«Non serve utilizzare la legge Mancino o la legge Scelba per sciogliere CasaPound, basta il codice penale», dice il presidente dell’Osservatorio Nuove Destre, Saverio Ferrari

«Abbiamo espulso i due ragazzi accusati di stupro perché il nostro è un partito sia serio che etico» ha affermato Mauro Antonini, coordinatore di CasaPound della regione Lazio, in un’intervista a Open. I due ragazzi sono Francesco Chiricozzi e Riccardo Lecci e sono stati arrestati con l’accusa di aver violentato in gruppo una donna di 36 anni. «Noi siamo per condannare chiunque possa fare, o anche solo pensare di fare, una violenza su una donna, su un debole, su un indifeso o su una persona in condizioni di fragilità», ha dichiarato Antonini.

Di fatto, è la prima volta che CasaPound rende nota l’espulsione di un militante del suo partito per atti violenti, nonostante alcuni membri dell’organizzazione siano stati a più riprese indagati e condannati per aggressioni. Nell’ultima relazione pubblicata dal Viminale risulta che dal 2011 al 2016 ci sono stati 20 arresti (uno ogni tre mesi) e 359 denunce (circa una ogni 5 giorni) per membri di CasaPound, tra cui molte per violenze. Il documento era stato prodotto dopoun’interrogazione parlamentare rivolta al Ministero dell’Interno, allora presieduto da Angelino Alfano, depositata dal deputato Sel Stefano Quaranta. Da allora non sono stati pubblicati altri dati ufficiali, ma tra il 2013 e il 2018 l’Osservatorio delle nuove destre ha recensito 66 aggressioni.

Continua….

https://www.open.online/primo-piano/2019/04/30/news/casapound_denunce_viminale_associazione_delinquere-203317/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy