Dopo l’ultima raffica di attacchi missilistici russi tutte le centrali nucleari ucraine sono in shut down (precauzionale). In queste ore in Ucraina non c’è più elettricità.

Ucraina, attacco russo devastante

Nuovo violento attacco missilistico su tutta l’Ucraina: la Russia ha sparato “circa 70 missili da crociera”, come riferito dal governo di Kiev. Gli intensi bombardamenti russi hanno causato l’interruzione dell’elettricità nella capitale, così come a Leopoli, e una sospensione delle forniture d’acqua nella capitale. Massicci blackout sono stati registrati anche nella vicina Moldavia.

Tre centrali nucleari ucraine sono state “scollegate” dalla rete elettrica dopo i bombardamenti russi delle infrastrutture energetiche. Lo ha riferito l’operatore che gestisce la rete.

Colpite e danneggiate gravemente diverse infrastrutture.

Questo il comunicato ufficiale delle autorità ucraine: “A seguito degli attacchi nemici alle infrastrutture energetiche, abbiamo sezioni disconnesse dalla rete elettrica nella capitale, nelle regioni di Dnipro, Nikolaev, Lvov, Vinnitsa, Sumy e Kharkiv”.

Al momento risultano senza elettricità le città di Kiev, Charkov, Dnipropetrovsk, Leopoli, Krivoy Rog, Rivne, Luc’k, Nikolaev, Odessa, Sumy, Poltava, Migorod, Khmelnitsky, Zitomir.

Zaporizhzhia scollegata

A causa della diminuzione della frequenza nel sistema energetico dell’Ucraina a seguito dell’attacco missilistico russo di oggi contro l’Ucraina, “la fornitura del fabbisogno della centrale nucleare di Zaporizhzhia dal sistema energetico è stata interrotta”. Lo afferma il servizio stampa dell’operatore Energoatom aggiungendo che la stazione è andata in modalità blackout completo. “Tutti i generatori diesel sono in funzione. Il livello di radiazione nel sito della centrale rimane normale”, afferma l’operatore, citato da Unian.

Manca l’acqua a Kiev

A causa dei bombardamenti, l’erogazione dell’acqua è sospesa in tutta Kiev. I tecnici della rete idrica stanno lavorando per ripristinarla il prima possibile” e per “riportare l’acqua nelle case degli abitanti di Kiev”. Lo scrive su Telegram il sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko, che avverte: “Vi chiediamo di fare scorta di acqua per ogni evenienza”.

Klitschko ha poi aggiunto: “Questo può essere per Kiev il peggiore inverno dalla seconda guerra mondiale. Se le cose andranno secondo lo scenario temuto, potrebbe essere necessario evacuare parte della città, anche se le autorità non vogliono che si arrivi a tanto”.

Zelensky chiede riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Il presidente Zelensky, dopo aver cercato di tenere alto il morale del popolo dichiarando su Telegram che gli “ucraini sono indistruttibili e si rialzeranno“, ha annunciato che chiederà una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere degli ultimi attacchi russi

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy