Congratulazioni a Elly Schlein che ha vinto le primarie del PD.
Speriamo che la sua vittoria rappresenti una vera rottura rispetto al solito Pd neoliberista e guerrafondaio che abbiamo conosciuto dal 2008 a oggi, da Veltroni a Renzi e Letta, dal governo Monti a quello Draghi.

Il suo voto a favore dell’invio di armi così come il suo silenzio sul Governo Draghi restano un discrimine fondamentale.

Ma noi del Partito della Rifondazione Comunista e di Unione Popolare sbaglieremmo a liquidare questa vittoria ottenuta nel voto popolare.

Facile segnalare che Elly Schlein era sostenuta da pezzi consistenti dell’establishment Pd e dei media o che anche lei ha votato per la guerra.

Il segno del voto di chi ha affollato i gazebo e le sedi del PD è la richiesta di una linea più a sinistra, ecologista e femminista.
Se lo sarà o meno lo verificheremo nei fatti.
Già Bersani e Zingaretti suscitarono aspettative del genere per poi deluderle immediatamente.

Aspettiamo di vedere se Elly Schlein cambierà l’impostazione politico-programmatica del PD a partire dalla guerra.

Massimo rispetto per il popolo che ha partecipato alle primarie pur mantenendo la nostra radicale critica del modello politico statunitense di cui il PD è una caricaturale e sciagurata trasposizione italiana.

Nei gazebo ha perso il candidato con il profilo di continuità con il PD del Jobs Act. E questo è un fatto positivo.

A Elly, prima segretaria del Pd, i miei e i nostri auguri di buon lavoro.

Maurizio Acerbo Prc UP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy