Amy  Winehouse           

Ci siamo detti addio soltanto a parole                                     

Sono morta centinaia di volte                                                      

Tu ritorni da lei                                                          

E io ritorno…                                                       

Ritorno su di noi     

Back to black                                      

Ritorno nell’ oscurità

Amy Winehouse è nata il 14 settembre 1983 a Enfield, periferia a 15 chilometri dal centro di Londra. Figlia di una famiglia ebrea, iniziò molto presto la sua attività musicale, fondando all’età di 10 anni il gruppo rap “Sweet ‘n’ Sour, as Sour”.

Amy ai tempi di “Sweet ‘n’ Sour, as Sour”.

 Questo è stato il primo contatto di Amy con la musica e ha già mostrò che avrebbe seguito la strada della musica. Il gruppo non era altro che uno scherzo, ma ha aiutato Amy a sviluppare le sue doti artistiche, che hanno influenzato il padre della cantante, il tassista Mitchell, durante la sua infanzia. All’età di 16 anni, Amy si esibisce cantando e suonando la chitarra elettrica in piccoli bar e pub con il suo amico Tyler James, che l’ha anche influenzata molto. Così ha deciso di inviare alcuni nastri demo con le sue composizioni alla Island Records. Con ciò, è riuscito ad attirare l’attenzione dei prodotti musicali Darcus Breeze. Dopo aver assistito a un’esibizione della cantante e averla conosciuta, ha firmato un contratto con Amy e ha pubblicato l’album Frank nel 2003.               

Dopo aver avuto successo nel Regno Unito con il suo primo album, Amy ha pubblicato il suo secondo album in studio “Back to Black” e ha conquistato il mondo intero nel 2006. Con la sua canzone iconica, “Rehab”, ha venduto migliaia di copie ed è stata considerata una delle più influente del 21° secolo. Nel 2007 ha sposato Blake Fielder, ma sono finiti poco dopo con l’arresto del marito. Dopo un anno di detenzione, Blake torna in libertà, ma questa volta sarebbe stata Amy ad essere arrestata per possesso di stupefacenti. Nel 2009, i due divorziarono dopo che Blake accusò Amy di infedeltà mentre era in prigione. Dopo qualche tempo, il cantante inizia a frequentare Reg Traviss, un regista poco coinvolto con alcol e droghe, ma la relazione non dura a lungo. Da quel momento in poi, scossa dalla fine della sua relazione con Blake e dalla pressione del successo, Amy inizia a concedersi droghe pesanti e alcol. Migliaia di notizie sulle attività illecite del cantante cominciano a spuntare ai quattro angoli del mondo. Foto di lei con il naso macchiato di cocaina, la faccia malandata e il trucco sporco; è stata uno zimbello ovunque. Gli spettacoli sono annullati per ricoveri in cliniche riabilitative e possesso illegale di sostanze tossiche. Il 23 luglio 2011 la cantante viene trovata morta nel suo appartamento. Le cause della morte non sono state confermate dalla polizia inglese di Scotland Yard. Nulla è stato rilasciato sulla vera causa della sua morte, ma la risposta più probabile a questa domanda è l’overdose.

Il corpo di Amy è stato cremato e per diverso tempo le sue ceneri sono rimasti in attesa di collocazione. Alla fine sono state unite a quelle della sua amata nonna Cynthia e disperse all’Edgwarebury Jewish Cemetery. Nel cimitero è stato eretto un sepolcro in marmo con scritte in rosa per ricordare la cantante e la nonna.

Il link con il video di Back To Black è il seguente:

“Back To Black” è il diario di un’anima posseduta dal dio dell’arte e dai propri demoni insieme, una Soul Diva punk che ha sfidato, e raccontato, come una vita può entrare e uscire e riprecipitare ‘nel nero’.

Di Francesco Cecchini

Nato a Roma . Compie studi classici, possiede un diploma tecnico. Frequenta sociologia a Trento ed Urbanistica a Treviso. Non si laurea perché impegnato in militanza politica, prima nel Manifesto e poi in Lotta Continua, fino al suo scioglimento. Nel 1978 abbandona la militanza attva e decide di lavorare e vivere all’estero, ma non cambia le idee. Dal 2012 scrive. La sua esperienza di aver lavorato e vissuto in molti paesi e città del mondo, Aleppo, Baghdad, Lagos, Buenos Aires, Boston, Algeri, Santiago del Cile, Tangeri e Parigi è alla base di un progetto di scrittura. Una trilogia di romanzi ambientati Bombay, Algeri e Lagos. L’ oggetto della trilogia è la violenza, il crimine e la difficoltà di vivere nelle metropoli. Ha pubblicato con Nuova Ipsa il suo primo romanzo, Rosso Bombay. Ha scritto anche una raccolta di racconti, Vivere Altrove, non ancora pubblicata. Traduce dalle lingue che conosce come esercizio di scrittura. Collabora con Ancora Fischia IL Vento. Vive nel Nord Est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy