In Turchia è iniziata la campagna elettorale per le elezioni presidenziali e parlamentari di metà giugno 2023. Le cose si fanno difficili per il governo Erdoğan, in carica ormai da 20 anni. Il presidente sta perdendo terreno a causa della crisi economica dilagante e delle strategie dei partiti di opposizione.

di Otto König e Richard Detje – Sozialismus

In un sondaggio dell’istituto di sondaggi turco Yöneylem, il 58% degli intervistati ha dichiarato che “sicuramente” non voterà per lui alle elezioni. Naturalmente, i sondaggi sono istantanee e possono cambiare rapidamente. Ma le circostanze politiche ed economiche del Paese suggeriscono che il 2023 potrebbe davvero essere l’anno di un cambiamento di politica.

Il governante autocratico non rinuncerà al potere senza combattere. A livello nazionale, sta cercando di mettere a tacere le voci critiche e di lasciare che i rivali vadano oltre il limite. In politica estera, sta giocando ancora una volta la carta del nazionalismo. Una nuova spirale di attacchi terroristici potrebbe anche dare alla popolazione turca la sensazione di dover sostenere il proprio presidente.

Il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP), ad esempio, ha immediatamente utilizzato l’ultimo attacco mortale nella trafficata via dello shopping Istiklal Caddesi di Istanbul per la sua politica contro il movimento curdo.[1] Dopo aver imposto il blackout delle notizie, il Ministro degli Interni Süleyman Soylu ha immediatamente incolpato il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e le Unità di Difesa del Popolo curdo siriano (YPG) dell’attacco. Le smentite del PKK e dell’YPG o le loro spiegazioni sul perché non sarebbero interessati a un simile attacco non interessano a Erdoğan o alla sua stampa sincronizzata.

Da allora, tra l’opinione pubblica turca si è speculato sul fatto che l’attacco potesse servire come motivo per un’operazione militare turca nel nord della Siria, annunciata da tempo. Secondo Berkay Mandirici dell’International Crisis Group, anche prima del completamento dell’indagine, i funzionari turchi avevano caldeggiato una nuova operazione militare nel nord della Siria. Alcuni mesi fa il presidente Erdoğan aveva ripetutamente affermato che la Turchia avrebbe potuto “arrivare all’improvviso una notte”. Ha anche sottolineato che il suo governo vuole “porre rimedio” ai problemi di sicurezza del Paese “con nuove operazioni”, probabilmente con un secondo fine: gli assassinii, i conflitti armati, le guerre e l’insicurezza che ne consegue spesso evocano un desiderio di stabilità tra la popolazione, rafforzando così la posizione del governante.

Inoltre, Erdoğan continua a giocare ostinatamente la carta del blocco dell’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia, nel caso in cui questi Paesi – e altri Stati membri – non dovessero soddisfare le “richieste di estradizione” del governo turco. In questo modo, può mobilitarsi contro il presunto nemico interno in politica estera e interna in ogni occasione, indipendentemente dal fatto che si tratti di curdi o di sostenitori del movimento Gülen.

Così facendo, si vede in una posizione di forza, dalla quale acquista equipaggiamento bellico russo o – come recentemente nei negoziati sulle forniture di grano dall’Ucraina – si loda come mediatore. Inoltre, mettere sul tavolo gli Stati Uniti in relazione all’attentato di Istiklal Caddesi serve a ricordare ancora una volta all’amministrazione Biden, senza mezzi termini, che la Turchia intende fare quello che vuole nel nord della Siria e che il ritiro degli Stati Uniti dalla regione deve essere accelerato.

Il gioco politico di Erdoğan è trasparente: incanalare e scongiurare le pressioni interne con la politica estera e le manovre militari. Anche l’inflazione galoppante è colpa dei “Paesi stranieri” in questo grottesco. Il calcolato ossequio dell’UE le offre un ampio margine di manovra.

“L’AKP è salito al potere con la promessa che avrebbe democratizzato il Paese, “che avrebbe rispettato i diritti umani e portato la Turchia nell’Unione Europea, che avrebbe creato relazioni pacifiche con tutti gli Stati vicini e risolto i problemi del Paese”, secondo il politologo Ilhan Uzgel.[2] Ma passo dopo passo, l’AKP ha cambiato il suo programma e le condizioni del Paese durante i suoi 20 anni di potere.

Sotto il regno di Erdoğan, la Turchia è diventata autocratica, le sue istituzioni sono state svuotate e ricodificate in modo repressivo. Il sistema giudiziario è crollato, il sistema educativo è un disastro. Giornalisti, scrittori e scienziati critici sono dichiarati terroristi, membri dell’opposizione e sindacalisti nemici dello Stato.

Non si parla più di aumento della prosperità. Il prodotto interno lordo (PIL) nominale è sceso dal picco di 958 miliardi di dollari del 2013 a 815 miliardi di dollari nel 2021, facendo scendere il PIL pro capite da 12.615 a 9.587 dollari. La stragrande maggioranza dei turchi è in declino economico e i “giovani fedeli” sono diventati giovani disoccupati che non desiderano altro che emigrare: Il risultato è una “fuga di cervelli”, ovvero la migrazione di lavoratori qualificati all’estero.

La crisi economica si è manifestata pienamente durante la pandemia, il valore della lira turca si è dimezzato rispetto al dollaro e all’euro e i prezzi di cibo e benzina sono saliti alle stelle. Ciò riflette la dipendenza della Turchia dalle importazioni di molti prodotti, compresa la tecnologia. Il tasso di inflazione ufficiale è salito a settembre a un massimo di 24 anni, pari all’83%. La gente in campagna ha problemi a procurarsi il cibo – le grandi città devono contrastare la situazione con campagne di distribuzione pubblica. Secondo l’istituto di sondaggi Optimar, il 76,6% dei turchi afferma che l’inflazione e la disoccupazione sono i loro maggiori problemi.

Erdoğan è al tappeto. Una perdita di potere potrebbe essere possibile anche perché l’opposizione è riuscita a creare un’alleanza di sei partiti che, nonostante le differenze politiche, sono uniti da un unico grande obiettivo: Erdoğan deve andarsene. Il Partito Popolare Repubblicano (CHP) kemalista, il partito IYI, che si è scisso dall’MHP, il partito islamista Felicity, il Partito Democratico (DP) di destra e due filoni dell’AKP, il Partito della Democrazia e del Progresso e il Partito del Futuro, hanno messo da parte le loro differenze e hanno collaborato.

L’obiettivo è “costruire una Turchia democratica in cui i diritti e le libertà fondamentali siano garantiti nel quadro delle norme del Consiglio d’Europa e dell’Unione Europea, in cui ognuno si consideri un cittadino uguale e libero, in cui possa esprimere liberamente il proprio pensiero e vivere come crede”, si legge nella dichiarazione congiunta. Hanno intenzione di nominare un candidato presidenziale comune e, in caso di vittoria, di garantire una transizione democratica introducendo un nuovo sistema parlamentare con forti controlli ed equilibri. È la prima volta nella storia della Turchia che i partiti di opposizione che rappresentano interessi socio-politici e ideologie diverse presentano una visione collettiva dopo le elezioni.

Tra questi non c’è il Partito Democratico dei Popoli (HDP), il terzo partito dell’opposizione nel parlamento turco. Il co-presidente Mithat Sancar avverte: “Qualsiasi approccio che ignori l’HDP non ha alcuna possibilità di costruire una democrazia reale e forte, una pace sociale completa e duratura in Turchia”. Nel frattempo, l’HDP ha formato l’”Alleanza per il Lavoro e la Libertà” con il Partito della Libertà Sociale (TÖP), il Partito del Movimento del Lavoro (EHP), la Federazione dei Consigli Socialisti (SMF), il Partito dei Lavoratori della Turchia (TİP) e il Partito del Lavoro (EMEP).

Un nuovo sistema economico che garantisca condizioni di lavoro e di vita dignitose, la democrazia basata sulla sovranità del popolo, una soluzione pacifica e democratica alla questione curda, la giustizia, l’uguaglianza e la libertà per le donne, i giovani, i disabili e altri gruppi svantaggiati, nonché la protezione della natura e del patrimonio culturale sono state identificate come aree prioritarie nella dichiarazione (ANF-news 2.10.2022).

La possibilità che l’opposizione abbia una chance dipenderà soprattutto da chi nominare come candidato presidenziale comune e da come l’alleanza di opposizione di centro-destra si comporterà nei confronti dell’HDP. L’HDP sarebbe disposto, ha spiegato Mithat Sancar in un’intervista alla Frankfurter Allgeneinen Zeitung (26.9.2022), a sostenere un candidato comune dell’opposizione, come ha fatto nelle elezioni locali del 2019 a Istanbul, a condizione che i negoziati siano condotti in modo aperto e che vi sia un accordo sui principi del futuro sistema di governo e della transizione.

Secondo i sondaggi, un’opposizione unita otterrebbe più del 60%. Ma questo potrebbe essere un valore irrealistico. Allo stato attuale, secondo tutti gli istituti di sondaggio in Turchia, si arriverà a un ballottaggio tra Erdoğan e presumibilmente il candidato del partito di opposizione. L’ultimo sondaggio dell’istituto indipendente Yöneylem Sosyal Araştırmalar Merkezi ha mostrato che, se le elezioni si tenessero domani, l’AKP otterrebbe il 29,5% dei voti a livello nazionale e quindi per la prima volta si troverebbe dietro al più grande partito di opposizione CHP, che è in testa di pochissimo con il 29,7%.

L’alleato politico di Erdoğan, il Partito del Movimento Nazionalista (MHP) di estrema destra, otterrebbe solo il 6,4% dei voti, portando il sostegno all’alleanza di governo al 35,9%. Il principale alleato del CHP, il Partito del Bene (IYI), otterrebbe il 13,5%, portando il totale del partito di opposizione al 43,2% (Mena-watch 7.11.2022).

Un motivo sufficiente perché l’opposizione si prepari a far sì che Erdoğan faccia di tutto per vincere di nuovo le prossime elezioni con tutta la sporcizia possibile, che si tratti di brogli elettorali, minacce e attacchi legali. L’HDP è oggetto di un procedimento presso la Corte costituzionale per la messa al bando del partito e un assurdo caso è stato intentato contro il sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu per presunti insulti alla commissione elettorale statale.

Imamoglu potrebbe essere condannato alla fine di novembre e quindi sarebbe fuori dalla corsa per le elezioni, e anche il procedimento contro l’HDP potrebbe concludersi con un divieto quest’anno. In questo caso, l’HDP sta già preparando un nuovo partito, la “Sinistra verde” (taz, 13.10.2022). Con la nuova legge sulla censura, Erdoğan vuole sopprimere anche le ultime critiche ancora possibili sui social media.

I tempi per il cambiamento sono maturi. La società turca è in fermento. Tra iperinflazione, crisi economica e repressione politica senza fine, molti turchi desiderano un barlume di speranza. Il nuovo video musicale “Geççek” (“Passerà”) del musicista pop turco-tedesco Tarkan è stato visto più di 18 milioni di volte su YouTube: “Tutto passerà, anche questa tortura finirà, allora balleremo per la gioia”, canta Tarkan e “Sei andato troppo oltre, siamo davvero stufi”.

La canzone può essere intesa come una risposta alla pandemia di Corona, ma milioni di fan la leggono come un messaggio per le elezioni del prossimo anno. Il co-presidente dell’HDP Sancar è ottimista. Anche dopo due decenni di governo dell’AKP, “la coscienza collettiva e il senso di giustizia non sono ancora stati distrutti nel profondo” della società turca.

Note

[1] L’attentato ricorda i passati attentati del 2015 e del 2016, quando un totale di 862 persone sono state uccise da diversi attentati nell’arco di 146 giorni nel periodo di due elezioni parlamentari e di un tentativo di colpo di Stato militare – l’AKP al potere sotto il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha sfruttato la situazione a suo vantaggio all’epoca – e ha riconquistato la maggioranza che aveva perso poco prima. Il fatto che ci sia stato un altro attentato, a circa sette mesi dalle prossime elezioni, sta alimentando le speculazioni.
[2] Ilhan Uzgel ha insegnato all’Università di Ankara fino a quando, cinque anni fa, è stato licenziato per ordine del presidente Erdoğan e gli è stato vietato di lasciare il Paese per aver firmato un appello per la pace sulla questione curda che criticava il governo

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy