cercato relazioni con i rappresentanti dell’estrema destra in Ucraina, in particolare il Corpo Nazionale e la sua milizia associata, il Reggimento Azov”, afferma un rapporto del 2020 del Combating Terrorism Center della West Point US Military Academy. “Individui con sede negli Stati Uniti hanno parlato o scritto su come l’addestramento disponibile in Ucraina potrebbe fornire supporto a loro e ad altri nelle loro attività in stile paramilitare in patria”.
Un affidavit dell’FBI del 2018 affermava che Azov “si ritiene che abbia partecipato all’addestramento e alla radicalizzazione di organizzazioni di supremazia bianca con sede negli Stati Uniti”, compresi i membri del suprematista bianco Rise Above Movement, perseguito per assalti pianificati contro i controprotesisti in eventi di estrema destra, tra cui il raduno “Unite the Right” di Charlottesville che Joe Biden ha poi cooptato come motivazione per la sua campagna presidenziale. Mentre sembra che l’autore del massacro della moschea di Christchurch non abbia viaggiato in Ucraina come ha affermato, ha chiaramente preso ispirazione dal movimento di estrema destra lì, e indossava un simbolo usato dai membri di Azov mentre eseguiva l’attacco.
Da quando è entrato in carica, Biden ha lanciato un’incipiente “guerra al terrore” interna sulla base della lotta all’estremismo di estrema destra, anche se la strategia mira tranquillamente a colpire manifestanti e attivisti di sinistra, cosa che ha già fatto. Eppure, allo stesso tempo, tre diverse amministrazioni, compresa quella di Biden, hanno fornito addestramento, armi ed equipaggiamento proprio al movimento di estrema destra che sta ispirando e persino addestrando quegli stessi suprematisti bianchi.
Distruggere il villaggio per salvarlo
Aggiungendo all’assurdità qui è che la ragione per cui Washington ha dato assistenza ai nazisti ucraini è che essi possono servire come un baluardo contro la Russia, che i falchi della guerra paragonano, come fanno sempre, al regime di Adolph Hitler e alla sua espansione attraverso l’Europa negli anni ’30. Mentre la Russia di Vladimir Putin può essere un attore malevolo su una serie di fronti, le recenti incursioni di Putin negli stati vicini come l’Ucraina sono guidate in gran parte dall’espansione dell’alleanza militare della NATO fino ai suoi confini e le implicazioni di sicurezza che ne derivano.
In altre parole, per fermare quello che i falchi statunitensi classificano come il prossimo Hitler e la Germania nazista, Washington ha sostenuto letteralmente le milizie neonaziste in Ucraina, che a loro volta stanno comunicando e addestrando i suprematisti bianchi locali, che Washington a sua volta sta aumentando una minacciosa burocrazia repressiva in patria per contrastare. È quello che alcuni hanno chiamato il “cono gelato che si lecca da solo” in azione – l’establishment della sicurezza nazionale degli Stati Uniti che crea le stesse minacce che giustificano se stesso. Invece di disinnescare le tensioni semplicemente accettando le richieste russe di lunga data di porre un limite rigido all’espansione verso est della NATO, Washington ha apparentemente deciso che il dominio militare planetario illimitato è così importante che preferisce semplicemente andare a letto con i fascisti veri e propri.
L’alleanza degli Stati Uniti con l’Ucraina nazista si è già dimostrata imbarazzante per un presidente che sta cercando di creare un contrasto con il suo predecessore di estrema destra e stabilire gli Stati Uniti come leader di uno sforzo globale per rafforzare la democrazia. Alla fine dell’anno scorso, in un voto che non è stato riportato dalla stampa, gli Stati Uniti sono stati uno dei due soli paesi (l’altro è l’Ucraina) a votare contro un progetto di risoluzione delle Nazioni Unite “che combatte la glorificazione del nazismo, il neonazismo e altre pratiche che contribuiscono ad alimentare forme contemporanee di razzismo”. Entrambi i paesi hanno costantemente votato contro questa risoluzione ogni anno dal 2014.
L’amministrazione Biden ha usato per il suo no una spiegazione quasi identica a quella usata da Donald Trump, citando il diritto costituzionale alla libertà di parola anche per coloro che hanno opinioni ripugnanti. Ma questa preoccupazione è difficile da far quadrare con il testo, che esprime semplicemente preoccupazione per i memoriali pubblici, le dimostrazioni e la riabilitazione dei nazisti, condanna la negazione dell’Olocausto e la violenza dell’odio, e chiede ai governi di eliminare il razzismo attraverso l’educazione e affrontando le minacce terroristiche di estrema destra – tutto più o meno la stessa retorica e politiche di Biden.
La vera preoccupazione di Washington risiede nella sua descrizione della risoluzione come “tentativi sottilmente velati di legittimare le campagne di disinformazione russe che denigrano le nazioni vicine” – cioè l’Ucraina. Ma le connessioni dell’Ucraina al nazismo moderno sono ben lontane dalle fake news russe, e sono infatti estese e ben documentate: dall’incorporazione ufficiale di Azov nei ranghi delle forze dell’ordine ucraine e dei funzionari governativi con legami di estrema destra agli omaggi sponsorizzati dallo stato ai collaboratori nazisti e alla promozione della negazione dell’Olocausto.
Non è un’ironia da poco che il presidente degli Stati Uniti, eletto in gran parte per fermare la marcia percepita del fascismo in patria, stia continuando a sostenere da tempo i nazisti letterali in quello che potrebbe essere il nesso del fascismo internazionale. E se questi nazisti ucraini sono davvero tra gli insorti addestrati dalla CIA, non sarà una piccola tragedia se un giorno prenderanno la stessa traiettoria di carriera di Osama bin Laden.

Branko Marcetic è uno scrittore dello staff di Jacobin e autore di Yesterday’s Man: The Case Against Joe Biden. Vive a Chicago, Illinois.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy