Il marxismo è un’arma, un metodo per far fuoco. Sappilo adoperare questo metodo.

Vladimir Majakovskij

Francesco Cecchini


Karl Marx nacque a Treviri, città della Renania-Palatinato (Germania) il 5 maggio del 1818. Ha 201 anni e vive ancora. Le sue analisi si sono rivelate corrette fino ad oggi ed hanno anticipato e percorso i tempi di gran lunga rispetto ai suoi contemporanei. Su alcune tematiche, come lautomazione nel settore produttivo, ha saputo coglierne le gravi conseguenze in termini dialettici. Non va dimenticato che la più grande scoperta ed intuizione di Karl Marx fu la rielaborazione del metodo dialettico (di derivazione hegeliana) applicato allindagine storico-sociale ed economica, vale a dire il materialismo storico e dialettico, valido oggi come nel passato.
Vanno ricordati cinque suoi pensieri ancora validi.
LA STORIA DI TUTTE LE SOCIETA’ CHE SONO ESISTITE FINO AD OGGI E’ LA STORIA DELLA LOTTA DI CLASSE. Karl Marx ha chiarito che la storia dell’umanità non è stata altro che la lotta di classe per il controllo dei mezzi di produzione della società e questo non è cambiato. LA CONTRADDIZIONE ESSENZIALE NELLA SOCIETA’ E’ LA CONTRADIZIONE TRA CAPITALE E LAVORO. Karl Marx sosteneva che questa contraddizione poteva essere risolta solo attraverso una rivoluzione sociale. ALIENAZIONE DEL LAVORO. Il lavoratore che viene espropriato dalla sua forza lavoro e il valore che produce si sentono alienati. Sebbene sappia che produce valore e ricchezza, il suo lavoro non gli appartiene. “Si sente in se stesso fuori dal lavoro.” PLUSVALORE. Il plusvalore è il valore che il lavoro non pagato che il lavoratore crea e che il capitalista si appropria in modo gratuito. Nella sua essenza sta lo sfruttamento. Nulla è cambiato VALORE D’USO, VALORE DI SCAMBIO, DENARO E I BENI. Il capitalismo crea un valore che va oltre il valore dell’uso delle cose. Riduce tutto a una merce, a un valore di scambio che simboleggia e riassume l’esproprio del capitale sul lavoro.
La nota riprende quanto pubblicato da Telesur. Il link è il seguente:


https://www.telesurtv.net/news/marx-ideas-vigencia-capitalismo-trabajo-20180314-0004.html

Di Francesco Cecchini

Nato a Roma . Compie studi classici, possiede un diploma tecnico. Frequenta sociologia a Trento ed Urbanistica a Treviso. Non si laurea perché impegnato in militanza politica, prima nel Manifesto e poi in Lotta Continua, fino al suo scioglimento. Nel 1978 abbandona la militanza attva e decide di lavorare e vivere all’estero, ma non cambia le idee. Dal 2012 scrive. La sua esperienza di aver lavorato e vissuto in molti paesi e città del mondo, Aleppo, Baghdad, Lagos, Buenos Aires, Boston, Algeri, Santiago del Cile, Tangeri e Parigi è alla base di un progetto di scrittura. Una trilogia di romanzi ambientati Bombay, Algeri e Lagos. L’ oggetto della trilogia è la violenza, il crimine e la difficoltà di vivere nelle metropoli. Ha pubblicato con Nuova Ipsa il suo primo romanzo, Rosso Bombay. Ha scritto anche una raccolta di racconti, Vivere Altrove, non ancora pubblicata. Traduce dalle lingue che conosce come esercizio di scrittura. Collabora con Ancora Fischia IL Vento. Vive nel Nord Est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy