(Foto di Katie Maehler/Mídia NINJA)

Redação Rio de Janeiro

Dopo aver ricevuto proprio questa settimana il premio Vladimir Herzog per la pubblicazione del suo libro Banzeiro òkòtó, un viaggio in Amazzonia, centro del mondo, la prestigiosa giornalista e scrittrice brasiliana Eliane Brum ha lanciato un commovente appello a votare per Lula (PT) alle elezioni presidenziali di domenica prossima in Brasile. Di seguito la trascrizione e il video originale del suo discorso.

Ieri ho lasciato la mia casa di Altamira, in piena deforestazione amazzonica, per essere qui con voi. Ho lasciato la mia casa dopo aver visto giorno dopo giorno il sole insanguinato prodotto dagli incendi. È un sole rosso, un sole sinistro di crudele bellezza, un sole terrificante prodotto da fuochi criminali. Non c’è niente di più orribile – credetemi – che vedere una foresta che brucia e migliaia di esseri viventi che bruciano con essa. Quest’anno, per la prima volta nella mia vita, non ho seguito l’incendio come giornalista. Ho visto l’incendio da ogni finestra della mia casa.

Questo è il Brasile di Bolsonaro. Il fuoco si avvicina sempre di più e un giorno potrebbe raggiungere tutti noi. Voglio dire in modo molto esplicito che se Bolsonaro sarà eletto domenica, l’Amazzonia è finita. Ha ucciso 2 milioni di alberi in meno di 4 anni. Si è già raggiunto il 20% di deforestazione, quando il punto di non ritorno previsto dagli scienziati è tra il 20 e il 25%.

Se l’Amazzonia finisce, i figli di tutti noi qui avranno un futuro ostile. I figli dall’altra parte del mondo avranno un futuro ostile! Non si tratta della scelta più importante nella vita dei brasiliani, ma di una scelta cruciale per il pianeta. È un’elezione ancora più decisiva per i non umani, che non possono nemmeno votare per fermare la distruzione.

La democrazia brasiliana non ha mai raggiunto i più poveri, i neri, le donne, i popoli della foresta e altri popoli della natura. Ha infastidito troppo poco i bianchi, gli uomini, le classi medie e le persone più ricche di questo Paese. Ed è anche perché non li ha disturbati abbastanza che ci troviamo in questa situazione.

Ormai dovremmo parlare di una democrazia capace di raggiungere non solo tutti, ma anche i diritti della natura. Invece, stiamo lottando per non svegliarci il 31 ottobre in una completa dittatura.

Se Bolsonaro vincerà, l’orrore sarà di un ordine che nemmeno quelli di noi che hanno assistito allo spargimento di sangue sono in grado di concepire. La vittoria di Lula è la nostra migliore possibilità, ma anche così sarà molto difficile. In queste elezioni siamo tra la catastrofe e il molto difficile.

La cosa più importante che posso dire in questa sede è che, a prescindere dal risultato, la lotta non finisce il 31. Quelli di noi che sono vivi stanno affrontando una guerra contro la natura, una guerra planetaria che non finirà finché vivremo. La lotta è eterna e non si può scegliere se essere in guerra o non esserlo. La guerra è già qui e Bruno Pereira e Dom Philips, sette indigeni uccisi in soli 10 giorni a settembre e molti altri solo quest’anno, sono vittime di questa guerra. Ciò che esiste è la scelta di combattere o lasciare che il fuoco ci raggiunga.

Un’amica, quasi paralizzata come tanti dall’orrore di queste elezioni, mi ha chiesto: “Dove troviamo l’aria per respirare?” E io le ho risposto: “Nella lotta, nella lotta collettiva”. In queste elezioni, e ben oltre, l’omissione non è un’opzione.

In momenti come questi, ogni omissione è un’azione. Da oggi a domenica, la cosa migliore che possiamo fare è lottare per ogni voto per Lula, senza perdere di vista il fatto che il 31, qualunque sia il risultato, ci sveglieremo in piedi e continueremo a lottare. Grazie mille.

Traduzione dallo spagnolo di Anna Polo

https://www.pressenza.com/it/2022/10/se-domenica-bolsonaro-viene-eletto-lamazzonia-e-finita/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy