Castelli: “La Pianura Padana è la regione più inquinata d’Europa. Migliaia di padani muoiono ogni anno per garantire il lavoro e quindi il reddito di cittadinanza per chi non lavora.”

Castelli contro il Reddito di cittadinanza

Padani che cadono giù come mosche. Strade piene di cadaveri, obitori che non ce la fanno a gestire i flussi continui di arrivi. È una scena tratta da “Il giorno degli zombie” di Romero? No. È il Nord secondo l’ex ministro della Giustizia Roberto Castelli.

“La Pianura Padana è la regione più inquinata d’Europa. Migliaia di padani muoiono ogni anno per garantire il lavoro e quindi il reddito di cittadinanza per chi non lavora.”

“Il Nord non ce la fa più, è veramente in crisi, esiste una questione settentrionale.” Ha continuato l’ex senatore. “Esiste un residuo fiscale che soltanto per la Lombardia vale 50 miliardi ma oggi di queste cose non parla più nessuno”.

Sono le parole che Castelli ha pronunciato venerdì, per chi se le fosse perse,  intervenendo a L’Aria che tira, su La7, alla vigilia del raduno della Lega di Pontida. Ovviamente si è trattato dell’ennesimo attacco contro la misura approvata in Parlamento durante il primo governo Conte con i voti favorevoli non solo del Movimento 5 Stelle, ma anche degli allora alleati della Lega.

Gli attacchi al Reddito di cittadinanza ormai sono un genere letterario accomunabile al fantasy.

Roberto Castelli: “Il Nord non ce la fa più, migliaia di padani muoiono per garantire il reddito di cittadinanza a chi non lavora” (video al link)

https://www.la7.it/embedded/la7?&tid=player&content=451936&title=/laria-che-tira/video/roberto-castelli-il-nord-non-ce-la-fa-piu-migliaia-di-padani-muoiono-per-garantire-il-reddito-di-16-09-2022-451936

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy