Il reddito di cittadinanza come grande riforma sociale del governo semaforo sembra già fallito. In particolare, le sanzioni che continuano ad essere applicate dal primo giorno mantengono Hartz IV come strumento di pressione.

Dopo settimane di discussioni e il fallimento preliminare nel Bundesrat, venerdì mattina è stato approvato il reddito di cittadinanza per sostituire Hartz IV (la più recente riforma del lavoro tedesca) dal gennaio 2023: Con 557 voti a favore, 98 contrari e due astensioni, i deputati hanno accettato il compromesso del comitato di mediazione. Un compromesso che consiste nel rifiutare le grandi riforme che sarebbero dovute arrivare con il reddito di cittadinanza. La CDU/CSU e l’FDP vedono le cose in modo diverso. Johannes Vogel (FDP) ha affermato che una buona legge è stata migliorata, mentre Thorsten Frei (CDU) ha elogiato il fatto che sia stato mantenuto il principio di base di esigere e promuovere.

Ridurre, tagliare, sanzionare

Ciò che Frei chiama eufemisticamente “esigere e promuovere” è altrimenti meglio conosciuto come “sanzionare”. In origine si pensava che queste sanzioni fossero mitigate in modo significativo dal reddito del cittadino. Inizialmente, la Hartz IV prevedeva una riduzione del 30% delle prestazioni per la prima violazione degli obblighi comportamentali, una riduzione del 60% per la seconda violazione entro un anno e la perdita totale del diritto alle prestazioni per ogni violazione successiva. Alla fine del 2019, tuttavia, la Corte Costituzionale Federale ha dichiarato che una riduzione di oltre il 30% del tasso standard non era costituzionale, seguita da una moratoria delle sanzioni che ha sospeso in larga misura le sanzioni fino al 31 dicembre 2022, anche se è stata mantenuta una riduzione del 10% delle prestazioni in caso di ripetute omissioni o violazioni delle scadenze.

Per il Reddito di Cittadinanza, i partiti di maggioranza avevano inizialmente previsto di fare a meno di tali sanzioni, almeno nei primi sei mesi. La legge ora effettivamente approvata, invece, prevede una riduzione dei benefici in tre fasi a partire dal primo giorno: Per la prima violazione dei doveri è del 10 per cento, per la seconda entro un anno del 20 per cento e per la terza del 30 per cento. In altre parole, il limite che la Corte costituzionale federale ha classificato come massimo ammissibile viene nuovamente raggiunto.

La CDU/CSU, in particolare, ha chiesto il mantenimento di queste sanzioni. Markus Söder (CSU), ad esempio, ha affermato che la popolazione vede l’abolizione delle sanzioni come una completa ingiustizia e si considera un sostenitore dei lavoratori. Per lui, “chi lavora deve avere di più di chi non lavora”. Come nel contesto dell’introduzione di Hartz IV, si manifesta la narrazione del “disoccupato pigro e riluttante”, che si può in qualche modo disciplinare al lavoro solo attraverso dure punizioni. Ricordiamo, ad esempio, Arno Dübel, che qualche anno fa è stato trascinato in tutti i talk show come “il disoccupato di lungo periodo più noto, più sfrontato e più felice della Germania” ed è diventato un’icona della stampa Springer.

Söder è incredibilmente cinico anche quando considera i 502 euro mensili previsti dal reddito di cittadinanza come un favore per i disoccupati rispetto ai lavoratori. Questa valutazione è resa possibile, tra l’altro, dal diffondersi dei bassi salari creato da Hartz IV.

Attraverso le sanzioni, la Hartz IV potrebbe essere considerata un eccezionale mezzo di pressione per costringere le persone ad accettare qualsiasi lavoro, anche se mal pagato. Neologismi come “lavoro a un euro” indicano l’affermarsi di questo approccio nel linguaggio quotidiano. Questo ha avvantaggiato soprattutto le aziende, che hanno potuto ridurre massicciamente i costi salariali senza che i lavoratori si rifiutassero di accettare questi posti di lavoro – la spada di Damocle di Hartz IV pendeva su di loro.

Il riformismo fallito del governo semaforo

Indifferente al suo stesso fallimento, Katja Mast (SPD) ha dichiarato, dopo l’approvazione del reddito di cittadinanza, della più grande riforma sociale degli ultimi decenni, con cui Hartz IV diventava storia. È al limite della dissonanza cognitiva quanto le cose vengano trasformate nel loro contrario e sorvolate. Quella che doveva essere la più grande riforma sociale è diventata allo stesso tempo – insieme alla legge sull’autodeterminazione e alla legalizzazione della cannabis – il progetto di cambiamento per SPD, FDP e Verdi. Infine, Hartz IV è stato introdotto sotto la coalizione rosso-verde di Gerhard Schröder. Il reddito di cittadinanza, che fin dall’inizio non era altro che una riforma, sta diventando il simbolo del riformismo fallito. Sebbene il governo del semaforo cerchi di attribuire la colpa al blocco della CDU/CSU e dell’AfD, persino Friedrich Merz (CDU) è rimasto sorpreso dalla rapidità con cui la coalizione è stata disposta a scendere a compromessi.

I partiti della maggioranza hanno fallito il loro progetto socio-politico più importante, anche se attualmente sono al governo. Il reddito di cittadinanza e il salario minimo non mettono fine al diffondersi dei bassi salari e non sono una prospettiva per i lavoratori e i disoccupati. Come per gli aiuti precedenti, si tratta di un presunto sostegno nella crisi, ma alla fine non porta alcun cambiamento e nemmeno miglioramenti.

Nel 2021, la soglia di povertà era di 1148 euro al mese per un nucleo familiare composto da una sola persona, di 2410 euro per una famiglia con due bambini sotto i 14 anni e di 2869 euro con due bambini sopra i 14 anni. Con l’attuale inflazione superiore al 10%, i limiti per il 2022 saranno probabilmente più alti. Non ci deve essere un salario inferiore a questo limite! È necessario un movimento nelle strade e nei luoghi di lavoro per porre fine al diffondersi dei bassi salari e alla perpetrazione della Hartz IV travestita da reddito di cittadinanza!

Di Nardi

Davide Nardi nasce a Milano nel 1975. Vive Rimini e ha cominciato a fare militanza politica nel 1994 iscrivendosi al PDS per poi uscirne nel 2006 quando questo si è trasformato in PD. Per due anni ha militato in Sinistra Democratica, per aderire infine nel 2009 al PRC. Blogger di AFV dal 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy