MOHAMED DIHANI, OMAR ZEIN BACHIR

Dall’occupazione del Sahara Occidentale da parte del Regno del Marocco, nel 1975, molti sono stati i crimini commessi contro i Sahrawi e che rientrano nel quadro dei crimini contro l’umanità, come le uccisioni di massa: gruppi di saharawi sono stati lanciati dagli aerei, centinaia di persone sono state seppellite sotto le montagne di sabbia del deserto, e il bombardamento dei villaggi del Sahara Occidentale con napalm, fosforo bianco, ecc… bombardamento che ha provocato migliaia di morti tra donne, bambini e anziani.

Ci sono sempre state storie eroiche di donne saharawi che affrontano la repressione e il terrorismo praticato dallo stato di occupazione marocchino con coraggio e forza.

Tra loro c’è una donna saharawi nota a tutti i saharawi e considerata importante e grande combattente ed educatrice della prossima gioventù rivoluzionaria saharawi, la sua voce scuote ancora il nemico marocchino: i saharawi la chiamano “la donna dal pugno di ferro”, Fatimato Dahwara.

Un sito – Ancora fischia il vento – ha tenuto un’intervista con la signora Dahwara per presentare gli inizi della sua lotta. Cercheremo di raccontare la sua storia, che pubblicheremo divisa in parti.

All’inizio del suo discorso, Fatimato Dahwara ha confessato di essere stata molto fortunata ad aver partecipato alle fasi iniziali della rivoluzione saharawi, ancora giovane. Durante la conversazione, Dahwara ha aggiunto che la maggior parte dei pianificatori della rivoluzione sahrawi erano amici della sua famiglia e che la prima lezione che ha imparato da questi giganti rivoluzionari è stata che era importante che questa rivoluzione, che stava per essere lanciata, fosse una rivoluzione a lungo termine per ottenere la vittoria e l’indipendenza.
Dall’inizio della rivoluzione Sahrawi, le donne saharawi hanno fatto molti sacrifici e hanno dimostrato la loro capacità di essere pazienti.

All’inizio della sua testimonianza Fatimato Dahwara ha detto che se qualcuno volesse descrivere la donna Sahrawi, dovrebbe descriverla come un “miracolo”.
Perché le donne saharawi in quegli anni erano analfabete beduine, vivevano in una regione desertica in cui la gente dipendeva dal viaggiare regolarmente, e le donne avevano un valore sociale ma non erano politicamente consapevoli. Ma ciò che porta a descrivere “miracolosamente” le donne sahrawi è che questi ostacoli non hanno impedito loro di lottare, assumersi responsabilità, comprendere la realtà, e la realtà stessa del conflitto che le attendeva.

D’altra parte, c’erano uomini di alto livello che non capivano la realtà e non si assumevano la responsabilità che competeva loro.
La lotta delle donne saharawi non si limitava a una categoria particolare: tutte erano coinvolte “mogli, divorziate, vedove, dalla giovane donna alla più anziana …”. Tutte erano impegnate nei doveri nazionali e nel campo della lotta.
Ma c’erano casi tragici e dolorosi di donne Sahrawi separate dai loro mariti e dal loro unico amore, perché i loro mariti non accettavano che fossero volontarie nella lotta nazionale, per paura di ritorsioni da parte dell’occupazione, o come le donne saharawi che combattevano segretamente per paura che i loro genitori, mariti, fratelli e persone care rivelassero la loro decisione di affrontare un regime che puniva ogni militante e la sua famiglia, in caso di arresto, come è successo con molti sahrawi.
«Eppure non si tirarono indietro».
Fatimato Dahwara dice che il fondatore del Fronte Polisario il mostafa el wali sayed nella sua prima conferenza disse: «Le donne saharawi non possono comprendere o aderire ai principi della rivoluzione se non combattendo l’analfabetismo e l’ignoranza, affinché una rivoluzione di successo raggiunga i suoi obiettivi, non importa quanto a lungo.»
Queste parole e la loro rinnovata risonanza tra le donne nella vita e nella lotta fino ad oggi, hanno mostrato il rispetto e l’amore degli uomini Saharawi per le donne Saharawi.
Le donne saharawi erano il cardine delle cellule sotterranee dell’organizzazione politica del Fronte popolare per la liberazione di Saguia el-Hamra e Wadi El-Zahab nei territori occupati.

La storia non dimentica ciò che fecero le donne saharawi nei primi giorni della rivoluzione: le donne sahrawi vendevano i loro gioielli tradizionali del deserto più costosi.

Le donne saharawi sono state anche le prime a partecipare alle prime manifestazioni che chiedevano l’indipendenza e l’autodeterminazione nel Sahara occidentale, con manifestanti che hanno divorziato dai mariti che volevano impedire loro di partecipare, scegliendo la rivoluzione invece di vivere una vita normale nel costante timore dell’occupazione e dei massacri contro i Sahrawi .

Questo test fatidico condotto da un gruppo di donne saharawi mostra la portata della consapevolezza cresciuta tra le donne saharawi, e oggi quasi l’80% delle istituzioni dello stato saharawi è giudato da donne.

Questo non significa che gli uomini non abbiano offerto nulla, i loro sacrifici sono stati maggiori mentre combattevano nelle prime file, ma oggi racconto delle donne saharawi perché poche persone parlano del loro sacrificio.

 

Il secondo articolo discuterà le fasi dell’arresto e della tortura di Fatimato Dahwara

 

Di Mohamed Dihani/Omar Zein Bachir

Mohamed Dihani Sono un ragazzo saharawi del laayoune la capitale del Sahara Occidentale. Sono il responsabile generale del sito www.wesatimes.com Piattaforma di informazione sul popolo saharawi in 5 lingue. Attivista lotto per i diritti umani collaboro con l'associazione ASVDH (Associazione Saharawi per le vittime di gravi violazioni dei diritti umani) Omar Zein Bachir ragazzo saharawi dei campi profughi di Tindouf - Algeria. Abito a Modena dove ho studiato Tecnico Informatico aziendale e lavoro all'Avis di Modena. Collaboro con l'associazione Kabara Lagdaf di Modena per far conoscere la questione del Sahara Occidentale. Responsabile del sito in italiano Wesatimes piattaforma di informazione sul popolo saharawi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy