Siamo arrivati a questo sostiene l’ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis. Chi, come il regista Ken Loach, che da sempre con la sua arte si è schierato dalla parte degli oppressi e dei discriminati, critica Israele come regime dell’aparthied per le discriminazioni subite dai palestinesi venga etichettato con l’infame marchio di antisemita. Israele può accusare di antisemitismo quanto vuole, ma la realtà è questa, come ha ribadito un eroe della lotta all’aparthied in Sudafrica, il Vescovo Desmond Tutu, Premio Nobel per la pace in un articolo recente sul The Guardian ha scritto: “L’apartheid è stato orribile in Sud Africa ed è orribile quando Israele pratica la propria forma di apartheid contro i palestinesi, con posti di blocco e un sistema di politiche oppressive”. Sarà antisemita anche Tutu adesso?

di Yanis Varoufakis

Quindi, siamo arrivati a questo: Ken Loach è ora l’obiettivo di una campagna di attacchi contro personaggi condotta da coloro che non si fermeranno davanti a nulla per proteggere le politiche di apartheid di Israele. 

Il loro messaggio alle persone di buona coscienza è semplice: a meno che anche tu non voglia essere considerato come antisemita, taci sui crimini contro l’umanità e sull’assalto ai diritti umani nella terra di Palestina. Stanno mettendo in guardia il resto di noi: “Se possiamo fare questo a Ken Loach, un uomo che ha passato la vita a difendere le vittime dell’oppressione, del razzismo e della discriminazione, immagina cosa ti faremo. Se osi sostenere i diritti umani dei palestinesi, affermeremo che odi gli ebrei “.

Per fortuna, nessuna campagna diffamatoria contro Ken Loach può avere successo. Non solo perché il lavoro e la vita di Ken sono la prova dell’assurdità dell’accusa, ma anche per i coraggiosi israeliani che corrono rischi terribili difendendo il diritto di ebrei e non ebrei di criticare Israele. Ad esempio, questo gruppo di accademici che ha decostruito metodicamente la definizione indifendibile di antisemitismo dell’IHRA, che la fonde con le legittime critiche a Israele condivise da molti israeliani progressisti. O le persone meravigliose che lavorano con l’organizzazione israeliana per i diritti umani B’TSELEM per resistere alle politiche di apartheid dei successivi governi israeliani. Sono grato a loro come lo sono al mio amico e mentore Ken Loach.

https://lantidiplomatico.it/dettnews-yanis_varoufakis_solidariet_a_ken_loach_per_le_assurde_accuse_di_antisemitismo/82_39769/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy