(foto pxhere.com)

Questo bambino si chiamava Ali Kinani. Aveva 9 anni quando fu ammazzato in Iraq da 4 contractors (mercenari) della #Blackwater. Il 16 settembre 2007 questi 4 serial killer statunitensi uccisero a Baghdad 14 civili. I quattro – Paul Slough, Evan Liberty, Dustin Heard e Nicholas Slatten – facevano parte di un convoglio corazzato che aprì il fuoco indiscriminatamente con mitragliatrici e lanciagranate su una folla di persone disarmate nella capitale irachena.

Nel 2014, Slough, Liberty e Heard sono stati giudicati colpevoli di 13 accuse di omicidio volontario e 17 accuse di tentato omicidio colposo, mentre Slatten, il cecchino della squadra che è stato il primo ad aprire il fuoco, è stato condannato per omicidio di primo grado. Slatten è stato condannato all’ergastolo; Slough, Liberty e Heard hanno ottenuto 30 anni ciascuno. Il Presidente uscente Trump ha graziato nei giorni scorsi i quattro stragisti che furono condannati durante l’amministrazione Obama dopo le proteste degli irakeni. Ancora una volta si conferma che l’ultradestra rappresenta la versione più barbara, razzista e imperialista dell’Impero. Per l’invasione e l’occupazione dell’#Iraq gli #USA hanno fatto largo uso di questi eserciti di compagnie private, l’esternalizzazione tipica del neoliberismo estesa alla guerra. La compagnia Blackwater, la cui fama stava diventando troppo tetra ha cambiato nome ma continua a seminare morte sul pianeta.
Chi commette #criminiGuerra e #torture per conto dell’imperialismo se la cava, chi li rivela come #ChelseaManning, Julian #Assange, #WikiLeaks,#Snowden è in galera o viene costretto all’esilio.

FreeJulianAssange

Maurizio Acerbo PRC

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy