Dicembre 1, 2021

AFV

Libera la tua mente

IL GOVERNO DEL PARAGUAY OSTACOLA LA MISSIONE UMANITARIA ARGENTINA CHE CERCA LICHITA.

Missione umanitaria argentina in Paraguay


Francesco Cecchini


L’ articolo di Guido Vassallo è stato pubblicato da Pagina/12 il 20 luglio e tradotto da Francesco Cecchini per Ancora Fischia il Vento. Il link con l’ artcolo originale è il seguente:
https://www.pagina12.com.ar/356139-el-gobierno-de-paraguay-pone-obstaculos-a-la-mision-humanitaria
La delegazione è arrivata ad Asunción il 19 luglio per collaborare alla ricerca della quindicenne scomparsa dalla fine di novembre nello stesso territorio dove le sue cugine, Lilian Mariana e María Carmen Villalba, sono state uccise dall’esercito. Il governo paraguaiano ha negato alla Missione umanitaria argentina l’ autorizzazione a ricercare con i propri mezzi Carmen Elizabeth Villalba alias “Lichita”, la ragazza di 15 anni scomparsa da fine novembre a Cerro Guazú. Nello stesso luogo, le sue cugine argentine di 11 e 12 anni, Lilian Mariana e María Carmen, sono state assassinate durante un’operazione della Fuerzas de Tarea Conjunta (FTC) contro la guerriglia dell’ Esercito Popolare Paraguaiano (EPP). Il rifiuto è stato esplicitato dal ministro dell’Interno del Paraguay, Arnaldo Giuzzio, il quale ha affermato che non potranno entrare nel territorio della giungla se non in compagnia dell’esercito, lo stesso che è diventato un incubo per la famiglia Villalba .
“Se è così, dobbiamo stare a distanza di sicurezza e non possono tornare dopo che siamo passati per le comunità per chiedere cosa abbiamo detto, che è quello che hanno fatto nelle prime missioni dell’Unione degli avvocati. Sapevamo di dover affrontare un compito difficile” Pablo Pimentel, leader dell’Assemblea permanente per i diritti umani (APDH) La Matanza e parte della missione argentina arrivata in Paraguay il 19 luglio, ha detto così a Página/12.
La delegazione per i diritti umani prevede di rimanere in Paraguay fino alla fine del mese per incontrare funzionari governativi, leader sociali e politici. Tra le organizzazioni che si sono recate in Paraguay ci sono l’APDH La Matanza, il Movimento Popolare Nuestramérica e il Segretariato dei Lavoratori Migranti e Rifugiati dell’Unione dei Lavoratori dell’Economia Popolare. Fanno parte della missione anche il Movimento di Ribellione Popolare, il Movimento Patriottico Rivoluzionario del Quebracho e le Madri di Plaza de Mayo – Linea Fondatrice.
Come inizio delle attività, la delegazione ha convocato questo martedì una conferenza stampa virtuale davanti al Pantheon Nazionale degli Eroi situato ad Asunción. Dall’Argentina, Nora Cortiñas di Madres de Plaza de Mayo – Línea Fundadora ha assicurato che “la solidarietà tra i popoli è essenziale per trovare Lichita” e ha detto: “Carmen Villalba è vicina al rilascio e cercherà Lichita anche meglio di quanto possiamo fare su questo missione.” Carmen è stata detenuta per 17 anni per essere un membro attivo del PPE. Le sue figlie gemelle, Anita e Lichita, sono nate in prigione.
Dalla capitale del Paraguay e come parte della missione, Laly Machado del Movimento di Ribellione Popolare ha evidenziato: “Questa delegazione viene con grande amore verso il popolo paraguaiano che è anche il nostro popolo. Siamo fratelli e quello che siamo venuti a fare è un atto di solidarietà e impegno. Machado ha osservato che non sono venuti in Paraguay per “dire cosa fare, siamo venuti per chiedere giustizia per le nostre figlie”.
Intanto Pablo Pimentel dell’APDH ha dichiarato: “Che i funzionari che devono dare una risposta non si sentano invasi. Che comunque capiscono di aver toccato un limite che non dovrebbe essere toccato in nessuna parte del mondo”. In questo senso, Pimentel ha ricordato al presidente Mario Abdo Benítez che “il Paraguay è alla finestra del mondo dal 2 settembre” e ha spiegato che il compito degli attivisti popolari è “che questa finestra non si chiuda fino a quando non apparirà Lichita viva e non saranno puniti i responsabili dell’ omicidio delle due bambine”. “Andremo a Cerro Guazú, andremo su tutte le colline e parleremo con tutte le comunità e non vogliamo che ci interrompano nel nostro lavoro”, ha osservato il leader dell’ APDH. Tuttavia, un successivo incontro con il ministro dell’Interno, Arnaldo Giuzzio, non è stato del tutto soddisfacente. Parlando a Megacadena dopo l’ incontro, Giuzzio ha spiegato che se non ci sarà un coordinamento con le forze di sicurezza, la missione argentina non potrà attivare alcuna ricerca. Ha aggiunto che, se lo facessero, “potrebbero anche essere incaricati di qualche atto punibile con l’usurpazione delle funzioni di un ente pubblico”. Il capo del portafoglio degli Interni ha affermato che gli attivisti possono incontrarsi nella capitale paraguaiana “con chi vogliono”, ma è loro vietato recarsi nell’area di Yby Yaú senza l’accompagnamento di “forze di sicurezza specializzate”. Giuzzio si riferiva alla temibile FTC, responsabile dell’operazione in cui i due minori argentini furono massacrati in Paraguay. Quella stessa forza, che ha una lunga storia di esecuzioni extragiudiziali e torture, dovrebbe accompagnare la missione argentina nella sua ricerca.
“Hanno posto una serie di condizioni per cui ci viene chiesto che la FTC ci custodisca. Non possono rischiare questa missione umanitaria andando da soli in un luogo di conflitto”, ha confermato Pimentel prima dell’interrogazione di questo giornale. Al di là dei limiti stabiliti dal governo paraguaiano, il leader dell’APDH ha detto di attendere l’ appello del Viminale per darci le condizioni in cui i mezzi militari o di polizia non possano minimamente interferire con il nostro compito, che è quello di ricreare una fiducia comunità indigene e contadine affinché possano darci indizi e raccontarci cosa sanno della scomparsa di Lichita dal 30 novembre 2020.
Pimentel ha spiegato in questo senso che “non ci può essere nessun tipo di visita dell’ esercito dopo aver lasciato il territorio, perché lì useremo gli strumenti internazionali che abbiamo a nostra disposizione per denunciare la persecuzione di coloro che andremo ad intervistare”.

“Lichita” Oviedo Villalba