• Michelangelo Severgnini

Il punto non è essere o non essere d’accordo.

Il punto è aver capito la questione.

Quella con cui il governo italiano firma accordi non è la Libia. È una giunta militare coloniale che controlla solo Tripoli e dintorni.

Nel momento in cui i sostenitori di questa protesta le riconoscono lo status di rappresentanza dell’intero Paese, negano in quello stesso momento l’esistenza di autorità legittime in esercizio sulla quasi totalità della Libia.

È questo l’obiettivo principale di questa campagna. Dare la percezione che quella giunta militare coloniale sia uno Stato e sia la Libia tutta, con la quale noi semplicemente ci relazioniamo in modo “sbagliato”.

Ma negare l’esistenza delle legittime autorità libiche è precisamente lo stesso obiettivo che persegue la propaganda di guerra NATO sui propri cittadini dal 2011 oggi

E dunque. Che gioco stanno facendo?

Ah, poi gli accordi saranno firmati, nessun dubbio, le violenze contro i migranti in Libia, ahimè, continueranno.

Perché il punto non era quello. La domanda non era quella.

Non si tratta di armare le milizie per fermare i migranti, ma per proteggere militarmente Tripoli e i nostri sporchi affari con la giunta Dabaiba.

I migranti sono un ennesimo regalo per la giunta. Noi creiamo l’illusione dell’Europa, le milizie riducono in schiavitù chi pensava di andarci e ci fatturano centinaia di milioni di euro ogni anno.

Ritagliarsi il ruolo di “giusti e salvatori” a disprezzo della realtà dei fatti è un malcostume eurocentrico e colonialista.

Bravi, dunque, come siete umani voi

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-come_la_propaganda_garantisce_la_guerra_in_libia/41939_47725/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy