Gennaio 17, 2022

AFV

Libera la tua mente

Contro la repressione dell’india in Kashmir.

Francesco Cecchini

Arundhati Roy: “Kashmir non è mai stato parte integrale dell’India.”

Da quando Narendra Modi è salito al potere tre anni fa, i nazionalisti indù stanno guadagnando terreno e minacciando le minoranze. Con oltre 100 milioni di membri, il Bharatiya Janata Party, BJP, il più grande partito al mondo, accumula vittorie elettorali a tal punto da sembrare inarrestabile. Dopo il risultato storico del 40% in Uttar Pradesh lo scorso marzo è sulla buona strada per garantire una nuova vittoria per il paese alle elezioni del 2019.  Quindi, fino a dove andrà Narendra Modi? L’India volterà le spalle alla democrazia? Chi sono queste milizie indù, colpevoli di esazione contro le minoranze cristiane e musulmane e sulle quali le autorità stanno chiudendo un occhio? E quali sono i motori di questo nazionalismo hindu?  La questione e le domande riguardano anche il Kashmir. Da quando Burhan Wani giovane comandante è stato ucciso e cresciuta l’opposizione del popolo kashmir all’occupazione dell’India. Dal dall’8 luglio 2016 giorno dell’assassinio del giovane comandante di Hizbul Mujahideen la repressione è stata dura, si parla di centinaia di morti e migliaia di feriti (vedere il recente Memorandum al Segretario Generale dell’ONU, Antonio Gutierrez). Il coprifuoco nello stato del Jammu e Kashmir è durato per mesi e le autorità indiane hanno commesso molte violazioni dei diritti umani. I problemi del Kashmir sono antichi e risalgono alla sua spartizione fra India e Pakistan nel 1947; ciclicamente i problemi esplodono con violenze che negli ultimi vent’anni hanno causato almeno 65mila morti.

Recentemente a nome del popolo del Jammu e Kasmir è stato inviato un Memorandum al Segretario Generale dell’ONU, Antonio Gutierrez.                                        

Nel 70 ° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, noi, popolo del Jammu e Kashmir, con questo memorandum, portiamo alla vostra cortese attenzione che anche l’India è firmataria della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che garantisce i diritti fondamentali alle persone. La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani afferma  l’uguaglianza  e la dignità di ogni uomo, donna e bambino. L’India sostiene di essere una delle più grandi democrazie del mondo. Il preambolo della Costituzione indiana dichiara che il paese è una repubblica sovrana, socialista, laica e democratica. Sfortunatamente, tuttavia, l’India non rispetta questi principi. Il valore della vita di un membro di una comunità religiosa vale di più della vita di un membro di un’altra comunità religiosa e al giorno d’oggi l’India è considerata tra i principali paesi che violano i diritti umani. Ogni anno sempre più civili vengono uccisi dalle forze armate indiane nel Jammu e Kashmir. La violenta repressione in India delle proteste in Jammu e Kashmir dal 1989 ha provocato centinaia di migliaia di morti tra i manifestanti e la detenzione di migliaia di persone. Durante questi anni le forze armate indiane hanno arbitrariamente detenuto e torturato manifestanti pacifici. Le proteste del popolo di Jammu e Kashmir sono per il diritto all’autodeterminazione, contro il mancato rispetto dei diritti umani e la responsabilità di queste violazioni. Le forze armate indiane stanno usando forza eccessiva, pestaggi e detenzioni come strumento per sopprimere la voce del popolo del Jammu e Kashmir. Il popolo del Kashmir da settant’anni è in lotta per l’esercizio del diritto all’autodeterminazione loro assegnato dalla Carta delle Nazioni Unite e delle risoluzioni approvate dal Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla disputa del Kashmir. Le forze armate indiane che godono l’impunità sotto varie leggi hanno commesso crimini di massa nel Kashmir. Le molestie, le minacce, le detenzioni arbitrarie e gli arresti motivati ​​politicamente, le minacce alla libertà di espressione, l’associazione e l’assemblea pacifica, le repressioni sulle proteste pacifiche, le restrizioni alla libertà di espressione, l’imposizione di coprifuoco, restrizioni, incursioni e atti vandalici alle abitazioni sono spesso accoppiati a le repressioni sulle proteste pubbliche e altre sono diventate una caratteristica regolare nel Kashmir. A causa del continuo conflitto, sono stati segnalati numero totale di 361 morti e migliaia di feriti da proiettili e pallottole nelle strade del Kashmir in incidenti violenti durante il 2017 in tutto il Jammu e Kashmir, tra cui civili, personale delle forze governative e militanti. Durante la rivolta popolare del 2016, 152 civili sono stati uccisi, decine e decine di persone private della vista, totalmente o parzialmente, con sparatorie a pellet, centinaia di giovani arrestati e migliaia feriti dalle forze governative indiane nel Kashmir. Ci sono oltre 1900 in attesa di giudizio che languiscono nelle prigioni in tutto lo stato. I rapporti dalle prigioni raccontano storie terrificanti sulla situazione dei detenuti. Ci sono 2364 prigionieri alloggiati in 14 carceri governative nel Jammu e Kashmir. Dei 2364 prigionieri, 1929 sono in attesa di giudizio nelle varie carceri dello stato. Anche quest’anno, molti uomini anziani sono stati arrestati dalla polizia J & K al posto dei loro figli latenti. Sono state ricevute anche notizie sulle minacce a leader del Kashmir a Tihar di pericolosi criminali. Oltre alla tortura fisica, sono state ricevute anche lamentele sulla qualità del cibo. I detenuti che soffrono di gravi disturbi non vengono trasferiti negli ospedali. Le autorità carcerarie costringono i detenuti a passare tutto il tempo in celle strette e scure mentre altri detenuti provenienti da altri stati indiani sono autorizzati a trascorrere il loro tempo all’aperto. È ingiusto, contrario alla legge e allo stesso tempo è ancora peggio se i prigionieri vengono discriminati dalle autorità sulla base della loro appartenenza geografica e religione. Più volte la questione è stata sollevata con gli interessati, ma nulla è stato fatto per alleviare la sofferenza dei prigionieri, invece, il governo indiano sta usando National Investigation Agency (NIA) per sopprimere e mettere a tacere le voci sollevate per il diritto di auto- determinazione. Signore, il governo indiano ha intrapreso una guerra contro la popolazione civile non armata di Jammu e Kashmir. Sta calpestando anche la libertà religiosa e i diritti delle persone. Il governo indiano rifiuta continuamente di accettare la realtà di base nel Kashmir e riconosce l’importanza di una risoluzione pacifica di questa disputa decennale, invece utilizza i metodi di coercizione, repressione e tattiche armate per negare il popolo di Jammu & Kashmir il loro legittimo diritto all’autodeterminazione. Facciamo appello a te stesso e attraverso di te a tutte le nazioni membri delle Nazioni Unite per prendere seriamente nota la situazione prevalente del Jammu e Kashmir e sottolineare al governo il rispetto del diritto all’assemblea pacifica che è un diritto fondamentale. Facciamo appello affinché le Nazioni Unite condannino l’uso non necessario ed eccessivo della forza da parte delle forze del governo indiano in risposta alle proteste. Le Nazioni Unite dovrebbero investigare seriamente le situazioni in cui le forze armate statali hanno usato la forza eccessiva contro i manifestanti, incluso di recente nel Kashmir. Noi, a nome del popolo del Jammu e Kashmir, chiediamo alle Nazioni Unite di annunciare la Giornata internazionale della solidarietà con il popolo di Jammu e Kashmir. Più di centomila persone del Kashmir hanno perso la vita per il diritto all’autodeterminazione. L’International Day of Solidarity offrirà l’opportunità di ricordare alla comunità internazionale che la questione del Kashmir rimane irrisolta e che il popolo del Kashmir non ha ancora raggiunto il suo diritto inalienabile definito dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: il diritto all’autodeterminazione e all’indipendenza nazionale. Chiediamo inoltre al Gruppo di osservatori militari delle Nazioni Unite in India e Pakistan (UNMOGIP) di adempiere i loro obblighi di assicurare la pace lungo la Linea di Controllo (LoC). Il cessate il fuoco non può essere monitorato dagli uffici di Srinagar o Muzaffarabad. Qualcosa di tangibile deve essere fatto per raggiungere l’obiettivo. Il minimo che può fare è portare i belligeranti al tavolo dei negoziati. Le ostilità devono fermarsi immediatamente per salvare ulteriori perdite di vite umane e proprietà. Invitiamo inoltre le Nazioni Unite a diffondere annualmente un’addendum sui crimini e sulle varie violazioni dei diritti umani da parte delle forze governative contro la popolazione del Jammu e Kashmir come priorità. Chiediamo rispettosamente la sua immediata attenzione a questa questione urgente e vi chiediamo di aiutarci a porre fine agli abusi e a garantire la giustizia per i crimini contro i civili come un passo fondamentale verso una pace duratura.               

Cordiali saluti  Syed Ali Shah Geelani, Mirwaiz Dr. Molvi Umar Farooq Mohammad Yasin Malik

https://www.youtube.com/watch?time_continue=10&v=NVw3mkXucaA

Link con precedenti articoli sul Kashmir:

http://ancorafischia.altervista.org/guerra-in-kashmir

http://ancorafischia.altervista.org/kashmir-assedio-senza-fine

http://ancorafischia.altervista.org/kashmir-un-paradiso-fiamme

 

Ecco il testo integrale del memorandum a nome del popolo di Jammu e Kashmir al Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres:

Il Kashmir è un Paese a netta maggioranza musulmana, assoggettato a una dura occupazione (sono circa 500mila le truppe indiane dispiegate nel territorio). Delhi tenta di cambiare i termini della crisi, facendo passare un problema di valenza internazionale e umanitaria in un conflitto politico interno, volendo così escludere l’intervento dell’Onu.

 

L’uccisione di Wani ha così mobilitato una generazione cresciuta sotto quella che è percepita come un’illegittima occupazione indiana.  Wani era un ribelle locale, cresciuto in Kashmir, come lo sono i manifestanti scesi nelle strade 

Burhan Wani giovane comandante di Hizbul Mujahideen è stato ucciso. L’uccisione di Wani ha così mobilitato una generazione cresciuta sotto quella che è percepita come un’illegittima occupazione indiana.  Wani era un ribelle locale, cresciuto in Kashmir, come lo sono i manifestanti scesi nelle strade

 

Il Kashmir è conteso, sino dalla partition nel 1947, da India e Pakistan, per il quale hanno combattuto  guerre, ritenendolo una terra propria . Ha ragione però Arundhati Roy, va aggiunto, però, che il Kashmir non è nemmeno Pakistan.

 

Il Kashmir in India è sottoposto all’ India’s armed forces (special powers) Act (la legge sui poteri straordinari delle forze armate indiane), che attribuisce poteri speciali all’esercito, fin dall’esplosione, nel 1990, di una rivolta armata, segretamente sostenuta dal Pakistan. Da allora sono state uccisi migliaia e migliaia di kashmiri.

 

Sono trascorsi 2 mesi dall’ otto luglio 2016, quando Burhan Wani giovane comandante di Hizbul Mujahideen è stato ucciso. L’uccisione di Wani ha così mobilitato una generazione cresciuta sotto quella che è percepita come un’illegittima occupazione indiana.  Wani era un ribelle locale, cresciuto in Kashmir, come lo sono i manifestanti scesi nelle strade

 

Continuano lo stato d’assedio e altre misure repressive come la sospensione di internet. Ogni giorno vi sono proteste e scontri tra forze dell’ordine e manifestanti. Il bilancio è pesante. Gli uccisi sono 79 i feriti circa 1200.

 

L’attuale tragedia, la sollevazione del Kashmir di quest’anno, ha una storia alle spalle, le cui pagine più importanti sono:

 

     La prima guerra del Kashmir. Iniziò nell’ottobre del 1947 quando il Maharajah dello stato principesco del Kashmir e Jammu fu messo pesantemente sotto pressione per aderire ad uno dei due nuovi stati indipendenti di Pakistan o India.

    La disputa fu poi risolta grazie all’intervento delle Nazioni Unite che tramite la Risoluzione 47 del 21 aprile 1948, divise il Kashmir in territori amministrati dal Pakistan (zone settentrionali e occidentali) e dall’India (meridionale, centrale e nord-orientale).( da Wikipedia).               

 

     La guerra tra India e Pakistan del Kargil del 1999. Truppe pakistane e ribelli del Kashmir si infiltrarono attraverso la linea di controllo che separa i due territori, ed occuparono il territorio indiano nel distretto di Kargil.

    Il governo pakistano ritenne che le sue armi nucleari avrebbero dissuaso l’India dall’intraprendere una escalation su vasta scala nel conflitto, ma l’India lanciò comunque una vasta campagna militare di contrasto degli infiltrati. In seguito al progressivo intervento militare e diplomatico straniero, il Pakistan fu costretto a ritirare entro i propri confini le sue forze di intervento. (da Wikipedia).

 

    Rivolte popolari nelle estati del 2008 e del 2010

 

L’India sul Kashmir è condizionata dalla rivalità con il Pakistan e questo ostacola ogni tentativo di trovare una soluzione duratura. La reazione immediata del governo indiano ai disordini di quest’estate è stata quella di accusare il Pakistan d’intromissione.

 

La situazione economica e sociale in Kashmir La disoccupazione è diffusa e le opportunità economiche sono scarse.  Al Jammu e Kashmir è stato inoltre promesso uno statuto speciale, che gli garantirebbe autonomia, nella costituzione indiana. Ma molti kashmiri adesso vogliono di più: un sondaggio effettuato nel 2010 dal centro studi Chatham House ha rilevato una schiacciante preferenza per l’indipendenza.

 

Se il governo indiano non riconoscerà le aspirazioni e richieste del popolo del Kahsmir , è improbabile che la loro rabbia e rivolta diminuiscano. 

 

Dall’8 luglio, data dell’inizio delle proteste per l’uccisione di Muzaffar Wani, un leader indipendentista, almeno 70 persone sono state uccise e più di 5mila ferite dalla polizia, che da allora ha imposto il coprifuoco.

 

Il Pakistan usa strumentalmente la questione per mettere sotto scacco l’India: all’establishment militare pakistano, che detta la politica nel suo Paese, nulla importa della popolazione kashmira quanto allargare la propria influenza ai danni di Delhi.

 

In questo gioco s’inseriscono le manovre di potenze straniere come Cina, Usa e Inghilterra, che vedono in quella crisi un modo di gestire le relazioni con l’India e il Pakistan, entrambe due potenze regionali nucleari, dosando appoggi ed influenze.

 

Di ciò che vogliono i kashmiri a nessuno importa: essi non sono legati né al Pakistan, né tantomeno all’India; sono stati occupati militarmente da entrambi (e parzialmente dalla Cina), e l’unica cosa a cui ambiscono è l’indipendenza. Gli sciiti e i sunniti del Paese sono stati uniti non solo dalle comuni tradizioni, ma dall’oppressione che li sta schiacciando.

 

La crisi, ormai incancrenita, potrebbe essere risolta rispettando i diritti umani sistematicamente negati, e concedendo loro l’autodeterminazione. Invece, da quando è giunto al potere Narendra Modi con il suo partito nazionalista, il Governo ha preso una serie di misure che aggravano la situazione, come l’immigrazione organizzata di masse di indù per alterare gli equilibri etnici del Kashmir.

 

A differenza del passato Governo, che tentava attraverso lo sviluppo del turismo di ottenere il consenso della popolazione, l’attuale Esecutivo punta ad imporre un approccio ideologico e repressivo in nome dell’induismo quale religione dominante. Il fatto è che il Kashmir, al di là della sua reale portata, è considerato dai politici e militari indiani (e pakistani) come un’insostituibile regione geostrategica, per la quale sono disposti a tutto.

 

Con questi presupposti, la crisi in Kashmir è destinata ad aggravarsi senza che nessun attore internazionale (Onu in testa) si ponga minimamente il problema di un Popolo oppresso. Come sempre.

Here is the full text of the memorandum on behalf of the people of Jammu & Kashmir to Secretary General of United Nations António Guterres:

 

On the 70th anniversary of Universal Declaration of Human Rights, we the people of Jammu and Kashmir through this memorandum bring into your kind notice that India too is a signatory to the Universal Declaration of Human Rights which gives fundamental rights guaranteed to the individuals.

 

Universal Declaration of Human Rights tirelessly affirms the fundamental equality and dignity of every man, woman and child. India claims to be one of the largest democracies in the world. The Preamble to the Constitution of India declares it to be a Sovereign, Socialist, Secular and Democratic Republic.

 

Unfortunately, however India does not adhere to these principles. The value of life of a member of one religious community is more than the life of a member from another religious community and nowadays India is considered to be among the major human rights violating countries. Every year more and more civilians are killed by Indian armed forces in Jammu & Kashmir.

 

India’s violent repression of protests in Jammu & Kashmir from 1989 resulted in hundred thousand deaths of protesters and the detention of thousands. Indian armed forces arbitrarily detained and tortured peaceful protesters during these years.

 

The protests by the people of Jammu & Kashmir are carried for right of self-determination, against the failure to respect human rights and account for violations. The Indian armed forces are using unnecessary or excessive force, beatings, and detentions as a tool to suppress the voice of the people of Jammu & Kashmir.

 

The people of Kashmir for the past seventy years are in a struggle for the exercise of their right to self-determination accrued to them under United Nations Charter and the resolutions passed by UN Security Council on Kashmir Dispute. The Indian armed forces enjoying impunity under Armed Forces (Special Powers) Acts (AFSPA) and other such laws have committed mass crimes in Kashmir. Harassment, threats, arbitrary detentions and politically motivated arrests, threats to freedom of expression, association and peaceful assembly, crackdowns on peaceful protests, restrictions on freedom of expression, imposition of repeated curfews, restrictions, raids, and vandalizing of homes are often coupled with crackdowns on public protests and others have become a regular feature in Kashmir. Due to continuing conflict total number of 361 deaths and thousands injured by bullets and pellets on the streets of Kashmir in violent incidents during 2017 across Jammu & Kashmir were reported, which included Civilians, Government Forces personnel and Militants.

 

During the popular uprising of 2016, 152 Civilians were put to death, scores of persons deprived of their vision either completely or partially by pellet firing, hundreds of youth arrested and thousands injured by the Indian government forces in Kashmir. There are over 1900 under-trials languishing in jails across the state.

 

Reports from jails narrate horrifying stories about plight of detainees. There are 2,364 prisoners lodged in 14 government jails in Jammu and Kashmir. Of 2,364 prisoners, 1929 are under-trials in various jails of the state—including 347 convicts and 118 detainees. This year again, many elderly men were detained by the J&K Police in place of their absconding sons. Reports about manhandling of Kashmiri leaders in Tihar at the hands of dreaded criminals have also been received. Apart from physical torture, complaints about quality of food have also been received. Prisoners suffering from serious ailments are not moved to hospitals. The jail authorities force detainees to spend all the time in narrow and dark cells while other inmates from other Indian states are allowed to spend their time in the open. It is unfair, against the law and at the same time it is even worse if prisoners are discriminated by the authorities on the grounds of their geography, religion and relationship.

 

Time and again the matter has been raised by us with the concerned but nothing is done to ease the suffering of the prisoners, instead, Government of India is using National Investigation Agency (NIA) to suppress and muzzle the voices raised for right of self-determination.

 

Sir, the Government of India has waged a war against the un-armed civilian population of Jammu & Kashmir. It is trampling the religious freedom and rights of the people as well. The Government of India is continuously refusing to accept the ground reality in Kashmir and recognize the importance of a peaceful resolution to this decades-old dispute, instead it is using the methods of coercion, suppression and arm-twisting tactics to deny the people of Jammu & Kashmir their legitimate right of self-determination. We appeal to your good self and through you to all the member nations of United Nations to take serious note of the prevailing situation of Jammu & Kashmir and stress upon the government to respect the right to peaceful assembly which is a fundamental right. We appeal that United Nations should condemn the unnecessary and excessive use of force by Indian Government forces in response to protests. United Nations should seriously investigate the situations in which state armed forces have used excessive force against protesters, including most recently in Kashmir.

 

We on behalf of people of Jammu & Kashmir demand that United Nations should announce International Day of Solidarity with the people of Jammu & Kashmir. More than hundred thousand people of Kashmir have lost their life for right of self-determination. International Day of Solidarity will provide an opportunity to remind the International community that the question of Kashmir remains unresolved and that the Kashmiri people have not yet attained their inalienable right as defined by the UN General Assembly, including the right to self-determination and national independence.

 

We also demand the United Nations Military Observer Group in India and Pakistan (UNMOGIP) to fulfill its obligations to ensure peace along the LoC. Cease-fire cannot be monitored from Srinagar or Muzaffarabad offices. Something tangible needs to be done for achieving the objective. The least it can do is to bring the belligerents to the negotiating table. The hostilities must stop immediately to save further loss of life and property. We also appeal United Nations to circulate an addendum every year on the crimes and various human rights abuses by government forces against people of Jammu & Kashmir as a priority. We respectfully request your immediate attention to this urgent matter and request you to help us in ending abuses and ensure justice for crimes against civilians as a key step toward lasting peace.

 

Sincerely

 

Syed Ali Shah Geelani, Mirwaiz

 

Dr. Molvi Umar Farooq

 

Mohammad Yasin Malik